Monte Ceraulo, le associazioni chiedono la gestione  L’attivista: «Restituire il bosco dopo anni di chiusura»

Un bosco sull’Etna con diverse specie vegetali da proteggere. Si tratta di monte Ceraulo. L’area naturale, che appartiene al Comune di Mascalucia, è attraversata dai sentieri e costellata da diverse piante che costituiscono una grande macchia verde alle pendici del vulcano. Attualmente però i cancelli per accedere all’interno di quello che dal 2009 è diventato un parco protetto sono chiusi. Negli anni Novanta la Regione Sicilia ha cercato di tutelare il bosco apponendo alcuni vincoli paesaggistici ed espropriandolo ad alcuni privati. Per qualche anno è stato gestito delle Giacche verdi di Mascalucia, gruppo di protezione civile a cavallo. L’affidamento temporaneo finisce nel 2012. L’amministrazione non riesce a stipulare successivi accordi con altre associazioni per rinnovare l’affido, probabilmente anche per questioni di natura economica, così l’area naturale viene chiusa. 

Per donare nuovamente il parco alla comunità e agli appassionati, dallo scorso febbraio diverse associazioni di volontariato che operano sul territorio hanno voluto collaborare, con l’obiettivo di stipulare un protocollo d’intesa con il Comune di Mascalucia per gestire l’area. «Ci siamo riuniti con la giunta comunale per decidere come fare per riaprire il parco, anche iniziando dai fine settimana. Abbiamo presentato un programma di gestione così da coinvolgere tante realtà – spiega Giulio Pappa a MeridioNews – Attualmente è tutto chiuso, ma ci sono alcuni varchi da cui si può accedere: infatti è frequente notare tante persone che entrano abusivamente, sebbene non facciano nulla di male. Certo, c’è da dire anche che si sono verificati alcuni atti vandalici, anche se isolati, alle due strutture presenti all’interno». 

Giulio Pappa fa parte dell’associazione Mascalucia 2030 e, insieme ad altri attivisti, chiede che il posto possa venire affidato in modalità permanente. Per questo motivo tutte le realtà di volontariato hanno deciso, con l’autorizzazione da parte del Comune, di organizzare due iniziative fissate per il 5 e per il 6 giugno. «Il primo giorno ci sarà la pulizia del parco con la giornata dedicata a Plastic free, mentre per il 6 abbiamo organizzato un open day con tutte le associazioni e i cittadini con attività organizzate in vari punti del parco. A queste giornate stiamo pensando di aggiungerne anche altre nei prossimi mesi – continua l’attivista – Aspettiamo una risposta del Comune alla nostra proposta di gestione del 30 aprile, a cui abbiamo allegato un progetto di riqualificazione con la pulizia dell’area. Chiaramente vorremmo procedere secondo le regole, anche passando attraverso un bando di gestione». 

Alle richieste del gruppo di volontari l’assessore all’Associazionismo Raffaele Gibilisco si dice disposto a collaborare. Tuttavia, secondo il componente della giunta guidata dal sindaco Vincenzo Magra, la volontà politica è quella di permettere a tutte le associazioni attraverso le richieste di potere utilizzare il parco. «Parliamo di un luogo che va salvaguardato – puntualizza – Noi non chiediamo nessun pagamento alle associazioni, ma siamo aperti alle richieste di tutti. Già da adesso, infatti, qualsiasi associazione può scegliere di gestirlo con una semplice richiesta al Comune». Secondo le normative vigenti, secondo Gibilisco, non sarebbe possibile attuare un affidamento permanente senza passare da un bando di gestione. «Non possiamo dare l’esclusiva soltanto a un gruppo di associazioni – aggiunge l’assessore – Se dovesse arrivare la richiesta di un’altra sigla che finora non si è presentata, dobbiamo poterla accogliere: per questo, al momento, optiamo per la calendarizzazione temporanea degli affidi».

Su monte Ceraulo intanto esiste anche un progetto di finanziamento di 300mila euro attraverso i fondi del Gal Etna Sud. Le associazioni che parteciperanno alle due iniziative di giugno e che si sono fatte avanti per la gestione sono il Comitato Ambientiamo, Centro giovanile di Mascalucia, Club alpino italiano (Cai) di Catania, il comitato della Croce rossa di Mascalucia, Fratres di Mascalucia, Giacche verdi di Mascalucia, le associazioni Decima Musa e Ti conto e ti racconto, Etna Walk, Tupeté, il comitato Massa Annunziata-Mompileri, Plastic free Mascalucia, Mascalucia 2030 e Lipu Ctania e Wwf-Sicilia Nord Orientale.


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]