Mompileri, restaurata la statua della Madonna delle Grazie «Opera riconducibile allo scultore siciliano Antonello Gagini»

Dopo un lungo e accurato lavoro di restauro, è tornata all’originale splendore la statua della Madonna delle Grazie, custodita nel santuario di Mompileri, a Mascalucia, e da tutti conosciuta come Madonna della Sciara. La stessa che il 12 marzo del 1669 venne inghiottita dalla lava e che poi fu ritrovata nel 1704 a decine di metri sottoterra e protetta dal fuoco dell’Etna da una bolla d’aria. A distanza di secoli questo simulacro, capolavoro d’arte che gli studiosi di settore attribuiscono alla bottega di Antonello Gagini, è stato restituito ai fedeli. Partecipazione in massa al solenne evento, alle porte della settimana santa e a cui non è voluto mancare l’arcivescovo di Catania Luigi Renna. 

«È un invito alla rinascita – ha dichiarato Renna -, perché la Madonna di Mompilieri nella sua rappresentazione ha un elemento che richiama la passione: il bambino ha in mano un cardellino che, secondo una leggenda, rinvia proprio al mistero della Passione, al Cristo che con il suo sangue versato per noi ha dato la salvezza a tutta l’umanità. Questa rappresentazione delle Vergine, madre di grazia, in questo momento ci invita a vivere la settimana santa come un tempo di rinnovamento totale della nostra vita. Abbiamo bisogno di questo rinnovamento in tutto il mondo per le condizioni di guerra a noi vicine. Ne abbiamo bisogno nella società civile, fortemente segnata da tante situazioni che, ancora una volta, umiliano la nostra umanità». 

Ai presenti il capo della chiesa catanese ha ricordato, nel breve momento di preghiera che ha presieduto, di pregare e invocare Maria così come papa Francesco ha chiesto: madre della misericordia, madre della speranza e aiuto dei migranti. Invito accolto dal rettore del santuario di Mompilieri, padre Alfio Privitera. Soddisfatto per il lavoro di restauro effettuato, che ha restituito giustizia alla storia artistica dell’opera, ha evidenziato come davanti a tanto orrore che proviene dagli scenari di guerra, lo sguardo della Madonna della Sciara vuole restituire bellezza e fiducia nel futuro, confidando in Dio. «È stato effettuato un intervento di ripulitura, restauro conservativo e riqualificazione – ha detto Privitera – di un manufatto che ha subito il crollo di una parete e la lava che ha ricoperto tutto». E ha aggiunto: «Quando questa statua è stata ritrovata, dopo 35 anni, era danneggiata in alcuni punti. Della brava gente di allora, che curò il recupero, preferì ridipingerla ma facendole perdere le sembianze originali». 

«Per circa 300 anni siamo stati abituati a vedere la Madonna della Sciara con delle sovrapposizioni di colore», ha commentato il parroco. «Tolti questi strati, secondo la Sovrintendenza, quest’opera può essere ricondotta al più grande scultore cinquecentesco che opera in Sicilia, Antonello Gagini. Un Questo intervento di recupero è stato effettuato perché era un debito nei confronti della storia. Oggi esistono delle tecniche di restauro che non sono quelle di oltre tre secoli fa. Abbiamo gli strumenti per dire la verità e sfatare alcuni messaggi – conclude Privitera -. Le fratture assumono una valenza forte: la nostra vita piena di sconfitte, di cadute ma anche di rinascita e di possibilità per rialzarci. A testimonianza che anche Maria condivide le nostre esperienze».


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]