Modica, il cuoco Lucifora picchiato e strangolato La camera ardente e i funerali nel suo Duomo

Adesso non ci sono più dubbi: Giuseppe Lucifora è stato ucciso. Chi ha
assassinato il 58enne cuoco dell’ospedale di Modica, domenica pomeriggio nella sua casa al quartiere Dente, lo ha picchiato e strangolato fino a provocare quello che tecnicamente
viene definito soffocamento meccanico. Lucifora avrebbe provato a difendersi,
come dimostrerebbero i segni delle percosse sul volto e la frattura della mandibola
con spostamento dalla sede originaria, ma la stretta delle mani al collo non gli ha
lasciato scampo. 

Sono i primi risultati dell’autopsia (per quelli completi bisognerà
aspettare 60 giorni) eseguita ieri sera all’ospedale di Modica dal medico legale
Giuseppe Iuvara
, che hanno escluso l’ipotesi del malore. Giuseppe Lucifora
domenica non era solo e chi si è sporcato le mani del suo sangue lo ha poi
lasciato chiuso a chiave, seminudo, in camera da letto. Proprio la porta chiusa a
chiave, senza che la chiave fosse ritrovata, era stato il primo elemento a far
propendere per la pista della morte violenta. 

Lucifora a Modica lo conoscevano tutti. Le sue
frequentazioni e le sue amicizie abbracciavano ogni categoria, dagli operai alla
nobiltà, e tutti gli volevano bene. Lavorava come cuoco per l’Asp 7, all’ospedale
Maggiore
, ma si divertiva a cucinare anche per le persone che conosceva. Non
era sposato, non aveva figli e qualche anno fa aveva perso l’amata madre. Da
allora viveva solo e solo lo hanno trovato, domenica, i vigili del fuoco, intervenuti
dopo una telefonata e costretti a forzare prima la porta d’ingresso e poi quella
della camera da letto, dove lo hanno rinvenuto riverso tra il letto e il comodino

Le
indagini sono condotte dai carabinieri, coordinati dalla Procura di Ragusa. Il
fascicolo inizialmente era stato aperto per omicidio «solo perchè alcuni
elementi non facevano escludere la morte violenta». Adesso l’ipotesi
della morte naturale è tramontata e per trovare l’assassino o l’assassina sarà
fondamentale ricostruire le ultime ore di vita dell’uomo

L’allarme è scattato quando alcune persone per le quali doveva allestire un
catering, non riuscendo a mettersi in contatto con lui, hanno cercato di capire
come rintracciarlo. Si è temuto il peggio quando la sua auto e la sua moto sono
stati trovati parcheggiati sotto la sua abitazione
, e poco dopo è arrivata la triste
conferma. Sul posto anche il 118, la polizia locale e il sostituto procuratore di
turno, Francesco Riccio

Devoto di San Giorgio, patrono di Modica, era lui che, col suono della campanella, apriva il varco ai
portatori per far passare il simulacro del Santo Cavaliere in sicurezza, e tutti
adesso lo piangono. Il presidente, Marco Borrometi, in un post di qualche ora fa
ha scritto: «L’amico di sempre, l’amico di famiglia, l’amico di tutti. I tuoi
insegnamenti risuoneranno con gioia e vigore come quella campana che stringevi
in mano. So che sarai sempre accanto a noi e accanto a me. Modica perde tanto».
Ma non solo San Giorgio, il suo volto non poteva mancare nemmeno la domenica
di Pasqua,
in occasione della Madonna Vasa Vasa. Era lui, col suo banchetto
sotto Palazzo San Domenico, a tener viva la tradizione dei cedri. «La notizia della
scomparsa dell’amico Peppe Lucifora – ha scritto il sindaco, Ignazio Abbate – mi
lascia senza parole. Senza cadere nella retorica, era veramente amato da tutti a Modica. Le feste della Madonna Vasa Vasa e DI S.Giorgio non saranno più le
stesse senza la sua campana e i suoi cedri con il sale… se abbiamo riscoperto le
carcaree di Via Fontana il merito è stato soprattutto su
o che era il “custode
morale” di tutta la zona». 

Gli interrogatori intanto vanno avanti senza sosta. Amici, vicini di casa, conoscenti,
familiari, tutti sono chiamati a ricostruire le abitudini dell’uomo, cosa non semplice
dato che era uno spirito libero e che teneva ben segreta la propria vita privata. La
salma, ultimata l’autopsia, è stata restituita alla famiglia e la camera ardente è
stata già allestita nel suo Duomo di San Giorgio
, dove domani, alle 15, saranno
celebrati i funerali.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]