Modica, arrestato dirigente medico dell’ospedale Visite a 150 euro sfruttando la struttura pubblica

Avrebbe visitato pazienti all’ospedale Maggiore di Modica utilizzando attrezzature, locali e forza lavoro dell’Asp per i suoi tornaconti personali. Cosi stamane è stato posto agli arresti domiciliari Carmelo Aprile, dirigente medico e specialista in gastroenterologia a cui sono stati contestati i reati di truffa pluriaggravata ai danni dello Stato, abuso d’ufficio e peculato aggravato. La denuncia è partita da un paziente.

L’attività investigativa svolta dai carabinieri di Modica, sotto la direzione della Procura di Ragusa, con attività d’intercettazione telefonica, acquisizione di documentazione presso l’Azienda Sanitaria Provinciale e l’interrogatorio di numerosi pazienti, ha permesso di far emergere «una consolidata gestione personalistica e scorretta», a danno dello Stato e di pazienti spesso bisognosi e poco abbienti, della pubblica funzione del dirigente medico indagato, rapporto di lavoro a tempo pieno ed esclusivo. 

Lo specialista avrebbe svolto costantemente numerosi esami diagnostici e visite mediche, utilizzando mezzi, farmaci, locali e forza lavoro dell’ospedale dove presta servizio, violando le norme, poiché, non essendo autorizzato allo svolgimento di attività di libera professione in intramoenia, avrebbe indotto molti pazienti a non prenotare tramite centro prenotazioni, e avrebbe preteso, come  corrispettivo della visita, somme di denaro anche maggiori rispetto al prezziario regionale. 

Tutti i versamenti sarebbero avvenuti in contante, senza rilascio di ricevuta fiscale, con danno ingente sia ai pazienti che al servizio sanitario nazionale. Il delitto di peculato contestato si sarebbe concretizzato nell’aver svolto visite ed esami appropriandosi delle strumentazioni della struttura sanitaria. L’abuso d’ufficio si sarebbe configurato anche nei casi in cui, senza copertura normativa, ha svolto prestazioni sanitarie a titolo amicale e gratuito, provocando danno economico all’Azienda Sanitaria, nonché violando i principi di corretta gestione delle liste d’attesa previsti dal Piano Regionale vigente. 

L’indagine, scaturita dalla denuncia di un cittadino che coraggiosamente ha ravvisato che la condotta dello specialista non fosse corretta, è durata da gennaio a novembre 2018 e ha portato al provvedimento di fermo in breve tempo. I malcapitati pazienti si vedevano costretti a versare anche 150 euro per un esame diagnostico a fronte di un ticket molto minore, che avrebbe assicurato anche alle casse dell’ospedale il corretto corrispettivo per l’uso dei mezzi.

«I reati per i quali il gip del tribunale di Ragusa ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare – ha raccontato ai microfoni di MeridioNews il capitano della compagnia di modica Francesco Ferrante – sono la truffa pluriaggravata e continuata nei confronti dello Stato e dei pazienti che sono stai indotti tramite raggiri a versare una somma alquanto ingente per esami diagnostici direttamente al medico e senza fattura invitando gli stessi a non fornirsi del centro unico di prenotazioni dell’Asp. Purtroppo siamo in un contesto in cui la consuetudine all’italiana del così fan tutti è ancora diffusa. In questo caso – conclude Ferrante – c’è stato da parte del medico un totale spregio delle regole».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]