Moderne storie di Donne in guerra durante il Fascismo Lo Stabile apre con un viaggio tra sofferenze e coraggio

Sullo sfondo dell’estate del 1944, sei donne, assai diverse tra loro, si ritrovano insieme. In quell’Italia flagellata dalla guerra civile, in cui si piangono i morti mentre gli uomini si trovano al fronte, vivono la drammaticità della loro solitudine. Tempi difficili, in cui i sogni e i desideri possono essere affidati anche a un ciglio poggiato su una guancia. Un racconto che si snoda in un’ora e quaranta minuti quello di Donne in Guerra, lo spettacolo inaugurale della nuova stagione del Teatro Stabile di Catania scritto a quattro mani dalla direttrice Laura Sicignano, che ne cura anche la regia, e da Alessandra Vanucci.

Parte integrante della rappresentazione e partecipe del dramma che man mano si consuma sulla scena è anche lo spettatore che, senza accorgersene, si ritrova sul treno insieme alle protagoniste che si mischiano al pubblico, coinvolgendolo. La morte, la mutilazione, i bombardamenti, la paura dei tedeschi, ma anche la voglia di essere come loro e la gioia di vedere il Duce. Lo spettatore vive tutto, attraversa la storia insieme alle sei donne sempre presenti sulla scena. I personaggi si raccontano con parole semplici. Ma anche dure e, soprattutto, vere. Ciascuna di loro ha ancora vivo davanti agli occhi un frammento di esistenza che, come una bomba, le ha segnate per sempre. Un racconto incessante e continuo che diventa quasi terapeutico perché le aiuta a non dimenticare.

Magistrali le interpretazioni delle sei protagoniste. Federica Carruba Toscano veste i panni di Maria, la casalinga che diventa operaia; Egle Doria quelli di Zaira, la levatrice. Isabella Giacobbe è Irene, la più fragile di tutta la storia; Barbara Giordano diventa Anita, la partigiana; Leda Kreider si trasforma in Milena, l’ausiliaria di guerra affascinata dal fascismo e Carmen Panarello è la signora De Negri, madre e moglie modello. Bella e intensa la scenografia. Al centro di tutto il binario di un treno, spartiacque tra la vita e la morte, lungo il quale ognuna della protagoniste ripercorre la propria esistenza in un viaggio tra la felicità dei ricordi e il dolore del momento.

In un contesto di ottant’anni fa, le donne sulla scena appaiono decisamente moderne e attuali. Sono forti, eroine che non si piegano mai, anche se ferite. Lo spettacolo è un fiume in piena: le loro parole danno battaglia. «Perché? Le donne non fanno la guerra?», fa risuonare Irene. E, dopo aver visto questo spettacolo, la domanda tormenta lo spettatore. A volte vincono, altre perdono. A volte riescono a cambiare un destino già segnato, a volte no, ma ci provano sempre. Come le protagoniste che, alla fine, spogliate dei loro abiti, delle loro vite, dei loro sogni e dei loro desideri, cantano insieme vestite di bianco, unite in un ultimo coro, «Non dimenticar le mie parole». Un motivo liberatorio, come il lungo applauso che le accoglie alla fermata del loro ultimo treno.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]