Minori, la commissione Antimafia riunita allo Sperone Fava: «L’ascensore sociale si è fermato ai piani alti»

L’ultimo atto dell’indagine della commissione parlamentare Antimafia dell’Assemblea regionale siciliana sulla condizione dei minori in Sicilia è andata in atto sul campo, con le audizioni tenute alla scuola Sandro Pertini del quartiere palermitano dello Sperone. Dispersione scolastica, condizioni dei giovani nelle periferie, possibilità dei minori di avere una vita serena solo alcuni tra i temi indagati in una situazione complessiva che appare piuttosto delicata.

«Una situazione che in parte ci aspettavamo, ma che col racconto di esperienze concrete diventa ancora più allarmante – dice il presidente della commissione Claudio Fava – Un racconto che dice che qui il concetto di periferia non è solo un concetto di distanza geografica, ma entra nelle vite delle famiglie, delle persone e i ragazzi sono l’anello più fragile. Diceva un professore: “l’ascensore sociale si è fermato ai piani alti”». 

Tante le voci sentite in queste settimane: insegnanti, professionisti, magistrati, operatori sociali e volontari delle associazioni. «Quando ti raccontano che un intervento neuropsicologico urgente per un ragazzo con forte disagio viene caratterizzato 13 mesi dopo essere stato chiesto – prosegue Fava – quando ti spiegano che l’unico progetto realmente cantierabile in tempi stretti è un’altra stringa di case popolari, mentre piscine, strutture sportive, parchi giochi, restano in un limbo lontano e astratto ti rendi conto che bisogna intervenire su queste periferie con fatti concreti, non solo con parole di affetto e preoccupazione. C’è bisogno di tirare fuori questi ragazzi dalla loro solitudine». 

Un’impresa non semplice se si guarda a un contesto in cui l’offerta di un’alternativa di vita talvolta sembra un miraggio. «Stiamo parlando di ragazzi che vivono in un disagio sociale fortissimo, a cui viene data una risposta solo di tipo repressivo – prosegue ancora il deputato – Se la scuola viene vista come un’entità forestiera, è chiaro che si trova un suo protettore, un suo modello di vita. E quando guadagni 50-70 euro al giorno con la gavetta o lo spaccio e non hai alternative e ti costruiscono come risposta solo un’altra stringa di case popolari, è preoccupante».

Tra le soluzioni proposte da chi lavora sul territorio, una immediatamente percorribile sarebbe quella del tempo pieno all’interno delle scuole. «Si sta lavorando al tempo pieno, ma bisogna anche convincere le famiglie. Il punto è dare un’offerta scolastica complessiva, non strutture che richiedono interventi anche da poche centinaia di euro, che vengono procrastinati sistematicamente. Se fuori da qui l’unica attrattiva è un centro commerciale è faticoso – conclude Fava – L’offerta scolastica a tempo pieno riesce a tenere i ragazzi in un luogo che è un punto di riferimento, ma non basta». 


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]