Migranti, rilasciata la nave di Generazione identitaria Attivisti ciprioti denunciano: «Polizia difende fascisti»

«Le bugie e fake news delle Ong sono state smentite». È con questo annuncio che il gruppo di estrema destra Generazione identitaria ha salutato ieri sera la ripartenza della nave C-Star, rimasta bloccata a Cipro dopo che le autorità locali nei giorni scorsi avevano fermato l’armatore, il capitano, il vicecapitano della nave e sette membri dell’equipaggio, con l’accusa di avere favorito l’ingresso di persone extracomunitarie in possesso di documenti irregolari. Una vicenda che ha avuto il sapore del grottesco se si considera che il progetto Defend Europe punta proprio a contrastare i flussi migratori in Europa e nello specifico quelli provenienti dalla Libia, con il gruppo che è intenzionato a raggiungere il Paese nordafricano per collaborare con la guardia costiera locale e interferire nelle attività delle organizzazioni impegnate nei soccorsi in mare.

L’intoppo sarebbe dunque stato risolto, anche se attorno al rilascio della C-Star sono ancora poche le notizie ufficiali. Infatti, mentre gli attivisti di Generazione Indentitaria sui social network assicurano che «nulla di illegale è stato trovato a bordo. Anche le infamie hanno le gambe corte», sottolineando che la nave «è ripartita con il suo comandante», dall’isola dell’Egeo c’è chi rimarca l’improvviso cambio di atteggiamento della polizia cipriota. Tra loro, il filosofo e scrittore di nazionalità greco-francese Yannis Youlountas che ieri pomeriggio, basandosi su contatti con attivisti di sinistra sul posto, dal proprio profilo Facebook e dal blog, ha parlato di quella che ha definito «un’incredibile inversione di situazione», chiedendosi se tutto ciò fosse stato frutto di «una corruzione» o un «intervento politico in alto luogo», propendendo poi per la seconda possibilità.

«La polizia di Famagosta sta per permettere al C-star di tornare con nove membri dell’equipaggio a bordo – ha raccontato Youlountas -. Il proprietario svedese Tomas Egerstrom si trova all’aeroporto di Nicosia-Ercan sotto scorta della polizia». Lo scrittore, che rientra tra coloro che si oppongono al progetto di Generazione identitaria, ha poi descritto l’atteggiamento delle forze dell’ordine nel porto cipriota. «I nostri compagni antifascisti sono sgomenti, mentre chiedono rinforzi per entrare nel porto. Ma la polizia gira con i suoi veicoli e protegge i fascisti – prosegue -. All’inizio della giornata, la custodia dei membri dell’equipaggio era stata prolungata di 24 ore. Il capitano, il secondo e il proprietario si dovevano nuovamente presentare in tribunale e anche il direttore del porto aveva parlato di un lungo fermo». Youlountas si sofferma poi sulla presunta sudditanza del governo di Cipro Nord nei confronti di Ankara ed Erdogan e sul fatto che «Putin osserva con attenzione l’agitazione fascista in Europa e che la sostiene già in modo diverso». Fattori che, secondo lo scrittore, potrebbero avere avuto delle influenze sul rilascio della C-Star.

Stando ai programmi annunciati da oltre una settimana – e poi saltati per il blocco prima nel Canale di Suez e poi a Cipro – Generazione identitaria dovrebbe arrivare nei prossimi giorni nel porto di Catania per imbarcare volontari e poi ripartire verso la Libia. Al momento, però, non si sa quando la nave arriverà in Sicilia, né se prima farà tappa a Tunisi. Al momento l’imbarcazione pare non essersi ancora allontanata dalle coste cipriote e procede a rilento a largo del porto di Limassol. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

A raccontare le fasi della liberazione del capitano e di parte dell'equipaggio di C-Star, la nave del gruppo di estrema destra che punta ad arrivare in Libia per bloccare le Ong, è stato lo scrittore franco-greco Yannis Youlountas. L'imbarcazione dovrebbe arrivare nei prossimi giorni a Catania. «Grazie un intervento politico dall'alto», ipotizza

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]