Migranti, rete di trafficanti tra Sicilia e Milano Catania una delle basi del gruppo di eritrei

Chiusi per giorni, segregati da connazionali senza scrupoli che cercavano di arricchirsi sulle spalle degli eritrei che scappavano dal loro Paese per raggiungere l’Europa. Ieri un’operazione delle squadre mobili di Catania e Siracusa, insieme al Servizio centrale operativo, ha fatto luce su una rete criminale di cittadini eritrei che operava nei due capoluoghi siciliani e a Milano. Sono scattati undici provvedimenti di misura cautelare, per tutti l’accusa è associazione per delinquere finalizzata alla permanenza irregolare sul territorio italiano ed europeo. Agli arresti domiciliari sono finiri Melake Andebrhan, 27 anni, e Angosom Resom, di 32, residenti a Siracusa e Yoel Tesfamechale, di 31, nella città lombarda. Per altri quattro è stato disposto l’obbligo di presentazione all’autorità giudiziaria, mentre altri quattro indagati sono irreperibili.

L’operazione, denominata Tessa, ha ricostruito un sistema di cui nella comunità eritrea catanese si parlava già da tempo: l’organizzazione criminale dava supporto logistico agli africani sbarcati sulle coste sud orientali della Sicilia negli ultimi mesi e scappati dai centri di prima accoglienza, spesso senza farsi identificare. Arrivati a Catania o a Siracusa, ai disperati venivano chieste importanti somme di denaro in cambio del proseguimento del viaggio fino a Milano. Nel capoluogo lombardo veniva pagata un’ulteriore rata per raggiungere il Nord Europa, meta finale per la maggior parte degli eritrei. A volte i malcapitati erano costretti a rimanere per giorni rinchiusi in appartamenti di fortuna, non avendo più soldi per pagare l’organizzazione criminale.

E’ successo a Catania la scorsa estate. A raccontarlo è Arefayne Beraki, uno dei punti di riferimento nella comunità eritrea etnea. «Ci era arrivata la voce che cinque connazionali erano prigionieri in una casa nel quartiere di San Berillo. Non avevano più soldi e aspettavano che dall’estero i parenti gli accreditassero nuovo denaro per pagare il trafficante. Volveva 150-200 euro per ogni persona, soltanto per arrivare a Roma». Beraki e altri eritrei, da molti anni residenti a Catania e ben integrati, decidono di agire e, individuata esattamente la casa-prigione, riescono a liberare i cinque. «Abbiamo avvertito la polizia, ma serviva la denuncia delle vittime. Quei ragazzi erano clandestini, hanno avuto paura e la mattina dopo se ne sono andati», sottolinea Beraki. Dei quattro indagati di ieri di cui sono stati diffusi i nomi per intero, uno, Melake Andebrhan, si era fatto una certa fama a Catania. «Sapevamo chi era, finalmente la polizia lo ha fermato, ma questi avvoltoi spuntano come i funghi. Noi facciamo quello che possiamo, cerchiamo di mettere pressione, ma ci ritroviamo con le mani legate quando si tratta di convincere le vittime a denunciare. Purtroppo l’operazione di ieri non basta, perché la rete è ancora ben radicata e il traffico di esseri umani a Catania e in Sicilia va avanti», conclude.

Le indagini, coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia e dalla procura di Siracusa, sono nate dopo il grande afflusso di migranti negli ultimi mesi: nel 2013 sono giunti in Sicilia 1.600 eritrei, che scappano da una situazione di continua tensione tra Eritrea ed Etiopia, sempre sul punto di sfociare in un conflitto vero e proprio.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

L'operazione Tessa ha fatto luce su un'organizzazione criminale di cittadini eritrei che si arricchiva sulle spalle dei connazionali sbarcati negli ultimi mesi sulle coste siciliane. Centinaia di euro per raggiungere Roma, Milano e successivamente il Nord Europa. Una vicenda di cui tra gli eritrei catanesi già si parlava da tempo. «Quest'estate abbiamo liberato cinque persone che erano prigioniere in una casa a San Berillo. Ma le vittime non denunciano perché sono clandestini. La rete è ancora ben radicata e il traffico di esseri umani purtroppo continua», racconta Arefayne Beraki, uno dei portavoce della comunità

L'operazione Tessa ha fatto luce su un'organizzazione criminale di cittadini eritrei che si arricchiva sulle spalle dei connazionali sbarcati negli ultimi mesi sulle coste siciliane. Centinaia di euro per raggiungere Roma, Milano e successivamente il Nord Europa. Una vicenda di cui tra gli eritrei catanesi già si parlava da tempo. «Quest'estate abbiamo liberato cinque persone che erano prigioniere in una casa a San Berillo. Ma le vittime non denunciano perché sono clandestini. La rete è ancora ben radicata e il traffico di esseri umani purtroppo continua», racconta Arefayne Beraki, uno dei portavoce della comunità

L'operazione Tessa ha fatto luce su un'organizzazione criminale di cittadini eritrei che si arricchiva sulle spalle dei connazionali sbarcati negli ultimi mesi sulle coste siciliane. Centinaia di euro per raggiungere Roma, Milano e successivamente il Nord Europa. Una vicenda di cui tra gli eritrei catanesi già si parlava da tempo. «Quest'estate abbiamo liberato cinque persone che erano prigioniere in una casa a San Berillo. Ma le vittime non denunciano perché sono clandestini. La rete è ancora ben radicata e il traffico di esseri umani purtroppo continua», racconta Arefayne Beraki, uno dei portavoce della comunità

L'operazione Tessa ha fatto luce su un'organizzazione criminale di cittadini eritrei che si arricchiva sulle spalle dei connazionali sbarcati negli ultimi mesi sulle coste siciliane. Centinaia di euro per raggiungere Roma, Milano e successivamente il Nord Europa. Una vicenda di cui tra gli eritrei catanesi già si parlava da tempo. «Quest'estate abbiamo liberato cinque persone che erano prigioniere in una casa a San Berillo. Ma le vittime non denunciano perché sono clandestini. La rete è ancora ben radicata e il traffico di esseri umani purtroppo continua», racconta Arefayne Beraki, uno dei portavoce della comunità

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]