Messina, si finge poliziotto per abusare di donne Braccialetto elettronico per un 35enne di Milazzo

Il suo vizietto sarebbe quello di fingersi poliziotto, bloccare delle inermi signore e molestarle. Un’abitudine che pare non riesca proprio a togliersi e per la quale si trova adesso ai domiciliari, con indosso il braccialetto elettronico, dopo essere già finito in carcere alla fine dello scorso marzo. Costantino Antonio Bisbano, 35enne originario di Milazzo, ma residente a San Filippo del Mela, ieri, è stato raggiunto da una nuova ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Gip di Barcellona Pozzo di Gotto, dopo l’ennesima denuncia a suo carico. A eseguirla, i carabinieri della stazione di Milazzo, agli ordini del maresciallo aiutante Tommaso La Rosa. È accusato di violenza sessuale, violenza privata, minaccia e possesso di segni distintivi contraffatti.

L’uomo, come si diceva, era già stato arrestato a marzo. Sembra che si spacciasse per un agente della stradale, in borghese, con tanto di tesserino. Sarebbe così diventato l’incubo di alcune donne di Rometta, Fondachello Valdina e Saponara, ai danni delle quali, in alcuni casi, avrebbe compiuto dei reati a sfondo sessuale. Questo, almeno, è quanto sostiene l’accusa.

Dopo una meticolosa attività investigativa, i militari sarebbero riusciti a ricostruire due distinti episodi avvenuti il 10 e il 14 marzo scorsi. Dopo l’arresto, i vertici locali dell’Arma, oltre a divulgare la notizia alla stampa, hanno invitato eventuali altre vittime a denunciare gli abusi subiti. Proprio grazie agli articoli letti sui media, una donna di Milazzo, è riuscita a collegare la sua personale esperienza, risalente al 25 febbraio, con quella delle altre donne, sporgendo a sua volta denuncia ai carabinieri.

Sembra si trovasse, a bordo della sua autovettura, nei pressi della rotonda di Olivarella. Qui, sarebbe stata avvicinata da un Suv nero il cui conducente, prima, avrebbe tentato di tagliarle la strada e, poi, l’avrebbe costretta a entrare in un’area di servizio al momento chiusa. Dalla grossa auto sarebbe uscito un uomo a lei sconosciuto che, mostrandole una sorta di distintivo, le avrebbe intimato «polizia, polizia».

La donna, spaventata, pare sia rimasta immobile nell’abitacolo. L’uomo, a quel punto, si sarebbe avvicinato alla portiera e, dopo essersi identificato come poliziotto, questa volta in servizio a Milazzo, avrebbe provato a tranquillizzarla, dicendole di averla notata nel traffico e di averla fermata per conoscerla. Dinanzi alla freddezza di lei, sarebbe passato alle vie di fatto «allungando le mani» attraverso il finestrino. Pietrificata e sorpresa, la donna avrebbe provato a divincolarsi, a dispetto dell’insistenza delle avance. Davanti alle incessanti richieste di un appuntamento, avrebbe, infine, fatto sfoggio di un’invidiabile presenza di spirito, acconsentendo a registrare sul proprio cellulare il numero di telefono del sedicente poliziotto, dietro la finta promessa di un futuro incontro galante.

Un espediente che le avrebbe consentito di allontanarsi a bordo del proprio mezzo, senza tuttavia riuscire a prendere il numero di targa del Suv. L’episodio sarebbe rimasto impunito se la donna non avesse letto i giornali e avesse deciso di collaborare. I carabinieri, ricevuta la denuncia, hanno proceduto ai riscontri del caso e in poco tempo sembra siano risaliti all’identità dell’uomo. Resta valido ancora oggi l’invito a denunciare episodi analoghi in qualsiasi stazione dell’Arma del territorio.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Avvicinata da un Suv e costretta a entrare in un’area di servizio dall'ordine: «Polizia, polizia». Era la prassi con cui Costantino Antonio Bisbano, già arrestato a marzo per lo stesso motivo, cercava di bloccare le sue vittime. Sarebbe così diventato l’incubo di alcune donne di Rometta, Fondachello Valdina e Saponara

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]