Messina, emergenza a tempo indeterminato Curcio: «Al momento non abbiamo dati certi»

Sarà ripristinata entro stamattina la parziale erogazione idrica nelle case dei messinesi. Lo conferma Siciliacque, con riferimento ai lavori di oggi tra Forza d’Agrò e Letojanni per la riparazione del bypass che collega l’acquedotto di Fiumefreddo a quello dell’Alcantara. L’emergenza nel suo complesso, invece, si preannuncia a tempo indeterminato. La Protezione civile nazionale non dà tempi certi, annunciando che tutte le analisi tecniche fatte martedì scorso sono cadute nel nulla. Tutto da rifare, insomma, anche a causa dei gravi deficit organizzativi e infrastrutturali delle rete idrica peloritana, definita «medievale» da Rosario Crocetta, anche ieri in prefettura a Messina.

Il riempimento della condotta è iniziato nella tarda serata di ieri. I tecnici di Siciliacque hanno provveduto a sostituire la saracinesca volumetrica (praticamente una valvola) che si è guastata ieri mattina, apportando una lieve modifica che aumenterà la portata fino a 400 litri d’acqua al secondo. Resta in ogni caso drammatico il quadro generale, come ha lasciato trapelare il direttore della Protezione civile nazionale. Stefano Curcio, sempre ieri, a seguito della dichiarazione dello stato di emergenza da parte di Roma, ha nominato commissario Calogero Foti, direttore della Protezione civile regionale.

Notte fonda, tuttavia, sulle soluzioni da approntare per riparare il guasto dell’acquedotto Fiumefreddo, dopo la nuova frana di Calatabiano. Qui, per inciso, la Regione ha stanziato circa un milione di euro per fronteggiare il dissesto idrogeologico. Altri due per la messa in sicurezza del territorio arriveranno da Roma. Quanto alla condotta, tra le ipotesi plausibili ci sono un nuovo bypass di poco più di un chilometro tra due punti della stesse rete e l’immissione di una guaina, ovvero di un tubo ulteriore all’interno di quelli esistenti, per aumentarne la resistenza. «La struttura presenta diverse criticità – ha ammesso Curcio – bisogna trovare la soluzione più rapida e dobbiamo capire quale sia, poi procederemo. Queste due ipotesi non sono escluse. Se il bypass risulterà compatibile con le nostre necessità lo faremo, altrimenti valuteremo altre possibilità».

Ai messinesi, il dirigente chiede di avere pazienza: «Siamo qui per risolvere il problema ma non ne siamo responsabili. La priorità è dare acqua, non fare strutture permanenti. Certamente, rimane il problema infrastrutturale. Si tratta di una infrastruttura datata, non moderna. Sarà un problema da valutare con attenzione subito dopo avere risolto l’emergenza. Ora potremmo attuare anche soluzioni non permanenti». La certezza, tuttavia, è che si siano perse 48 ore, sebbene Curcio non si esprima esattamente in questi termini: «Le analisi tecniche fornite martedì scorso non sono attuabili. Al momento non siamo in grado di dare dati certi», aggiunge con riferimento ai tempi stimati per la soluzione della crisi: «Bisogna comprendere la situazione prima di parlare». Non sono escluse soluzioni alternative rispetto alle due finora prospettate. Soluzioni che verranno proposte «tra stasera, domani e dopodomani da tecnici con esperienza nazionale che affiancheranno quelli locali». Prima, occorrerà procedere, però, «all’analisi della rete attuale».

«Emerge una situazione medievale del sistema di gestione della distribuzione idrica della città – ha tuonato il governatore siciliano – non può essere che se si interrompe la tubazione non abbiamo un sistema per dare l’acqua ad alcuni quartieri. Un sistema vecchio che non prevede bypass, deviazioni. Prevede un solo punto per la caduta dell’acqua e per arrivare alle zone alte della città l’accumulo idrico deve essere sempre al 100 per cento. Siamo ai primordi dell’idraulica. Non c’è traccia manco di una valvola manuale di deviazione. Più acqua accumuliamo più ne diamo ai quartieri bassi e meno ne hanno gli altri».

«Non escludo l’errore umano», ha aggiunto il presidente della Regione siciliana nella sua analisi. «Sono nuovamente qui in prefettura a Messina per capire perché queste tubazioni si rompono sempre. Mio padre, che era operaio dell’Ente acquedotti siciliani, diceva che quando una tubazione si guasta entra aria e quando va in compressione si verificano quei colpi di ariete classici che la rompono. Siamo in presenza di manovre errate? O c’è altro? Vorrei mi spiegassero con chiarezza». Per l’emergenza, Palermo metterà a disposizione «tutti i fondi necessari. L’obiettivo – ha concluso Crocetta – è dare acqua ai cittadini. Gli strumenti per l’emergenza ci facilitano il compito. È una situazione allucinante, non c’è nemmeno una mappatura della rete idrica della città. Ho proposto alla protezione civile dei rilievi aerei. Non sapere dove mettere le mani è sconcertante».


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]