Messina, da giugno via alla nuova Multiservizi Si occuperà della gestione rifiuti e della discarica

Sarà costituita entro il prossimo 30 giugno la società multiservizi che gestirà, a partire dal 2016, il servizio integrato dei rifiuti a Messina. A comporla saranno l’Amam, che si occupa dell’acquedotto, la Messinambiente Spa e l’Ato Me3. È stata la giunta municipale, lo scorso 19 giugno, ad approvare il piano d’intervento – gestione dell’area di raccolta ottimale (Aro) Comune di Messina e l’affidamento dei servizi alla Messina Multiservizi in house providing, cioè senza procedura pubblica ad un ente controllato dallo stesso Comune.

Nella società affidataria transiteranno, in particolare, i 526 dipendenti di Messinambiente e i 53 dell’Ato Me3. Il contratto di servizio approvato dalla giunta, in attesa della piena operatività della Srr, prevede un affidamento di 15 anni. Il piano finanziario dei costi totali dei servizi di igiene ambientale per il 2015 è di 41 milioni 622mila 863 euro, di cui 28 milioni 631mila 489 euro per i soli servizi di Aro. Nel 2016 sarà di 39 milioni; di 35 milioni 317mila nel 2017; di 36 milioni 288mila nel 2018; di 37 milioni nel 2019. La copertura finanziaria sarà assicurata dal gettito della Tari.

La giunta il 5 maggio scorso ha posticipato gli effetti del piano d’intervento al 2016 per completare, entro il 2015, la fornitura di mezzi e attrezzature per la raccolta differenziata porta a porta e la costituzione della multiutility. Il porta a porta sarà finanziato con 979mila 978 euro derivanti dalla rinegoziazione dei mutui approvata in consiglio comunale lo scorso 11 giugno. Adesso dovrà essere la stessa assemblea ad approvare sia il piano d’intervento, con le modifiche varate dall’esecutivo, che l’affidamento in house alla Messina Multiservizi, in attesa della piena operatività della Srr.

La normativa regionale vigente prevede la costituzione di nuovi ambiti territoriali ottimali (Ato), per ognuno dei quali occorrerebbe costituire una società consortile denominata Srr (società per la regolamentazione del servizio di gestione rifiuti). A oggi, tuttavia, non sono state ultimate le procedure previste e non risultano individuati i nuovi soggetti affidatari del servizio di gestione integrata.

Stante la situazione di emergenza e in attesa delle Srr e dell’adozione del nuovo piano d’ambito, l’assessorato regionale dell’Energia ha fornito nel 2013 le linee guida per l’organizzazione del servizio in aree di raccolta ottimale (Aro). L’Aro Comune di Messina è stata istituita il 30 maggio 2014. Nella stesura del relativo piano di intervento, il Comune è stato supportato dall’Ato Me3, attualmente in liquidazione. Il piano, inizialmente valido dal 2015 al 2018 e approvato a Palermo il 7 maggio scorso, prevede l’affidamento in house dei servizi di spazzamento, raccolta e trasporto dei rifiuti.

Dati i gravi ritardi relativi alla piena operatività delle Srr, tra cui quella denominata Messina Area Metropolitana, e la necessità di garantire la gestione degli impianti di proprietà di palazzo Zanca e dell’Ato Me3, oltre che di assicurare il rispetto delle condizioni igienico-sanitarie e la salvaguardia dell’ambiente, l’esecutivo ha deciso che avverrà in house pure la gestione della futura discarica di smaltimento e trattamento e degli impianti di valorizzazione e pressatura del secco di contrada Pace, insieme a quella post operativa dei siti dismessi di Portella Arena e contrada Vallone Guidari, nel territorio municipale, di contrada Piani e Formaggiara, a Tripi, e contrada Cianina, a Valdina.


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]