Messina, Comune evita sgombero occupanti «Ora in albergo, ma torneranno nella scuola»

Il sindaco di Messina Renato Accorinti e l’assessore ai Beni comuni Sebastiano Pino hanno trovato una soluzione per evitare lo sgombero da parte delle forze dell’ordine. Così le 20 famiglie che occupano, da mesi, la scuola ex Foscolo e l’ex caserma del quartiere San Leone da ieri sera vivono in albergo. In tal senso, l’amministrazione ha requisito due piani dell’hotel Paradise del rione Paradiso, lungo la litoranea Nord. Il trasferimento è iniziato già nel pomeriggio di ieri e proseguirà anche oggi. 

Per 15 giorni le 7 famiglie dell’ex Foscolo potranno stare in albergo. Entro questo termine il Comune chiederà il dissequestro della ex scuola e la giunta varerà una deliberà per avviare il piano di autorecupero che consentirà ai nuovi inquilini di risiedere dentro la struttura. Inoltre, potranno anche regolarizzare le utenze pagando un canone di affitto sociale per l’occupazione delle stanze. All’interno dell’ex scuola, andranno a risiedere tre dei nuclei familiari che invece occupavano abusivamente l’ex caserma dei carabinieri in via San Leone. In questo caso, infatti, l’immobile è privato e appartiene alla storica famiglia nobiliare D’Alcontres di Messina. 

«Si apre una nuova fase – spiega Antonio Currò, dell’Unione inquilini di Messina -. Dovremo reperire una nuova struttura comunale che possa accogliere le altre 10 famiglie. Forse un’altra scuola abbandonata». Ma non è detto, perché l’associazione ha già proposto al Comune, sulla scorta di quanto previsto dallo Sblocca Italia, che si facciano delle convenzioni per rintracciare alloggi abbandonati per i morosi incolpevoli. Si possono trasformare scuole e uffici per ospitare le famiglie anche per sei mesi. «C’è anche un decreto che permette di usare gli alloggi requisiti alla criminalità organizzata, oppure si possono fare convenzioni con privati e cooperative – prosegue Currò -. Ci sono 341 unità immobiliari dello Stato presenti sul territorio. In questi 15 giorni ci daremo da fare per trovarne una idonea».

Lo scorso anno, le famiglie sfrattate per morosità, sono state 500. Ma a rischio, secondo l’associazione, ci sarebbe una famiglia su 670. «Non vogliamo che nessuno resti in strada – ha spiegato l’assessore al ramo – vogliamo che tutti sappiano che le regole vanno rispettate». Fin dalla notifica di sfratto, la giunta si è impegnata per evitare lo sgombero forzato. «Fa male sapere che ci sono persone che devono affrontare questo problema – ha spiegato il primo cittadino -. Abbiamo fatto tutto quanto è nelle nostre possibilità». La convenzione con l’albergo prevede per gli occupanti solo l’alloggio e la prima colazione, mentre per il vitto si sta cercando di contattare le associazioni di volontariato.

La vicenda messinese dimostra l’estrema difficoltà nel gestire l’emergenza abitativa in Sicilia. La scorsa settimana, a Catania, è stata sgomberata una palazzina di via De Felice occupata dal comitato Casa per tutti. Anche in quel caso, l’amministrazione comunale è stata accusata di non aver fatto nulla per evitare l’intervento delle forze dell’ordine. Sgombero che, una settima fa, stava per attuarsi anche a Palermo, in un immobile di via Sadat. Dove però la procedura è stata sospesa per la presenza di un minorenne con gravi disabilità.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]