Marsala, è morto il carabiniere ferito alle spalle Nella stessa zona un altro omicidio dieci giorni fa

Non ce l’ha fatta Silvio Mirarchi, il maresciallo capo dei carabinieri che ieri è stato ferito alle spalle da un proiettile mentre stava svolgendo un servizio antidroga nelle campagne di Marsala. È morto all’ospedale Civico di Palermo, vano il trasferimento in elicottero e l’intervento chirurgico. 

«Con profondo dolore ho appreso della morte del maresciallo capo Silvio Mirarchi, 53 anni, originario di Catanzaro. Vicina alla sua e alla grande famiglia dei carabinieri», scrive in un tweet la ministra della Difesa, Roberta Pinotti. Cordoglio anche dal premier Matteo Renzi e dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che ha inviato un messaggio al comandante generale Tullio Del Sette, esprimendo la ferma condanna per «il brutale agguato, che priva l’Arma di un servitore dello Stato coraggioso ed esemplare». 

Si sa ancora poco sull’esatta dinamica che ha portato alla morte del maresciallo. Secondo alcune indiscrezioni, ieri sera Mirarchi si trovava con un collega in contrada Scacciaiazzo, per un servizio di appostamento vicino una serra che sarebbe stata usata per coltivare marijuana. Quando è stato raggiunto da colpi di arma da fuoco. «I proiettili, almeno due, hanno creato gravi danni ad un rene e all’ aorta – spiega Giorgio Trizzino, direttore sanitario dell’ospedale Civico di Palermo -. A Marsala il primo intervento nel quale è stato tolto il rene, poi si è visto che i proiettili avevano perforato l’aorta. A Marsala sono stati dati dei punti, ma serviva un intervento in Chirurgia vascolare per inserire uno stent e rafforzare l’aorta. L’intervento è durato otto ore, ma il maresciallo era molto debilitato e aveva perso molto sangue. Era arrivato in stato di choc. L’intervento era terminato e lo stavano trasferendo in rianimazione quanto si è verificato l’arresto cardiaco».

La zona dove Mirarchi è stato ferito nell’ultimo periodo è stata al centro di altri fatti di cronaca. Il 25 maggio venne trovato il corpo senza vita e carbonizzato di un cittadino romeno, una morte per cui gli inquirenti starebbero seguendo la pista dell’omicidio. Qualche giorno prima, sempre nella stessa zona, erano stati feriti a fucilate altri due uomini mentre tentavano di rubare piante di marijuana da una piantagione che i carabinieri hanno scoperto subito dopo il ferimento. Uno era riuscito a fuggire, dell’altro non si è saputo più nulla. Gli investigatori stanno cercando di accertare se il corpo trovato carbonizzato sia quello della persona scomparsa.

E anche per l’omicidio del maresciallo Mirarchi prende corpo un’ipotesi simile. Cioè che i guardiani della piantagione di marijuana scoperta dal carabinieri potessero aver fatto fuoco, scambiando i due militari in borghese per qualcuno che voleva rubare la droga. 


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]