Manca un cavo e si ferma il basket al PalaCatania «Senza quello non possiamo più sollevare i canestri»

Le società cestistiche etnee e il PalaCatania. Un binomio che continua in mezzo a tante difficoltà. Le ultime, in ordine di tempo, stanno costringendo addirittura alcune squadra a valutare la possibilità di abbandonare la struttura comunale. I numerosi concerti, l’assenza del defibrillatore e la perdita del cavo di alimentazione dei canestri sono le motivazioni che stanno dietro il malcontento di chi utilizza l’impianto per partite e allenamenti con la palla a spicchi. «Tra concerti e altri inconvenienti non ci alleniamo da due settimane», spiega a MeridioNews Davide Caltabiano, allenatore della squadra femminile Lazur Basket.

Ma i concerti, originariamente in programma al PalaTupparello di Acireale e poi trasferiti al Palacatania – a seguito della controversia sorta tra l’ente comunale acese e la Multisport, la società che fin dal 2002 ha gestito l’impianto -, non sono gli unici ostacoli alla libera fruizione del palazzetto di corso Indipendenza. Ad aggravare il quadro c’è anche lo smarrimento del cavo di alimentazione dei canestri che, secondo alcune indiscrezioni, si sarebbe registrato proprio nel corso di alcune esibizioni artistiche. Ma cos’è questo cavo? Essenzialmente si tratta di un filo elettrico di circa sessanta metri, con un attacco diverso dalle comuni prese a uso domestico, il cui impiego è fondamentale per poter sollevare i canestri a 3,05 metri: cioè l’altezza necessaria, secondo i regolamenti della Federazione italiana pallacanestro, per potere disputare le partite ufficiali. In mancanza, per i club cestistici il PalaCatania è inutilizzabile. «Complice – sottolinea un atleta – anche la mancata attenzione di chi doveva controllare e non lo ha fatto». Sì, perché le attrezzature utili all’organizzazione degli eventi sono state depositate negli stessi magazzini in cui erano collocati gli strumenti dell’impianto sportivo. E questo potrebbe avere contribuito allo smarrimento o a una possibile appropriazione involontaria del cavo.

«Ne siamo venuti a conoscenza lunedì scorso (16 dicembre) – commenta il coach delle giovanili della Lazur -, poco prima dell’inizio della partita under 18 contro la Pgs Sales». Così quella che doveva essere una normale gara di campionato si è trasformata in una caccia al tesoro alla ricerca di un cavo elettrico mai trovato e che ha comportato il rinvio della partita, costringendo atlete e dirigenza a tornare a casa. «Un danno non indifferente – attacca Caltabiano – perché abbiamo inutilmente pagato l’ambulanza». Sì, perché al PalaCatania manca anche il defibrillatore. Un inconveniente che costringe le società a dotarsi autonomamente del dispositivo elettrico utile a interrompere improvvisi attacchi cardiaci. «Per ogni partita – spiega l’allenatore – siamo costretti a rivolgerci a nostre spese al 118, perché lo strumento è obbligatorio ma la struttura non ne dispone».

La Lazur non è l’unica società che, regolarmente e tramite autorizzazione comunale, fa uso della struttura. A essa si affiancano anche la Pgs Sales, L’Elefantino e la Meta Catania, la squadra di calcio a cinque che milita in serie A e che adesso, terminata la prima tranche di concerti, sta proseguendo con le attività. I problemi invece persistono per chi non può svolgerne alcuna. «Rimaniamo basiti dall’operato degli uffici competenti – commenta il vicepresidente della Sales, Giuseppe Stella – in quindici giorni non sono riusciti a garantire una soluzione alle società che anticipatamente corrispondono la propria quota». 

Stando a quanto riferito a MeridioNews dall’assessore allo Sport Sergio Parisi, il Comune ha già avviato l’iter procedurale e inviato apposita richiesta d’acquisto ai fini della sottoscrizione dell’impegno di spesa. Impegno, questo, che per l’assessore «non dovrebbe essere esorbitante». I tempi invece non sono ancora prevedibili. «Stando a quanto dicono gli uffici – sostiene Stella -, non se ne parlerà prima del dieci gennaio». Per questo nelle intenzioni delle società ci sarebbe la volontà di procedere all’acquisto del cavo a proprie spese. «Sebbene non spetti a noi – spiega il presidente de L’Elefantino Pippo Vittorio –, qualora possibile, ci attiveremo per accelerare la risoluzione del problema, perché abbiamo un’attività programmata e dobbiamo rispettarla». In ogni caso l’assessore Parisi ha assicurato che «per gli spazi già autorizzati e non utilizzati verrà predisposto un apposito piano di recupero, così come le somme anticipate dalle società per l’acquisto del cavo verranno completamente rimborsate». 


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]