Mafia, dalla Fisica una strategia per smantellare Cosa Nostra: «Colpire i nodi della rete che collegano clan diversi»

Cosa Nostra come una rete: con maglie fitte e tanti nodi quanti sono gli affiliati. Parte da qui uno studio del dipartimento di Fisica e Chimica dell’università di Palermo, che prova a dare una risposta alla domanda di forze dell’ordine e magistratura: quale nodo tagliare, ossia chi arrestare, per creare un buco consistente nella rete mafiosa? Una domanda la cui risposta spesso tarda ad arrivare anche per anni. O che non sempre dà i risultati sperati: come nel caso della latitanza di Matteo Messina Denaro, durata 30 anni e finita solo lunedì, nonostante le decine di inchieste sulla sua rete di fiancheggiatori. Forse troppo vicini e poco rivolti all’esterno, almeno a guardare con la lente dei risultati ottenuti da Salvatore Miccichè, docente di Reti complesse, e Federico Musciotto, che insegna Econofisica computazionale. «La rimozione casuale dei nodi risulta abbastanza inefficiente nello smantellamento della rete, anche perché servirebbe rimuoverne circa la metà – si legge nella ricerca – Al contrario, gli attacchi mirati in base alla centralità dei nodi sono più efficaci e una strategia che tiene conto di quanto un componente collabora con diversi clan ha un’efficienza simile, è più semplice e più veloce». Basandosi su dati – i contatti tra i gruppi – più facili da reperire per chi indaga, anche senza conoscere troppi dettagli sulle attività.

La base dello studio

Basti pensare a uno dei settori chiave per la sopravvivenza dei clan: il mercato della droga. Gestito in maniera coordinata dai vari gruppi mafiosi di una città, in base a un principio territoriale di non concorrenza o, sempre più spesso, persino in collaborazione: tra chi ci mette i contatti e chi la logistica o le piazze. Tagliare questi scambi permetterebbe insomma di assestare un colpo decisamente più duro – e duraturo – rispetto all’arresto di figure dalla sostituzione facile o dalla scarsa centralità. Una strategia provata dai due docenti con l’aiuto di un modello: una rete costruita a partire da 125 documenti giudiziari – tra rinvii a giudizio e sentenze non definitive – del tribunale di Palermo nel periodo compreso tra il 2000 e il 2014. Con 631 soggetti condannati per mafia – circa il 10 per cento della mafia del Palermitano – e 723 reati contestati: numeri poi limati, trasformando in nodi i soggetti di cui era chiara l’appartenenza a un clan specifico – 62 gruppi mappati nel Palermitano – e persino l’indirizzo di residenza. Affiliati collegati tra loro in base alla loro apparizione nello stesso processo.

I risultati

Com’era prevedibile, il maggior numero di collegamenti si è avuto tra persone dello stesso clan. «Ma i rapporti tra componenti di clan diversi, che possono essere visti come deboli, in quanto i clan di Cosa Nostra sono circoli socialmente chiusi, hanno dimostrato di avere invece un ruolo cruciale nel collegare la rete in un unico componente». Il sistema mafioso, per l’appunto. I docenti hanno proceduto per esperimenti alternativi: rimuovendo prima i nodi con più collegamenti con altri affiliati – dello stesso o di diversi clan -; poi provando con lo stesso numero di intermediari chiave; infine attaccando solo i nodi che mostravano collegamenti con clan diversi dal proprio. Se la strategia di mezzo è risultata la meno utile, quelle invece che tengono conto dei contatti si sono rivelate le più efficaci. Con una sorpresa: arrestando solo gli ipotetici affiliati con collegamenti esterni al proprio clan, venivano a cadere più nodi in assoluto. La rete, insomma, si mostrava vulnerabile e con utile strappo.

Uno strumento per chi indaga

«Questo studio nasce dall’interesse a fare qualcosa di utile – spiega Miccichè – L’idea è dare alle forze dell’ordine e alla magistratura uno strumento che non può certo sostituire le indagini, ma dare suggerimenti sulle strade più proficue da seguire, simulare degli scenari in maniera sistematizzata, fornire una tecnica da applicare. In questo caso, anche scientificamente, è stato interessante vedere come giochino un ruolo fondamentale quelli che di solito sono considerati legami deboli». E che invece tengono in piedi l’intero sistema, «quello di Cosa Nostra, a cui guardare appunto come un network e non per singoli clan da disarticolare separatamente».

Dal reclutamento alla salute mentale: gli altri studi

Un ambito di studi, quello della teoria delle Reti e dei Sistemi complessi, che Miccichè ha già usato per occuparsi di mafia. Anche in virtù di una convenzione del dipartimento di Fisica e Chimica di UniPa con la procura di Palermo, che va avanti dal 2014 e adesso da aggiornare con l’arrivo del nuovo procuratore capo, Maurizio de Lucia. Nel 2021, un altro studio multidisciplinare, a cui ha preso parte lo stesso Miccichè, ha analizzato i rapporti interni a Cosa Nostra e il reclutamento dei giovani su base territoriale e del curriculum criminale. Quasi la naturale prosecuzione di una ricerca del 2018, a cui Miccichè ha lavorato insieme a psicologi e psichiatri, per dimostrare scientificamente come i mafiosi non siano né matti – inteso nell’ipotesi di una loro psicopatia – né rientrino nello spettro del comportamento antisociale. A predisporre semmai verso una carriera criminale sono due punti spesso dibattuti: la scarsa istruzione e l’aver iniziato a lavorare giovanissimi, con una media d’età di 13 anni. Due punti validati scientificamente – nel caso in cui fosse necessario – su cui la politica dovrebbe prendere appunti per investimenti mirati.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]