Mafia, sbloccati i beni di Giovanni Puma Gli inquirenti: «Indagini a rischio»

Battuta d’arresto nel procedimento che riguarda Giovanni Puma, l’imprenditore catanese accusato di 33 diversi reati di riciclaggio per un ammontare di 3 milioni di euro. I reati, commessi a Catania e Padova tra il 2003 e il 2005, sono stati individuati grazie a lunghe indagini condotte dalla Dia di Caltanissetta nell’ambito dell’operazione Fenix. Ora arriva però l’annullamento da parte del tribunale del riesame del sequestro dei beni della famiglia Puma disposto lo scorso mese di marzo. Allora erano state bloccate preventivamente le quote di tre società – Set servizi espressi e trasporti SrlMarco Immobiliare srl e Puma logistica e Trasporti srl, tutte con sede a Catania – assieme a mezzi e autoveicoli di vario genere e un appartamento di dieci vani nel centro di Milano. Il tutto per un valore complessivo di circa 20 milioni di euro.

Era stata la gravità della condotta di Giovanni Puma a spingere gli inquirenti a chiedere il sequestro preventivo dei beni, non confermato però dal tribunale del riesame. In attesa delle motivazioni nessuna dichiarazione ufficiale dagli inquirenti che off the records manifestano però il timore che possa venir meno una parte fondamentale dell’intero lavoro di indagini.

L’operazione era stata salutata come una decisa conferma del radicamento delle attività illecite riconducibili a Cosa Nostra al nord. Secondo le dichiarazioni del collaboratore di giustizia Pietro Riggio, infatti,  alcune delle attività illecite derivate dagli affari di Giovanni Puma farebbero capo direttamente al boss della mafia nissena Giuseppe Piddu Madonia. Ma finora gli inquirenti non sono riusciti a individuare l’uomo di fiducia del capomafia nisseno all’interno del giro d’affari controllato da Puma.

E’ proprio da Caltanissetta che l’intero procedimento contro l’imprenditore ha preso il via. Esattamente dall’operazione Dirty money che nel 2006 portò la Dia nissena a scoprire che la banca cooperativa So.Fi.Ge. di Gela era interamente controllata dalla Stidda.

Secondo gli inquirenti, Puma avrebbe riciclato il denaro sporco attraverso il trasferimento di fondi ad una società che aveva sede a Padova con la complicità del figlio Marco Antonio. Ma nell’operazione sarebbe stato coinvolto un sostanzioso numero di imprese: 32 società italiane e 20 estere (con sede in paradisi fiscali), 25 filiali bancarie e tre società fiduciarie e finanziarie di Roma e Milano. «L’intero contesto d’indagine – si legge nel provvedimento di sequestro emesso lo scorso marzo – consente di porre in evidenza l’inserimento del Puma Giovanni in un circuito criminale ben più ampio dell’ambito operativo delle sue attività commerciali, che interessa contesti internazionali, denotando l’assoluta gravità della condotta a lui ascrivibile».

[Foto de il matte]


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Il tribunale del riesame ha disposto il dissequestro dei beni bloccati a Giovanni Puma, titolare di alcune aziende di trasporto catanesi. L'uomo è accusato di ben 33 diversi reati di riciclaggio: avrebbe ripulito soldi sporchi attraverso una società con sede a Padova. Ora gli inquirenti temono per la sorte di un'indagine che potrebbe svelare gli interessi della Stidda nissena nel Nord Est

Il tribunale del riesame ha disposto il dissequestro dei beni bloccati a Giovanni Puma, titolare di alcune aziende di trasporto catanesi. L'uomo è accusato di ben 33 diversi reati di riciclaggio: avrebbe ripulito soldi sporchi attraverso una società con sede a Padova. Ora gli inquirenti temono per la sorte di un'indagine che potrebbe svelare gli interessi della Stidda nissena nel Nord Est

Il tribunale del riesame ha disposto il dissequestro dei beni bloccati a Giovanni Puma, titolare di alcune aziende di trasporto catanesi. L'uomo è accusato di ben 33 diversi reati di riciclaggio: avrebbe ripulito soldi sporchi attraverso una società con sede a Padova. Ora gli inquirenti temono per la sorte di un'indagine che potrebbe svelare gli interessi della Stidda nissena nel Nord Est

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]