Mafia, nuovo colpo alla primula rossa «Coperto da protezioni di alto livello»

Matteo Messina Denaro, il superlatitante ricercato da ormai 23 anni, gode di «protezioni molto, molto importanti». Ne è convinta il procuratore aggiunto Teresa Principato, che a margine della conferenza stampa dell’operazione Ermes che ha portato all’arresto di 11 presunti fiancheggiatori della primula rossa, spiega: «Non è possibile che dopo tanti anni e un lavoro costante, direi massacrante, sul territorio, lui continui la latitanza». Su quella che il procuratore, da anni sulle tracce del boss trapanese e che ha coordinato l’inchiesta insieme ai pm Paolo Guido e Carlo Marzella, definisce «una certezza» si muovono gli investigatori. «Stiamo indagando su questo» spiega ai cronisti.

Intorno al capo di Cosa nostra, ormai dal 2010, gli investigatori hanno fatto terra bruciata. «Abbiamo arrestato poco meno di 100 persone che facevano parte della sua rete di contatti e che garantivano le sue comunicazioni, inclusa la sorella». È per questo che l’attenzione degli inquirenti adesso si concentra sulle «protezioni ad alto livello su cui vogliamo fare luce» ammette il procuratore aggiunto. Che di Messina Denaro traccia un vero e proprio identikit. «È una sorta di parassita che non tiene conto dei legami familiari, ma usufruisce dei soldi che i componenti della sua famiglia e del clan possono fargli avere» spiega.

Ma dalle indagini di Ros e Sco emerge anche un altro particolare. Matteo Messina Denaro, latitante dal 1993, in alcuni casi è stato all’estero. Il boss, secondo quanto ha rivelato Principato «non sta sempre nel Trapanese, ma si sposta dalla Sicilia e anche dall’Italia». In particolare, quando «sente stringersi attorno a lui il cerchio taglia i contatti con i fedelissimi finiti sotto indagine». Certo, anche se «potenzialmente potrebbe trovarsi dappertutto» spiega il capo del Servizio centrale operativo, Renato Cortese, la regola non scritta in Cosa nostra è che «il latitante più è importante, più deve dimostrare di fare il latitante a casa propria». Lasciare il suo “territorio di riferimento” sarebbe nel codice degli uomini d’onore una debolezza, che gli inquirenti sarebbero pronti a sfruttare. 

Ma Giuseppe Governale, comandante del Ros, resta ottimista. «Sono fiducioso di poter chiudere in tempi ragionevoli questa latitanza – ha detto -. Dopotutto, non esistono latitanze interminabili e per tutti c’è una fine. È solo questione di tempo e motivazione del personale, che con costanza dovrà essere pronto a cogliere anche un eventuale errore del latitante». Per il capo dei pm di Palermo, Francesco Lo Voi, dal blitz Ermes emerge, comunque, una conferma: Cosa Nostra non si è camorrizzata. Al contrario «rimane un’organizzazione unica. All’interno di ciascun mandamento ci si occupa degli interessi del proprio territorio, ma questo non vuol dire che ciascuno operi in modo indipendente, al contrario le decisioni sono collegiali».

Le persone arrestate nell’ambito dell’operazione sono tutte «organiche e inserite nel tessuto di Cosa nostra, di assoluta fiducia del capo» ha spiegato ancora il procuratore. Insomma, secondo gli investigatori, gli 11 arrestati non sono «semplici tramiti con il capomafia, ma ricoprivano ruoli di vertice nelle cosche trapanesi». «Non bisogna farsi trarre in inganno dal fatto che fossero semplici allevatori – ha concluso il procuratore aggiunto Principato -: si tratta di fedelissimi di Messina Denaro, alcuni dei quali già arrestati in precedenza, con un peso all’interno dell’organizzazione».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

È la tesi degli investigatori che cercano l'inafferrabile boss ormai da 23 anni. Il procuratore Principato: «Non è possibile che dopo un lavoro costante, direi massacrante, sul territorio, lui continui la latitanza». Una vita nascosta condotta non solo nel Trapanese, ma anche in giro per la Sicilia e persino all'estero. «Quando sente stringersi attorno a lui il cerchio taglia i contatti con i fedelissimi finiti sotto indagine»

È la tesi degli investigatori che cercano l'inafferrabile boss ormai da 23 anni. Il procuratore Principato: «Non è possibile che dopo un lavoro costante, direi massacrante, sul territorio, lui continui la latitanza». Una vita nascosta condotta non solo nel Trapanese, ma anche in giro per la Sicilia e persino all'estero. «Quando sente stringersi attorno a lui il cerchio taglia i contatti con i fedelissimi finiti sotto indagine»

È la tesi degli investigatori che cercano l'inafferrabile boss ormai da 23 anni. Il procuratore Principato: «Non è possibile che dopo un lavoro costante, direi massacrante, sul territorio, lui continui la latitanza». Una vita nascosta condotta non solo nel Trapanese, ma anche in giro per la Sicilia e persino all'estero. «Quando sente stringersi attorno a lui il cerchio taglia i contatti con i fedelissimi finiti sotto indagine»

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]