Mafia, 9 aziende confiscate su 10 falliscono L’esperto: «Servono più uomini e mezzi»

La Sicilia è la regione d’Italia con più aziende confiscate alla mafia. Sono 567 di cui 489 in gestione all’Agenzia nazionale per i beni sequestrati e confiscati. Nella provincia etnea ce ne sono 91. Il 90 per cento viene generalmente messo in liquidazione o fallisce dopo la confisca. Un esempio tra tutti – di quello che per molti rappresenta una sconfitta dello Stato – è la Riela Group, la società di trasporti e di distribuzione di merci di Piano Tavola, nella zona industriale di Belpasso, di proprietà di Lorenzo Riela (deceduto nel 2007) e del figlio maggiore Francesco (detenuto all’ergastolo per omicidio), appartenenti al clan Santapaola. All’epoca della confisca, nel 1999, era la quattordicesima azienda più ricca della Sicilia, con un fatturato di 30 milioni di euro e 250 dipendenti. Adesso ne sono rimasti 22, che rischiano di restare senza lavoro in seguito all’annunciata chiusura.

Il declino è cominciato dieci anni fa, quando gli ex proprietari hanno cercato di riappropriarsi dell’azienda di famiglia, fondando un nuovo consorzio, Se.Tra. Service, che si è accaparrato tutti i clienti ed è addirittura diventato il principale creditore della società. Proprio a causa di questi debiti è stata messa in liquidazione. Le responsabilità di questa vicenda sono ancora tutte da accertare. È chiaro però che qualcosa non ha più funzionato nella sua amministrazione, proprio sotto il controllo pubblico.

Ma come funziona la gestione finanziaria delle aziende confiscate alla mafia? Quali sono le difficoltà? E come mai un’azienda come la Riela è sull’orlo della liquidazione? Lo abbiamo chiesto a Pucci Giuffrida, dottore commercialista con una ventennale esperienza di amministratore giudiziario di beni confiscati. Prima della confisca definitiva ha gestito la Riela Group insieme ad altri quattro colleghi per quasi due anni, con cui amministrava anche le altre quattro aziende del gruppo. Oggi tra le attività che gestisce ci sono anche esempi che rientrano nel dieci per cento di quelle che sopravvivono e anzi migliorano.

Il successo o il fallimento di un’azienda confiscata dipende da molti fattori. La risposta del mercato, dei clienti e fornitori, dei lavoratori e soprattutto dalle capacità dell’amministratore finanziario. Dal 2010, anno della costituzione dell’Agenzia nazionale dei beni sequestrati e confiscati, gli amministratori sono nominati dal tribunale e confermati dalla stessa agenzia. Tra le aziende confiscate «alcune sono cotte in partenza – dice Giuffrida – Le altre si dividono tra quelle che si riescono a gestire in maniera sana e quelle che invece si fanno morire. Quest’ultimo caso rappresenta una sconfitta – spiega – Vuol dire alimentare l’opinione che con la mafia si lavora e con lo Stato no».

Influisce sulle sorti dell’azienda anche la sua tipologia. Mentre per le aziende di beni immobili è più facile mantenere il valore di avviamento, per quelle prettamente commerciali ci sono più difficoltà, dovute al fatto che il mafioso può dirottare la clientela. Ed è ciò che è avvenuto nel caso della Riela. «Ma chi ha firmato i contratti con il nuovo consorzio? – si chiede l’amministratore – Bisognerebbe risalire ai responsabili, perché quando si amministra un bene confiscato alla mafia non si può essere sprovveduti».

Non tutte le aziende confiscate sono però destinate a morire e non mancato gli esempi positivi. Giuffrida gestisce al momento le aziende di Michele Aiello, tra cui il lido dei Ciclopi e il Sigonella Inn, e la LA.RA. srl, un’azienda con circa 60 dipendenti che si occupa di condizionamento per ambienti e rifornimento in volo per aerei militari.  L’amministra da sette anni e attualmente presenta un utile netto di circa 300mila euro e «altrettanti ne paga di imposte», sottolinea il commercialista. Perché un’azienda confiscata, se si riesce a non farla fallire, porta ricchezza allo Stato. Lavora rispettando le regole: paga le tasse e non ha lavoratori in nero, ma quelli che sono i suoi punti di forza, possono diventare anche i motivi per cui non riesce a stare sul mercato. «La mafia può condizionare il mercato e ne altera le regole – dice Giuffrida – Basti pensare semplicemente ai metodi che usano per il recupero crediti. E a quelli che hanno per eliminare la concorrenza».

Per l’amministratore ci sono tanti aspetti su cui lavorare per far aumentare la percentuale delle aziende confiscate che riescono a mantenere la loro presenza nel mercato. Primo fra tutti colmare la carenza di uomini e mezzi dell’Agenzia nazionale. «Ci vorrebbe un ufficio dedicato solo a questo – afferma Giuffrida – E invece, da un lato, c’è la mafia con organizzazioni megagalattiche internazionali e dall’altro 30 persone che devono occuparsi di più di 12mila beni in tutta Italia».

Secondo il commercialista, anche la legge ha dei difetti che contribuiscono a rendere più complicata la gestione dei beni confiscati. «La nuova normativa prevede la vendita degli immobili, ma non se ne venderà uno – dice – perché la gente ha paura di appropriarsi di un bene appartenuto a un mafioso e sarà molto alto il rischio che quando accadrà si daranno a dei prestanome». Per le aziende, invece, la legge prevede che quelle non operative vengano messe in liquidazione. Le altre possono essere affidate a delle cooperative appositamente costitute o si possono vendere «a chi ne abbia fatta richiesta», come specifica un trafiletto della norma. Un altro dettaglio pericoloso per Giuffrida, perché «è assurdo – fa notare – che si voglia procedere senza aste pubbliche. Così si limita la trasparenza e si rischia di svendere l’attività».

La soluzione di Giuffrida per limitare gli insuccessi è chiara: «Se fossi il legislatore, le piccole aziende non le confischerei. Confischerei solo le grosse e le grossissime, perché con queste si ha più possibilità di successo». Le piccole aziende, infatti, sono più difficili da gestire e da mantenere in vita. «Si pensi a un’azienda unipersonale come può essere un posto da pescivendolo o quelle gestite da nuclei familiari come un piccolo negozio o un panificio – spiega Giuffrida – Quando si arresta il proprietario e si confisca l’attività, questa è destinata a chiudere e vuol dire mettere in mezzo alla strada il figlio o la moglie. Non sarebbe meglio lasciarli lavorare?», si chiede.

Le grandi aziende, invece, sono più strutturate ed «in un certo senso si reggono in piedi da sole», dice Giuffrida. «I lavoratori sperano solo che non fallisca l’azienda – aggiunge – e dopo il primo periodo di sbandamento si rendono perfettamente conto che continuare a lavorare bene vuol dire fare il proprio interesse». Certamente bisogna saperle amministrare o si finisce per fare il gioco dei mafiosi come nel caso dell’azienda di Belpasso. «Con la Riela – commenta l’amministratore – forse si poteva trovare una soluzione, ora è tardi. Si doveva rinnovare il parco macchine. Renderla competitiva sul mercato. Tutto questo non si è fatto. Adesso resta solo da accertare le responsabilità».

 

[Foto di ‘ m x b c h r]


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

È di pochi giorni fa la notizia della chiusura della Riela Group, l’azienda di trasporti di Belpasso confiscata alla famiglia Riela, affiliata al clan Santapaola. Eppure nell’anno della confisca, il 1999, era una delle più floride aziende siciliane e per qualche anno lo è stata anche dopo essere diventata di proprietà dello Stato. Adesso il suo declino significa per molti una vittoria della mafia, rientrando così nell’alta percentuale di aziende – il 90 per cento – che falliscono dopo la confisca. Ma come funziona la gestione finanziaria delle imprese alienate a Cosa Nostra e ai suoi prestanome? Lo abbiamo chiesto a Pucci Giuffrida, commercialista con una ventennale esperienza di amministratore giudiziario di beni confiscati

È di pochi giorni fa la notizia della chiusura della Riela Group, l’azienda di trasporti di Belpasso confiscata alla famiglia Riela, affiliata al clan Santapaola. Eppure nell’anno della confisca, il 1999, era una delle più floride aziende siciliane e per qualche anno lo è stata anche dopo essere diventata di proprietà dello Stato. Adesso il suo declino significa per molti una vittoria della mafia, rientrando così nell’alta percentuale di aziende – il 90 per cento – che falliscono dopo la confisca. Ma come funziona la gestione finanziaria delle imprese alienate a Cosa Nostra e ai suoi prestanome? Lo abbiamo chiesto a Pucci Giuffrida, commercialista con una ventennale esperienza di amministratore giudiziario di beni confiscati

È di pochi giorni fa la notizia della chiusura della Riela Group, l’azienda di trasporti di Belpasso confiscata alla famiglia Riela, affiliata al clan Santapaola. Eppure nell’anno della confisca, il 1999, era una delle più floride aziende siciliane e per qualche anno lo è stata anche dopo essere diventata di proprietà dello Stato. Adesso il suo declino significa per molti una vittoria della mafia, rientrando così nell’alta percentuale di aziende – il 90 per cento – che falliscono dopo la confisca. Ma come funziona la gestione finanziaria delle imprese alienate a Cosa Nostra e ai suoi prestanome? Lo abbiamo chiesto a Pucci Giuffrida, commercialista con una ventennale esperienza di amministratore giudiziario di beni confiscati

È di pochi giorni fa la notizia della chiusura della Riela Group, l’azienda di trasporti di Belpasso confiscata alla famiglia Riela, affiliata al clan Santapaola. Eppure nell’anno della confisca, il 1999, era una delle più floride aziende siciliane e per qualche anno lo è stata anche dopo essere diventata di proprietà dello Stato. Adesso il suo declino significa per molti una vittoria della mafia, rientrando così nell’alta percentuale di aziende – il 90 per cento – che falliscono dopo la confisca. Ma come funziona la gestione finanziaria delle imprese alienate a Cosa Nostra e ai suoi prestanome? Lo abbiamo chiesto a Pucci Giuffrida, commercialista con una ventennale esperienza di amministratore giudiziario di beni confiscati

È di pochi giorni fa la notizia della chiusura della Riela Group, l’azienda di trasporti di Belpasso confiscata alla famiglia Riela, affiliata al clan Santapaola. Eppure nell’anno della confisca, il 1999, era una delle più floride aziende siciliane e per qualche anno lo è stata anche dopo essere diventata di proprietà dello Stato. Adesso il suo declino significa per molti una vittoria della mafia, rientrando così nell’alta percentuale di aziende – il 90 per cento – che falliscono dopo la confisca. Ma come funziona la gestione finanziaria delle imprese alienate a Cosa Nostra e ai suoi prestanome? Lo abbiamo chiesto a Pucci Giuffrida, commercialista con una ventennale esperienza di amministratore giudiziario di beni confiscati

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]