Luigi Renna è il nuovo arcivescovo di Catania Prime parole per migranti, carcerati e malati

Il suo nome circolava già da ore tra la Puglia, sua regione d’origine, e la Sicilia, dove approderà a breve. Luigi Renna sarà il nuovo arcivescovo di Catania. L’annuncio è stato dato alle 12 di oggi dal dimissionario Salvatore Gristina e dal vicario generale Salvatore Genchi, che hanno convocato tutto il clero etneo per l’occasione. «Il santo padre ha nominato arcivescovo metropolita di Catania sua eccellenza monsignor Luigi Renna, attualmente vescovo di Cerignola Ascoli Satriano». Questa la frase di esordio di Gristina, a cui è seguito un lungo applauso. Nato a Corato, in provincia di Bari, il 23 gennaio 1966, Renna si è formato nel seminario vescovile di Andria, in Puglia, tra il 1984 e il 1989. Ordinato sacerdote il 7 settembre 1991 a Minervino Murge, si è laureato in Teologia morale il 7 ottobre 1993 a Roma. Prima di essere nominato vescovo contra un ampio curriculum di esperienze accademiche e di insegnamento. Conta esperienze come vicerettore del seminario vescovile di Andria, dove fu anche direttore dell’archivio diocesano, oltre a reggere anche il seminario di Molfetta, il centro diocesano di vocazione e la scuola di formazione all’impegno sociopolitico di Andria. Ha diretto, inoltre, la biblioteca e l’archivio diocesano, vantando anche la direzione del mensile diocesano Insieme. Il primo ottobre 2015 è stato ordinato vescovo di Cerignola per poi insediarsi nel 2016. In questi ultimi anni, il vescovo pugliese è stato presidente della commissione Giustizia sociale e Lavoro all’interno della Conferenza episcopale italiana. Nel curriculum di Renna anche l’insegnamento di Teologia morale, Teologia bioetica sociale e della vita fisica, Teologia del matrimonio bioetica, oltre all’insegnamento delle Neuroscienze comportamentali. 

Tutta la chiesa catanese ha espresso la propria gratitudine verso monsignor Gristina, che adesso lascerà l’incarico per sopraggiunti limiti d’età. I ringraziamenti sono arrivati anche dal futuro arcivescovo catanese. «Non sono mai stato a Catania, e mi sento come Abramo che lascia la sua terra per andare verso un luogo totalmente inesplorato, nel quale il Signore lo precede e gli prepara il cammino con un popolo di fratelli e sorelle. Perché partire ancora? Per fede. Come Abramo. E per un senso di responsabilità nei confronti di quella promessa che facciamo nel giorno dell’ordinazione», scrive Renna in un primo discorso ai catanesi, che fa sapere inoltre di essere stato coinvolto «dagli scrittori siciliani che mi hanno affascinato fin dagli anni del liceo».

Nelle sue prime parole da capo della chiesa di Catania dà priorità agli ultimi: poveri, immigrati, carcerati. «Ultimi secondo logiche umane, ma che nel regno di Dio che avanza lentamente nella storia siete i primi – sottolinea – Voi poveri, voi uomini e donne che approdate dall’Africa sulle coste della Sicilia, voi che siete in carcere, soprattutto se siete giovani che si sono visti rubare il tesoro della loro età; voi anziani che forse vi sentite ai margini in un mondo così frenetico». Il neo arcivescovo Renna non manca di esprimere un pensiero a chi, come lui, ha perso una persona cara a causa del Covid. «Vi sento molto vicini per aver vissuto la stessa esperienza di un distacco in cui non abbiamo potuto regalarci gesti di affetto». Infine una menzione a papa Francesco «a cui va il mio grazie per la fiducia ancora una volta accordatami – conclude – (Lui, ndr) ci indica una strada che vogliamo continuare a percorrere, quella di chi si sente fratello di tutti, sulla stessa barca agitata dai marosi, e che vive la stagione stupenda del cammino sinodale, impegno primario nei prossimi anni. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]