L’odissea dei residenti del palazzo crollato in via Castromarino Annunciato un ristoro entro gennaio. «Vittime dell’inefficienza» 

«Vittime delle inefficienze di un appalto pubblico, vivi per miracolo e abbandonati dalle istituzioni». Si sentono così gli ex inquilini del palazzo parzialmente crollato a gennaio dello scorso anno al civico 11 di via Castromarino, proprio dove insistono i lavori della tratta della metropolitana Stesicoro-Palestro. Dodici mesi trascorsi alla ricerca di una casa tra le promesse del Comune di Catania e gli affitti da pagare. Tutto praticamente in piena pandemia. Per le cinquanta persone rimaste senza un tetto è stato un calvario. Di aiuti economici ne sono arrivati pochi e il senso di frustrazione non fa che aumentare. Da maggio solo alcune famiglie hanno ricevuto il bonus famiglia. «Non solo – commenta a MeridioNews Oriana Pappalardo Calareso, una dei cinquanta residenti sfollati dopo il crollo -, a dispetto dei 250 euro promessi, sono arrivate solo due mensilità di 200 euro e senza causale, con la conseguenza che non sappiamo a quale periodo si riferiscono». Adesso, però, la storia potrebbe giungere a una svolta. 

Complice il servizio di Striscia la Notizia, l’amministrazione comunale ha deliberato l’erogazione di un contributo di tremila euro alle famiglie rimaste senza abitazione. «Un provvedimento necessario, ma tardivo», incalza Pappalardo. «Non sappiamo ancora nulla in merito alle modalità di erogazione – prosegue – l’unica certezza che abbiamo è che quello non è un posto dove fare passare la metropolitana». In attesa che i dubbi sulle modalità di erogazione vengano risolti, le famiglie sfollate si barcamenano come possono. Cinque nuclei familiari sono in affitto in altre abitazioni e solo a una famiglia è stata assegnata una casa dai Servizi sociali, anche se ottanta giorni dopo i fatti. Le altre dieci sono temporaneamente ospitate da amici e parenti. Nel frattempo gli oneri economici, tra nuovi affitti e vecchi mutui, continuano a gravare sulle spalle degli sfollati. «Ho già speso 1.800 euro di canoni di locazione e in questi giorni devo pagare altri 350 euro», sottolinea Pappalardo. 

«Il buono famiglia – ammette l’assessore ai servizi sociali Giuseppe Lombardo a MeridioNews -, si è rivelata una misura non idonea al caso concreto perché solo tre famiglie hanno avuto accesso al beneficio». Adesso l’attesa è per l’erogazione del contributo di tremila euro. «Lo daremo a tutte le famiglie entro il mese di gennaio – continua Lombardo -, al netto delle somme già ricevute da chi ha beneficiato del bonus famiglia». Ma c’è chi, come la deputata regionale Ars Gianina Ciancio, si chiede perché l’amministrazione comunale non abbia provveduto a richiedere i fondi necessari alla Protezione civile, così come è stato fatto in casi analoghi. Il riferimento è al crollo del palazzo al centro storico di Caltagirone, per il quale il Comune calatino ha ottenuto circa un milione di euro da parte della Regione Siciliana

«Fino a quando non si concluderanno le indagini e non si individueranno le responsabilità – replica l’assessore alla Protezione civile Alessandro Porto al nostro giornale – non possiamo attivare alcuna procedura, né tanto meno possiamo richiedere un contributo alla Protezione civile regionale». Sul punto il direttore regionale della Protezione civile Salvatore Cocina non ammette ragioni. «Possiamo intervenire in caso di calamità naturale e dissesto idrogeologico – chiosa Cocina a MeridioNews -, anche in presenza di incidenti dovuti a grandi opere pubbliche ma non in questo caso perché, per il momento e fino alla conclusione delle indagini, non ci sono gli estremi». Per il neodirettore si tratta del crollo di un palazzo «che ha rilevanza solo da un punto di vista locale e che non è di nostra competenza, ma – ammette – la situazione è abbastanza ingarbugliata». 

Intanto gli interventi di messa in sicurezza del cantiere, autorizzati a maggio dalla procura, sembrano essere stati avviati. «Li completeremo tra due mesi – assicura il direttore di Fce Salvatore Fiore alla nostra testata – aspettiamo l’approvazione del Genio civile per chiudere la cavità che si è creata e ripristinare la sicurezza del fabbricato». Sul futuro degli immobili invece, di cui a febbraio si era ipotizzata la demolizione, Fiore non si sbilancia. «È in corso un contenzioso tra i proprietari e la ditta appaltante – spiega il dirigente Fce – e nessuno si può avventurare in valutazioni perché è una bega tra privati». Che però «deriva dalle inefficienze di lavori pubblici che dovevano essere eseguiti in tutt’altro modo», replicano i residenti. Le sorti di quel che resta della palazzina, dunque, sono appese ai risvolti del contenzioso tra la Cmc di Ravenna – la ditta esecutrice dei lavori -, e gli ex inquilini. I cui dettagli, per Cmc, «devono rimanere assolutamente riservati», dichiara il manager Nino Pulejo a MeridioNews


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]