Lingue rischia di chiudere anche a Ragusa Consorzio moroso, studenti in rivolta

«Ancora una volta la nostra facoltà è a rischio di chiusura». A lanciare l’allarme è Paolo Pavia, rappresentante degli studenti della facoltà di Lingue di Ragusa. La tormentata storia della sede iblea continua a turbare i sonni dei vertici dell’Ateneo catanese e anche quelli dei politici ragusani. Il 20 dicembre è scaduto l’ultimatum imposto da palazzo Centrale per il pagamento di 959.315,75 di euro, mentre ieri gli studenti della sede ragusana si sono riuniti in assemblea «per deliberare sulle iniziative di mobilitazione per la salvezza dell’unica facoltà di Lingue e letterature straniere della Sicilia». Nella mozione approvata ieri chiedono un incontro con il sindaco di Ragusa, con i presidenti di provincia e regione e invitano il rettore Antonino Recca alla prossima assemblea studentesca.

La lunga vicenda che ha interessato per mesi la facoltà più giovane dell’Università di Catania ha portato alla chiusura della sua sede etnea. Da quest’anno accademico, infatti, la facoltà – che ha cambiato anche il proprio assetto, oltre al domicilio – ha sede esclusiva a Ragusa. Ma con la firma di una nuova convenzione, siglata nel giugno 2010, non sono finiti gli scambi epistolari tra gli uffici dell’amministrazione centrale e la sua sede decentrata.

«Siamo profondamente preoccupati» confessa Pavia, secondo il quale il problema principale della sede ragusana è l’intermediario, il Consorzio retto da Enzo Di Raimondo. Secondo il rappresentante degli studenti, il modello ideale sarebbe quello siracusano. Nella città aretusea – dove ha sede la facoltà di Architettura – a interloquire con l’Università sono direttamente gli enti coinvolti direttamente nei pagamenti, comune e provincia. Così non accade a Ragusa, dove i costi di gestione della macchina-consorzio sarebbero, sostiene Pavia, quelli che incidono maggiormente sull’intera gestione della facoltà di Lingue. «La questione non è solo quella relativa ai pagamenti, ma si devono mettere in conto anche le difficoltà del consiglio d’amministrazione». Inadeguatezza, dunque, che porta a ritardi nei pagamenti.

«Abbiamo versato proprio in questi giorni un primo importo» afferma Enzo Di Raimondo. L’ammontare del bonifico non vuole svelarlo, ma assicura che un primo passo è già stato fatto. Le difficoltà che – secondo il presidente del Consorzio – condizionano i rapporti con Catania non dipendono dalle volontà dell’ente che dirige. «Abbiamo un problema di finanza derivata – spiega – per cui dobbiamo attendere i soci del Consorzio», cioè il comune di Ragusa e la provincia. «Le competenze sono assicurate, ma le scadenze non sono allineate, questo porta ai ritardi che abbiamo accumulato». L’esempio che fa per sostenere la sua tesi è quello del contributo proveniente dalla Regione. «Sono assegnati, per il 2011, 673mila euro , ma l’ottanta per cento della somma verrà pagato a marzo-aprile. Il resto a luglio-agosto». Lo stesso meccanismo è quello che regola i fondi dei soci del Consorzio.

«I soldi ci sono per pagare anche due convenzioni, è la loro gestione che non è ottimale», ribatte Paolo Pavia, che rilancia: «Chiediamo la liquidazione del Consorzio o almeno il suo commissariamento». Ma Di Raimondo non coglie la provocazione: «Siamo in democrazia, ciascuno può esprimere la propria opinione». Per lui, il fatto stesso che si parli della questione ragusana è un bene. Il messaggio principale è, invece, rivolto al rettore e agli organi decisionali. «Catania non può avere una visione ragionieristica della situazione. Occorre vedere la sua complessità». L’impegno del territorio, lo sviluppo delle competenze, lo sforzo per migliorare le strutture. «Non è solo una spesa, ma è un investimento con un unico obiettivo: la crescita culturale degli studenti».

Ma probabilmente non è più tempo di investimenti. Sull’Ateneo catanese gravano già anche i crediti ancora non riscossi dalle ex sedi decentrate di Comiso e Modica. L’Università, dal canto suo, non ha rilasciato risposte ufficiali dopo la diffida spedita il 13 dicembre. Per il momento non risultano ulteriori atti formali, fanno sapere dall’ufficio stampa dell’Ateneo. Bisognerà attendere per sapere se il primo versamento fatto dal Consorzio e le promesse dei fondi regionali basteranno a impedire che Lingue chiuda definitivamente i battenti. Anche a Ragusa.

 

[Foto di twicepix]


Dalla stessa categoria

I più letti

Più di 900mila euro da pagare entro il 20 dicembre. Questa la scadenza non rispettata dal Consorzio di Ragusa che mette in allarme gli iscritti e non solo. «Ritardi dovuti a Comune e Regione, abbiamo versato un primo importo» afferma il presidente Di Raimondo. «Gestione deficitaria, siamo preoccupati» confessa Paolo Pavia, rappresentante di Facoltà

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]