Licata, sindaco: «Solidarietà in privato, c’è paura» Alfano propone la scorta ed esorta politica locale

«Se servire i propri territori significa rischiare la vita giornalmente, non ci sto. Farò una riflessione. I prossimi cinque o sei giorni rifletterò. Non voglio essere un eroe. Ringraziando il cielo ho tutto». Il sindaco di Licata, Angelo Cambiano, è scosso dopo il rogo doloso che stanotte ha danneggiato la casa di famiglia in campagna. E fa subito riferimento alle demolizioni delle case abusive sul suo territorio. «Sono sovraesposto – attacca -, lo ha dimostrato anche la partecipazione alla trasmissione L’Arena. Gli ex proprietari degli immobili abusivi desideravano probabilmente che il sindaco dicesse che le case si potevano salvare, che la legalità non va rispettata. Avrebbero gradito questo. Ma, naturalmente, non è possibile».

Prima dell’arrivo del ministro dell’Interno Angelino Alfano, il sindaco si sofferma a commentare con amarezza i numerosissimi messaggi di solidarietà arrivati in queste ore. «Non servono gli attestati dei politici che, per mesi, sono rimasti in silenzio», afferma. Così come sottolinea di aver ricevuto «tanti messaggi di incoraggiamento dei miei concittadini ma sono messaggi privati. Nessuno è uscito fuori, allo scoperto. E questo perché la gente ha paura». 

Alfano raggiunge il Comune di Licata nella tarda mattinata e annuncia che proporrà «una scorta per il sindaco e una vigilanza ai luoghi della sua vita, perché la scelta di amministrare una città non significa fare la scelta dell’eroismo». Quindi sottolinea: «Lo Stato c’è, è forte e fa rispettare le proprie regole. Abbiamo avuto proteste perché una squadra, composta dalla Procura della Repubblica, dal Comune di Licata e dalla prefettura di Agrigento, ha semplicemente preteso che delle sentenze fossero eseguite. Noi siamo qui a dire che le sentenze si rispettano e si eseguono e ribadire che, per il futuro, se non avvengono queste demolizioni ci saranno altre case abusive e che è finito il tempo della politica che coccolava gli abusivi per avere qualche migliaio di voti. Oggi è giunto il tempo della politica e delle istituzioni che fanno rispettare le leggi». 

Il ministro esorta la politica locale, attaccata anche dallo stesso sindaco per il silenzio delle settimane precedenti in cui non sono mancate le tensioni. «Oggi – dice Alfano – è il tempo della voce con un tono più alto. Tutti dobbiamo pronunziare parole chiare e anche la politica locale lo deve fare. Inviterò tutte le forze politiche licatesi a schierarsi attorno al sindaco che altro non ha fatto che firmare un protocollo con la Procura della Repubblica, sotto l’ausilio e la vigilanza della prefettura per realizzare queste demolizioni». Quindi l’appello agli altri sindaci: «Dovete dare un segno concreto di solidarietà e l’unica cosa da fare è iniziare i procedimenti di demolizione degli abusi edili nei vostri rispettivi paesi». Ruspe che anche stamattina simbolicamente sono tornate all’opera. «Mentre noi siamo qui – sottolinea il titolare del Viminale – le demolizioni proseguono ed un’altra casa abusiva è stata proprio adesso abbattuta. È evidente che occorrerà studiare tutti i modi perché i nostri Comuni siano dotati delle risorse finanziarie per potere procedere».

Cambiano è stato eletto nel giugno dello scorso anno e già il 24 febbraio ha subito un’aggressione da parte di un ambulante che lo ha colpito con una testata in faccia. In quell’occasione al sindaco fu diagnosticata la frattura delle ossa del naso e i carabinieri arrestarono un pescivendolo 40enne di Licata. «Serve un aiuto concreto – esorta Cambiano – sono sindaco da soli nove mesi e mi sono ritrovato a dover gestire 37 milioni di euro di debiti creati dalla politica locale e regionale. Non è possibile una cosa del genere. Ho scelto di fare il sindaco per servire la mia città, non certamente per trovare lavoro. Sono un insegnante in aspettativa». 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]