Licata, chiesto stop demolizioni case abusive I consiglieri: «L’Ars potrebbe presto sanarle»

Le strutture demolite sono ormai una decina, e un’altra ventina sono già nella lista delle esecuzioni, ma in una Licata in cui gli abusivi occupano da settimane l’aula del consiglio comunale e le polemiche arrivano persino a lambire la festa del santo patrono, non è strano se la politica ritenga di chiedere di spegnere i motori degli abbattimenti, almeno temporaneamente.

Atti formali non ne sono stati votati, ma la volontà è stata espressa in sedi assolutamente ufficiali: fermare, o quantomeno rinviare, le procedure almeno finché non saranno chiariti tutti gli aspetti necessari e, nella speranza, che nel frattempo un mutamento del quadro normativo possa salvare, almeno in parte, le case abusive licatesi. Cercando anche di capire se vi sono delle disparità di trattamento.

I fatti, uno dietro l’altro: una settimana fa circa la presidenza e i capigruppo del consiglio comunale hanno incontrato il prefetto di Agrigento, Nicola Diomede. Al quale hanno chiesto una intermediazione con la Procura, per ottenere una sospensione degli abbattimenti in attesa della discussione all’Ars di un emendamento proposto dal deputato regionale Girolamo Fazio. Questo è una rielaborazione di un ddl proposto due anni fa, e adesso inserito nel contesto del recepimento da parte della Regione della legge 380, che, appunto, parla di vigilanza urbanistica. Un documento molto atteso e che tante speranze sta ingenerando in chi è stato colpito da provvedimenti definitivi di abbattimento, che apre alla concessione della sanatoria in deroga anche per le case costruite entro la fascia dei 150 metri

Quattro i casi previsti: le strutture devono aver presentato la domanda di condono ai sensi delle leggi del 1985 e del 1994; la costruzione deve essere stata realizzata entro il 30 aprile 1991 o comunque entro la data di entrata in vigore del piano regolatore del Comune; la costruzione deve trovarsi in una zona che, alla data di entrata in vigore della legge, «si possa considerare almeno parzialmente edificata» e che il mantenimento costruzione non determini «ostacoli alla completa attuazione delle previsioni del piano regolatore comunale relative a localizzazioni e insediamenti di interesse pubblico». Insomma, di certo non una sanatoria tombale, ma uno strumento utile per molte delle case attualmente destinate all’abbattimento. Quanto basta per chiedere di prendere tempo.

Sulla questione si è espressa la consigliera Violetta Callea. «Al momento non c’è nessun atto formalizzato, ma solo una richiesta di chiarimenti sul rispetto del principio di equità nell’applicazione dei provvedimenti – spiega -. Vogliamo maggiori informazioni dagli organi di competenza e chiederemo quale potrebbero essere le ricadute dell’emendamento proposto dal deputato Fazio». Callea ha poi sottolineato che «come esponenti politici siamo interessati a capire se possono esistere dei cambiamenti normativi che possano interessare il territorio di Licata e anche il resto della Sicilia». 

A proposito della possibilità di sospendere le demolizioni. «Il prefetto ci ha detto che le ruspe non si possono fermare», prosegue la consigliera, che ha poi ribadito l’esigenza di garantire «un principio di equità sociale». Specialmente alla luce di possibili modifiche nella legge. «Se la Procura ha dei protocolli d’intesa con altri Comuni li porti avanti, affinché non passi l’idea di un accanimento della giustizia nei confronti di un territorio», ha ribadito Callea.

A far discutere, inoltre, è la decisione di iniziare gli abbattimenti dalle zone rivierasche, proprio quelle su cui si concentra l’emendamento del deputato regionale. In tal senso, se le demolizioni fossero iniziate dall’entroterra per il Licatese ci sarebbe stato più tempo. Versione che, tuttavia, probabilmente gli abusivi degli altri Comuni non avrebbero gradito. Non solo, ma rispetto all’accelerazione imposta dalla Procura di Agrigento alle procedure di demolizione, c’è da dire che l’evento detonante è uguale per tutti i Comuni siciliani, ovvero una circolare della Regione che lo scorso anno ricordava a tutti competenze, obblighi e termini entro i quali si sarebbe dovuto mettere mano a una ferita mai guarita in questi anni, quale è l’edificazione selvaggia.

Ma l’emendamento di Fazio potrà davvero salvare le case? Dipende. Stando a quanto riferitoci dallo staff del deputato, infatti, il testo è attualmente in discussione alla commissione Ambiente e, quindi, potrebbero passare mesi prima che la legge arrivi in Sala d’Ercole. E, a quella data, potrebbe non rimanere più nulla da sanare.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]