Libreria Mangiacarte, chiude la storica sede I soci: «Una scelta sofferta ma necessaria»

«Siamo un po’ stanche. Visto il mancato ricambio generazionale e la carenza di fondi, abbiamo deciso di cambiare e di ricominciare in un altro modo. Perciò continueremo a sostenere l’idea ma non lo spazio». Lo spazio di cui parla Nadia, socia dell’associazione di promozione sociale Mangiacarte, è la storica sede di via Verginelle della libreria sociale che dal 2005 è spazio aperto ad iniziative ed eventi culturali ideati dal basso e senza scopo di lucro. Dal 31 agosto chiuderà le porte, ma i soci assicurano chi, negli ultimi nove anni, ha assistito a incontri, concerti, mostre, cineforum, laboratori creativi, lezioni di lingua straniera, pranzi e cene sociali, nel piccolo e colorato locale della stradina del centro storico etneo, che continueranno ad operare. «Forse in forma itinerante, forse in una nuova sede», dicono, e invitano tutti alla festa di chiusura che si terrà il 31 dalle 19 a mezzanotte lungo la via.

Le ragioni che hanno portato alla decisione di chiudere la sede sono molteplici. Ai problemi da sempre esistiti con il vicinato, che non ha mai gradito che la viuzza da residenziale diventasse luogo di attività culturali e di incontro, si sono aggiunte le difficoltà di continuare con sempre meno volontari e nessun tipo di supporto finanziario da parte delle istituzioni. «Con i vicini – racconta Nadia – abbiamo sempre cercato di dialogare e siamo andati incontro alle richieste di limitare rumori, musica – o anche solo la possibilità che qualcuno si fermasse fuori la sede a parlare di sera – cambiando gli orari delle nostre attività, concentrandole nel pomeriggio, ma non è bastato. Non abbiamo avuto mai grosse tensioni – continua – ma la loro costanza ci ha costretti a smettere di organizzare eventi più importanti o con bambini per esempio, e questo ha influito nella decisione di allontanarci dalla sede, precaria, bisognosa di altri lavori, ma che è stata fondamentale per creare la nostra associazione indipendente».

Negli anni, pur avendo sempre più seguito di pubblico, è diminuito l’apporto dei soci attivi. «Il socio è diventato un cliente e ciò ha reso la gestione più complicata – dice Nadia – Soprattutto è andato sempre più diminuendo l’ingresso di soci giovani e studenti. Nel frattempo quelli del gruppo aperto originario sono cresciuti, costretti a lasciare la città per lavoro o a dividersi tra i vari lavori e quindi con meno tempo e possibilità di continuare a portare avanti le attività in modo gratuito e basandosi sul volontariato».

La Mangiacarte si è sempre autosostenuta e le entrate sono bastate al massimo a coprire i costi di gestione delle attività e della sede. «La festa di chiusura servirà anche a cercare di coprire gli ultimi mille euro di spese», afferma Nadia. «Per noi è sempre stato fondamentale essere completamente indipendenti, ma la realtà è che date le spese da affrontare, si fa prima a non fare nulla ed è molto triste. Per questo ultimamente abbiamo interpellato il Comune sulla questione finanziamenti e a proposito della sede piccola, affittata, in zona residenziale, un problema che accomuna molte associazioni catanesi». Hanno mandato diverse lettere, ma non hanno ancora ricevuto risposte. «Abbiamo anche chiesto ironicamente il patrocinio del Comune per la festa di chiusura, ma per il momento è una comunicazione unidirezionale», racconta Nadia.

Su come continueranno le attività non ci sono ancora idee precise. «Al momento pensiamo in forma itinerante, e lavoreremo per mantenere viva la biblioteca e il suo patrimonio di libri, che è una realtà in sé e pretesto per altre attività culturali», dice Nadia. Di sicuro si penserà a una nuova sede solo se si avrà il sostegno delle istituzioni. «Una sede privata comporta un’idea imprenditoriale orientata al profitto e noi abbiamo sempre avuto una logica diversa», spiega la socia della Mangiacarte. «C’è da lavorare sul Comune e il pubblico che devono capire che siamo patrimonio della città – afferma – e lo dimostra che lo spazio aperto della libreria è stato terreno fertile per tante altre realtà culturali che oggi hanno vita propria in città, e che contribuiscono a trasformarla. La Mangiacarte ha messo insieme tanti gruppi e idee, che si sono evoluti e forse per questo è diventata obsoleta. Perciò abbiamo deciso di cambiare».

In divenire è anche il programma della festa. «Di solito abbiamo un tema particolare dal quale partire – spiega Nadia – questa volta il tema siamo noi, quindi abbiamo lanciato un appello a tutti i soci che in questi anni hanno collaborato e in base alle risposte stileremo il programma. Insomma, vogliamo che chi è passato dalla Mangiacarte ci ricordi come è stato in questi nove anni. Sarà una kermesse delle arti ed esperienze che sono passati dalla nostra sede in via Verginelle».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Il 31 agosto la biblioteca sociale autogestita chiuderà le porte del piccolo e colorato locale di via Verginelle, dove per nove anni si sono susseguite numerose attività ed eventi socio-culturali, gestiti dal basso e senza scopo di lucro. «Con pochi volontari e nessun finanziamento è impossibile continuare», spiegano i soci, che però rassicurano: «Chiude la sede ma non l'associazione». E salutano i cittadini con una festa

Il 31 agosto la biblioteca sociale autogestita chiuderà le porte del piccolo e colorato locale di via Verginelle, dove per nove anni si sono susseguite numerose attività ed eventi socio-culturali, gestiti dal basso e senza scopo di lucro. «Con pochi volontari e nessun finanziamento è impossibile continuare», spiegano i soci, che però rassicurano: «Chiude la sede ma non l'associazione». E salutano i cittadini con una festa

Il 31 agosto la biblioteca sociale autogestita chiuderà le porte del piccolo e colorato locale di via Verginelle, dove per nove anni si sono susseguite numerose attività ed eventi socio-culturali, gestiti dal basso e senza scopo di lucro. «Con pochi volontari e nessun finanziamento è impossibile continuare», spiegano i soci, che però rassicurano: «Chiude la sede ma non l'associazione». E salutano i cittadini con una festa

Il 31 agosto la biblioteca sociale autogestita chiuderà le porte del piccolo e colorato locale di via Verginelle, dove per nove anni si sono susseguite numerose attività ed eventi socio-culturali, gestiti dal basso e senza scopo di lucro. «Con pochi volontari e nessun finanziamento è impossibile continuare», spiegano i soci, che però rassicurano: «Chiude la sede ma non l'associazione». E salutano i cittadini con una festa

Il 31 agosto la biblioteca sociale autogestita chiuderà le porte del piccolo e colorato locale di via Verginelle, dove per nove anni si sono susseguite numerose attività ed eventi socio-culturali, gestiti dal basso e senza scopo di lucro. «Con pochi volontari e nessun finanziamento è impossibile continuare», spiegano i soci, che però rassicurano: «Chiude la sede ma non l'associazione». E salutano i cittadini con una festa

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]