Lentini, quasi pronta la fattoria sociale di Libera Nell’ex terreno dei Nardo, tra ritardi e burocrazia

Fino agli inizi del 2000 era solo un pereto di scarso valore e per la gran parte seminativo. Di proprietà del boss di Cosa nostra Sebastiano Nardo, capo della zona di Lentini. Entro il 2012 sarebbe dovuto diventare il centro del progetto Libera terra Leontinoi – Casa nostra fattoria della legalità, dell’associazione antimafie Libera. Un’idea di struttura polifunzionale mai abbandonata, ma rallentata da errori e lungaggini burocraticheTra le tante che provocano lunghi ritardi nei progetti di riuso dei beni confiscati alle mafie. Nonostante il finanziamento da poco più di due milioni e mezzo: quasi un milione e mezzo dall’Unione europea e quel che resta dal Fondo di rotazione nazionale. «Entro febbraio dovrebbero consegnarci il manufatto, poi da marzo-aprile dovrebbe arrivare il resto», spiega Armando Rossitto, di Libera Lentini, vicesindaco e assessore alla Legalità e cittadinanza fino al 2009, quando ha lasciato per motivi di salute. Ma che continua a seguire questo progetto con una consulenza gratuita. «C’è una sfasatura tra la Regione Siciliana e il ministero degli Interni. Manca la delibera di assegnazione dei fondi Coesione e sviluppo – continua – Dal programma (Pon Conv Fesr Sicurezza, ndr) si sono resi conto che con la Regione Siciliana ci sarebbero potute essere delle difficoltà e hanno preferito avere autonomia». Dalla Regione, poi, si attende il finanziamento per gli animali e le piante, e le attività del centro tra cui alcuni laboratori legati alle produzioni di olio, grano, arance. «L’allora presidente Raffaele Lombardo non rispondeva e l’attuale governatore Rosario Crocetta, seppure interessato, ci ha detto che per ora non ci sono soldi», spiega Rossitto.

L’idea nasce nel novembre 2006, «ma dal programma ci viene risposto che i tempi erano troppo stretti perché sarebbe scaduto a dicembre. Così si arriva al 2008, quando viene approvato», nella relativa programmazione 2007-2013. L’inizio dei lavori è previsto per aprile 2010, mentre il completamento a giugno 2012. Si inizia invece solo nel 2013, per concludere lo scorso anno. I rallentamenti si verificano subito. «Sul terreno confiscato esistevano delle ipoteche – racconta Armando Rossitto -, ci sono voluti tre mesi per risolvere questo problema con le banche». Poco dopo, ecco un altro intoppo. «Durante il percorso di approvazione del progetto, il Genio civile e la Regione hanno sollevato dei problemi sulla collocazione dell’opera. Temevano un rischio esondazione per la presenza di un torrente a cinque chilometri, nonostante fosse stato già verificato in fase di presentazione del piano. Ma eravamo nel periodo dell’alluvione di Messina che fece decine di morti e i tecnici cominciarono ad allarmarsi». Sistemato il progetto e spostato il sito poco più in là, si passa alla gara d’appalto. «Tra i tempi necessari e gli eventuali ricorsi ero terrorizzato – ammette Rossitto – Mi chiedevo: la ditta fallirà? Darà il progetto in subappalto? Sarà una società pulita? Abbiamo visto quello che è successo a Milano con l’Expo. E invece per fortuna è andato tutto bene». Nonostante la burocrazia. «Spesso nelle pubbliche amministrazioni non ci sono le competenze necessarie e l’aggiornamento. Ma dall’altro lato le lungaggini burocratiche sono dovute anche alla necessità di evitare errori e infiltrazioni che screditerebbero le istituzioni».

Il progetto prevede la creazione di una struttura polifunzionale che può accogliere fino a 120 persone per convegni e ristorazione. Più 40 posti letto distribuiti in cinque casette a due piani. All’interno si svolgeranno incontri, laboratori e attività. «L’obiettivo principale è quello occupazionale – spiega Rossitto – All’inizio sarà un’occupazione un po’ precaria perché saremo in fase di start up, ma a regime le ricadute potrebbero essere significative perché la struttura ha potenzialità importanti». A patto che si verifichino due condizione, secondo l’ex assessore alla Legalità di Lentini: «Tutto dipende dalle capacità gestionali della cooperativa e poi da quella del territorio, anche nazionale, di accogliere il messaggio di fondo del progetto. Un po’ com’è successo a Corleone, meta di vacanze antimafie per giovanissimi e di volontari. A occuparsi della fattoria sociale sarà una cooperativa già formata e che opera nel settore agricolo nei beni confiscati a Lentini, Ramacca e Belpasso, con sei persone impiegate.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Sulla base di un progetto del 2008, i lavori dovevano concludersi nel 2012. E invece sono partiti solo l'anno successivo. A causa di ipoteche non verificate, problemi tecnici e «la sfasatura tra il ministero dell'Interno e la Regione Siciliana», spiega Armando Rossitto dell'associazione antimafie. Entro febbraio la consegna del manufatto, in attesa dei fondi per animali e attività

Sulla base di un progetto del 2008, i lavori dovevano concludersi nel 2012. E invece sono partiti solo l'anno successivo. A causa di ipoteche non verificate, problemi tecnici e «la sfasatura tra il ministero dell'Interno e la Regione Siciliana», spiega Armando Rossitto dell'associazione antimafie. Entro febbraio la consegna del manufatto, in attesa dei fondi per animali e attività

Sulla base di un progetto del 2008, i lavori dovevano concludersi nel 2012. E invece sono partiti solo l'anno successivo. A causa di ipoteche non verificate, problemi tecnici e «la sfasatura tra il ministero dell'Interno e la Regione Siciliana», spiega Armando Rossitto dell'associazione antimafie. Entro febbraio la consegna del manufatto, in attesa dei fondi per animali e attività

Sulla base di un progetto del 2008, i lavori dovevano concludersi nel 2012. E invece sono partiti solo l'anno successivo. A causa di ipoteche non verificate, problemi tecnici e «la sfasatura tra il ministero dell'Interno e la Regione Siciliana», spiega Armando Rossitto dell'associazione antimafie. Entro febbraio la consegna del manufatto, in attesa dei fondi per animali e attività

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]