Lega in Sicilia, ecco le accuse ai coordinatori «Non possiamo mandare 7mila voti al macero»

Registi dell’operazione «detto Salvino» che alle scorse elezioni Regionali ha portato alla candidatura di Mario Caputo in sostituzione del fratello Salvino. I due coordinatori della Lega in SiciliaAlessandro Pagano e Angelo Attaguile – sono indagati dalla Procura di Termini Imerese perché avrebbero saputo, suggerito e avvallato quello che per i pubblici ministeri è stato un vero e proprio raggiro degli elettori: presentare volutamente un candidato, Mario Caputo, inducendo a credere che fosse un altro, e cioè il fratello decisamente più noto Salvino Caputo (i due fratelli sono accusati anche di voto di scambio). «Senti, mi devi fare una cortesia – dice Pagano, referente del partito di Salvini in Sicilia occidentale a Salvino Caputo – non possiamo prendere settemila o seimila voti e buttarli al macero. Scusa, male che va candidi tuo figlio. Tu continui ad essere più forte di tutti. Io so già la soluzione qual è. Caputo senza fotografie e Gianluca, non so come si chiama tuo figlio, detto Salvino. Punto e basta, funziona così». Alla fine al posto del figlio, viene messo in lista il fratello che risulta il primo dei non eletti in Alleanza per la Sicilia – Nello Musumeci Presidente che univa candidati di Fratelli d’Italia e Noi con Salvini.

L’incandidabilità di Salvino Caputo – per quattro volte parlamentare nazionale con Alleanza Nazionale, Forza Italia e Pdl, nonché due volte sindaco di Monreale, sulla cui forza elettorale la Lega contava per ottenere un buon risultato – nasceva dalla legge Severino, per una condanna a un anno e cinque mesi per tentato abuso d’ufficio. Il 29 settembre del 2017, quindi a poco più di due mesi dalla Regionali, Salvino Caputo apprende da una sua collega avvocata che l’istanza di riabilitazione è stata rigettata. L’esponente della lista Noi con Salvini chiede quindi un parere legale all’avvocato amministrativista Gaetano Armao (oggi vicepresidente della Regione). Successivamente chiama Pagano e, pur sapendo che il provvedimento è stato bocciato, gli comunica che la decisione era stata rinviata e quindi non poteva essere candidato. In questa telefonata Pagano avrebbe suggerito di candidare un familiare, che in un primo momento viene individuato nel figlio. 

La scelta di Pagano sarebbe stata condivisa anche da Angelo Attaguile. Lo stesso giorno, circa un’ora dopo, Attaguile parla con Caputo che è intercettato: «Ho parlato con Alessandro (Pagano ndr) – dice il coordinatore della Lega in Sicilia orientale che in quel momento è anche parlamentare – la soluzione che ha posto lui è ottima. Quella “detto Salvino”. Candidare tuo figlio e stare tutto così com’è e poi ci si mette “detto Salvino”. La tua la mantieni lo stesso. Questa candidatura, mettendoci il nome di tuo figlio. Però ci metti “detto Salvino”». Alla fine il candidato è il fratello Mario e i manifesti elettorali vengono affissi senza nome e senza foto. Per gli inquirenti un vero e proprio raggiro che configura l’ipotesi di reato di attentato contro i diritti politici del cittadino. 

«Io – dice adesso Attaguile a MeridioNews – ho ritenuto valida la proposta di Pagano, anche perché Caputo mi ha fatto notare che davvero suo figlio era conosciuto anche come Salvino, perché assomigliava al padre. Alla fine non fu candidato lui, ma il fratello e l’ho saputo a cose fatte, perché io mi sono occupato delle liste nelle province orientali. Non ho fatto né sono a conoscenza di alcun voto di scambio, non mi è ancora arrivata nessuna comunicazione dalla Procura, ma se le accuse sono queste, relative alla candidatura del fratello di Caputo, sono assolutamente tranquillo».

Pagano viene tirato in ballo anche in un’altra circostanza, in uno degli episodi in cui Salvino Caputo avrebbe fatto promesse in cambio di voti. In particolare, gli inquirenti annotano che  quest’ultimo avrebbe cercato di ottenere i voti di Nicola Bordino (pure lui indagato), dei suoi parenti e dei suoi conoscenti in due tornate elettorali: le Amministrative di Termini Imerese del 2017 e le successive Regionali. Nel primo caso il candidato che avrebbe giovato delle promesse sarebbe stato Francesco Giunta, nel secondo Mario Caputo. In cambio a Bordino sarebbe stata promessa l’assunzione in un’impresa di pulizie che lavorava all’ospedale di Termini, «per il tramite – si legge nell’ordinanza – del deputato nazionale Pagano Alessandro».

Ci sarebbe un fascicolo a parte della Procura di Termini Imerese sui due coordinatori della Lega, Attaguile e Pagano, all’epoca delle indagini entrambi parlamentari. Alle ultime elezioni nazionali il primo non è stato rieletto, mentre il secondo è stato riconfermato. Di conseguenza serve il via libera del nuovo Parlamento all’uso delle intercettazioni. Un passaggio che potrebbe creare qualche imbarazzo in una fase delicata, ma che viene scongiurato dalla presa di posizione dello stesso Pagano. Tramite il suo avvocato, Nino Caleca, infatti, ha già annunciato che «darà il consenso all’utilizzo delle intercettazioni». Nell’altro fascicolo gli indagati sarebbero una ventina e, oltre ai due fratelli Caputo, ci sarebbero altri colleghi di partito. Una vicenda particolarmente spinosa per la Lega, già spaccata in Sicilia a causa della differenza di vedute dei due coordinatori su diversi nodi. Domani mattina sarà Matteo Salvini a prendere eventuali decisioni: alle 11 ha convocato Pagano e Attaguile a Roma. Un’ora dopo salirà al Quirinale, dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella, per le consultazioni in vista della formazione del nuovo governo. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]