L’avviso per una filiera di cannabis terapeutica made in Sicily «Sull’Isola utile a 10mila pazienti ma c’è resistenza dei medici»

«In Sicilia sono circa 10mila le persone affette da patologie che potrebbero utilizzare come terapia la cannabis». È la vicepresidente del comitato pazienti cannabis medica Santa Sarta a fare i conti ora che l’assessorato regionale all’Agricoltura, diretto da Toni Scilla, ha pubblicato un avviso alla ricerca di imprenditori per creare una filiera di cannabis terapeutica made in Sicily. Non solo coltivare ma anche trasformare. Un progetto innovativo che potrebbe essere un’opportunità non solo per i pazienti, che ancora faticano a trovare la cannabis nelle farmacie dell’isola, ma anche per gli agricoltori. «Finalmente si sta valorizzando», afferma a MeridioNews Antonio Caruso, il direttore operativo di Canapar Italia. Lo stabilimento farmaceutico di canapa industriale più grande d’Italia nato nel 2018 che ha la sede principale nella zona industriale di Ragusa e che è di proprietà di una holding canadese. «Questa manifestazione di interesse – aggiunge – solo cinque anni fa sarebbe stata impensabile».

L’avviso pubblicato ieri, accoglierà le richieste di partecipazione via Pec fino al 31 maggio. Poi bisognerà attendere le autorizzazioni alla sperimentazione da parte del ministero della Salute. «Dopo avere individuato il partenariato che abbia le adeguate competenze tecniche, professionali e finanziarie per la realizzazione dell’intera filiera – ha assicurato l’assessore Scilla – la Regione si attiverà richiedendo l’autorizzazione per lo sviluppo del progetto». Tra i requisiti per i partner c’è una pregressa esperienza nel settore ma anche competenze nella ricerca in campo medico sia umano che veterinario, senza dimenticare le nuove tecniche di produzione a livello farmaceutico. «Tutto è partito nel 2018 – ha ricostruito Sarta durante la trasmissione Direttora d’aria – con un tavolo tecnico in Regione che era ancora tra le ultime a non avere legiferato sulla rimborsabilità del farmaco». Una questione soprattutto di sensibilità nei confronti del tema su cui c’è ancora molta confusione, a partire dalla differenza tra la cannabis terapeutica e quella per uso ricreativo. Superate le questioni culturali e anche quelle legali, adesso restano quelle della reperibilità. «In Italia c’è soltanto un istituto farmaceutico che può coltivare la cannabis per uso medico – ha spiegato la vicepresidente del comitato – tutto il resto del fabbisogno (oltre 160 chili l’anno) è importato dall’Olanda. Ma non basta come abbiamo dimostrato con un sondaggio raccolto su un campione di 300 pazienti siciliani». 

La quantità di cannabis terapeutica disponibile al momento non è sufficiente e, quindi, c’è bisogno di ampliarne la coltivazione. Nell’Isola le aziende non mancano e alcune hanno approcciato anche mercati fuori dall’Italia. Secondo un’indagine di Coldiretti la filiera, a livello nazionale della cannabis terapeutica potrebbe raggiungere un valore di 1,5 miliardi e circa 10mila posti di lavoro. «Al momento, viviamo in un’Europa a più velocità – spiega il direttore operativo di Canapar – con Paesi del nord-est che hanno già regolato l’uso degli estratti dalla canapa industriale, altri che lo tollerano e poi c’è un gruppo di Stati più a sud, tra cui anche l’Italia, che stenta a definire un assetto regolamentare chiaro che possa consolidare il settore e rasserenare le migliaia di operatori economici». Eppure, anche in Italia negli ultimi anni sono stati fatti passi avanti. «È un settore che dal punto di vista normativo è in continua evoluzione ma che presenta ancora aspetti grigi. Questa manifestazione di interesse – aggiunge Caruso – da parte della Regione è certamente un segnale positivo da parte della politica che si sta finalmente approcciando alla questione con una visione oggettiva svincolata dalla dicotomia destra-sinistra, giusto-sbagliato. Adesso – afferma – studieremo questo avviso con cura per capire in che modo potere partecipare perché è un’opportunità ma richiede anche un cospicuo investimento che potrebbe considerare svariati milioni di euro».

Negli ultimi anni, anche sull’isola dei passi avanti sono già stati fatti. L’assessore alla Salute Ruggero Razza aveva aperto alla possibilità di utilizzo della cannabis a uso terapeutico con il sostentamento economico da parte stessa Regione. «Siamo riusciti a sbloccare le convezioni con tutte le Asp siciliane e adesso è acquistabile (su ricetta medica, ndr) in farmacie in tutte le province – ha affermato Santa Sarta – E da poco sono partiti anche i corsi di formazione per i medici su questa terapia perché ancora oggi, in molti casi, nonostante la legge – ha sottolineato – troviamo resistenza proprio da parte di alcuni medici». E, invece, si tratta di una vera e propria terapia che può essere importanti per diverse patologie – neurologiche, malattie autoimmuni, epilessia, spasmi muscolari – e che può essere assunta sia per via orale (tramite oli o capsule) oppure con un inalatore in cui mettere le infiorescenze per aspirare il vapore. «Addirittura oramai ci sono anche delle applicazioni da scaricare per il cellulare con cui il medico può monitorare l’assunzione. Quello che deve essere chiaro – ha concluso la vicepresidente del comitato pazienti cannabis medica – è che per noi si tratta di una terapia e non di un’assunzione per uso ricreativo o ludico. E, invece, ancora spesso si arriva a questo dopo averla dovuta acquistare dal mercato nero».    


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]