L’Ars approva il mutuo da un miliardo 176 milioni  «Nocivo per i siciliani, costretti a un ingiusto peso»

Dopo un dibattito non privo di polemiche, a tratti aspro, il parlamento siciliano ha approvato il disegno di legge sul nuovo mutuo da un miliardo e 176 milioni di euro. Il provvedimento è stato esitato con 37 voti favorevoli (i deputati del centrosinistra), tre contrari e un astenuto. A pagare, per i prossimi trent’anni, saranno le famiglie e le imprese siciliane, che dovranno sostenere le aliquote Irpef e Irap ai massimi livelli. Il nuovo mutuo dovrà essere acceso presso la Cassa depositi e prestiti. Un passaggio che non si annuncia facile, se è vero che ben tre mutui sono rimasti bloccati negli ultimi due anni. La Regione, dal 2013 ad oggi, ha provato ad accendere quattro mutui: uno da circa 600 milioni è andato in porto, mentre altri tre sono stati fermati (l’importo dei mutui che Roma ha bloccato alla Sicilia dal 2013 ad oggi supera la somma di 800 milioni di euro).

Il dibattito di ieri sera a sala d’Ercole ha fatto emergere verità e contraddizioni. Nello Musumeci (centrodestra), è andato giù duro. Ha elencato tutte le somme che lo Stato, negli ultimi due anni ha tolto alla Sicilia; tra accantonamenti e fondi Pac, ammontano a oltre cinque miliardi di euro. E ha ricordato l’accordo con il governo Renzi siglato la scorsa estate dal presidente della Regione, Rosario Crocetta, in base al quale la Sicilia rinuncia, per i prossimi quattro anni, agli effetti positivi del contenzioso tra Stato e Regione. Musumeci, in particolare, si è soffermato sulla sentenza della Corte Costituzionale che ha dato ragione alla Regione siciliana in materia di territorializzazione delle imposte. Argomento che, in effetti, viene affrontato anche dall’assessore all’Economia, Alessandro Baccei.

Baccei, da parte sua, ha detto che la crisi finanziaria della Regione viene da lontano: e cioè da scelte che sono state adottate negli anni passati. Il riferimento è, soprattutto, ai circa 24mila operai della Forestale e ai precari che operano alla Regione, negli enti della Regione, nelle Province e, soprattutto, nel Comuni dell’Isola. Una spesa che, alla luce delle condizioni di bilancio della Regione, non sembrano più sostenibili. L’assessore all’Economia, comunque, è arrivato in Sicilia da poco tempo. E forse non sa che tutte le scelte sul precariato e sui forestali sono state adottate dalla Regione di concerto con lo Stato. Gli Lsu (sigla che sta per lavoratori socialmente utili) in buona parte assorbiti dalle pubbliche amministrazioni dell’Isola con le stabilizzazioni sono stati addirittura creati con leggi nazionali. Quanto alle leggi regionali su forestali e precari, sono passate tutte dal vaglio dell’ufficio del Commissario dello Stato e non sono mai state impugnate. 

Non mancano le reazioni. Il Movimento 5 Stelle, che ha votato contro il provvedimento, parla di «patto del Lazzaretto tra la squinternata maggioranza e parti di finta opposizione, che hanno fatto di tutto per tenere in vita il mutuo ed il governo». I grillini attaccano a testa bassa il presidente della commissione Bilancio e Finanze, Nino Dina, che «si è fatto beffe del parlamento, riportando subito in aula il disegno di legge e, soprattutto, con finte opposizioni, che imprecano e poi rimangono a sala d’Ercole per salvare il governo». Durissima l’accusa che i grillini rivolgono ai parlamentari di centrodestra Pietro Alongi, Nino D’Asero, Enzo Fontana e Vincenzo Figuccia che, con la loro presenza in aula, hanno assicurato il numero legale, consentendo l’approvazione del mutuo.

Per il capogruppo di Forza Italia, Marco Falcone, «l’avere approvato il mutuo di un miliardo e ottocento milioni di euro con un blitz del vicepresidente, Antonio Venturino, è stato un atto banditesco. L’accensione del mutuo non sarà utile, né tantomeno aprirà alcun credito nei confronti del governo nazionale. È solo un escamotage per prendere una boccata d’ossigeno per i prossimi sei mesi. Non è un atto che fa onore alla maggioranza a trazione Pd ed è nocivo per i siciliani che saranno costretti a caricarsi un ingiusto peso frutto della mala gestio di una sinistra che è al governo ininterrottamente da sei anni». 

Le polemiche sul vice presidente Venturino fanno riferimento alla decisione di riportare in aula il disegno di legge sul mutuo dopo che il giorno precedente – martedì corso – sala d’Ercole aveva votato il ritorno del disegno di legge in commissione Bilancio e finanze. Ieri la commissione Bilancio ha riapprovato il disegno di legge e l’ha rispedito in aula. Il ritorno in discussione del mutuo ha dato luogo a un acceso dibattito. Secondo le opposizioni non si poteva fare. Ma Venturino ha tirato dritto, non senza forzare il regolamento.

Non è da escludere che la vicenda possa avere un’appendice. Se, come dicono le opposizioni di centrodestra, c’è stata un’interpretazione forzata del regolamento, non possono essere esclusi strascichi.  


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Il disegno di legge ha ricevuto 37 voti favorevoli, tre contrari e un astenuto. Per sostenerlo, i siciliani dovranno reggere aliquote Irpef e Irap ai massimi livelli. Il Movimento 5 stelle ha definito l'operazione un «patto del Lazzaretto tra la squinternata maggioranza e parti di finta opposizione». Critico anche Falcone (Forza Italia): «Un escamotage per i prossimi sei mesi»

Il disegno di legge ha ricevuto 37 voti favorevoli, tre contrari e un astenuto. Per sostenerlo, i siciliani dovranno reggere aliquote Irpef e Irap ai massimi livelli. Il Movimento 5 stelle ha definito l'operazione un «patto del Lazzaretto tra la squinternata maggioranza e parti di finta opposizione». Critico anche Falcone (Forza Italia): «Un escamotage per i prossimi sei mesi»

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]