L’Ars approva il Defr. Nel 2020 Pil sotto di otto punti La Regione mira al recupero nel prossimo triennio

Un decremento del prodotto interno lordo per il 2020 pari a otto punti. Per il 2021, invece, le previsioni sono ottimiste: si prevede una crescita del 7,6 per cento; del 4,7 per il 2022 e del 3,3 per il 2023. Un dato che fa ben sperare per il prossimo triennio e la cui previsione tiene conto delle misure strutturali e straordinarie regionali di sostegno all’economia e, in parte, degli investimenti previsti dal Recovery plan

Poche righe – provenienti dall’assessorato all’Economia retto da Gaetano Armao – bastano a fotografare la situazione socio-economica dell’isola alla luce degli effetti della pandemia in occasione dell’approvazione all’Ars del documento di economia e finanza regionale (Defr) per gli anni 2021-2023. In mezzo il drammatico aggravamento della precarietà sociale e la condizione di insularità che, come viene puntualizzato dal vicepresidente regionale, «costa ai siciliani 6,5 miliardi di euro l’anno». Per questo per Palazzo d’Orleans sarebbero necessarie misure di riequilibrio e perequazione a tutela del sud e della Sicilia per le quali i documenti sottolineano carenze e ritardi

«La crisi economica – si legge nel comunicato diffuso dalla Regione – ha colpito la Sicilia quando ancora non erano stati superati gli effetti della precedente, negli anni 2010-2012, rendendo ancora più pesante il mancato recupero di produttività quando l’Italia e molte regioni, anche del sud, conseguivano significativi incrementi (2013-18)». 

I documenti finanziari del governo regionale sottolineano che per invertire la tendenza sono necessari sostegni finanziari efficienti e tempestivi, proprio per far fronte agli effetti più devastanti e paralizzanti della chiusura delle attività e della vita sociale, ma soprattutto investimenti che rimettano in moto l’economia regionale che, altrimenti, corre il rischio di avvilupparsi in una sindrome depressiva. In questo senso il riconoscimento di un rilievo particolare al Sud e alla Sicilia nel Recovery plan da parte del governo centrale è essenziale per avviare definitivamente a conclusione il divario Nord-Sud divenuto ormai insostenibile.

«L’economia della Sicilia – ha affermato Armao – è oggi appesantita dalla grave crisi economica determinata dalle misure di contrasto alla diffusione del Covid-19. Il governo Musumeci punta alla ricostruzione». E per farlo si avvarrà delle risorse convogliate dalla legge di stabilità per il 2020, ma anche di risorse extraregionali che, però, necessitano del tempestivo riscontro statale.


Dalla stessa categoria

I più letti

Giustizia per Emanuele Scieri

«Ricordate che in tutti i tempi ci sono stati tiranni e assassini e che, per un certo periodo, sono sembrati invincibili, ma alla fine, cadono sempre, sempre». È da un aforisma del mahatma Gandhi che ha preso spunto l’avvocata Alessandra Furnari nella sua discussione durante il processo per l’omicidio volontario aggravato di Emanuele Scieri, il parà siracusano 26enne in servizio militare trovato cadavere nell’agosto del 1999 […]

«Una macchina di imbrogli e di sotterfugi manzoniana che si è sviluppata sull’esigenza di un costrutto che doveva raccontare un’altra versione dei fatti». Così il procuratore di Pisa Alessandro Crini ha definito la ricostruzione da parte dell’esercito di quanto accaduto all’interno della caserma Gamerra nell’agosto del 1999 nel corso della sua requisitoria a cui è […]

Catania archeologica, l`occasione mancata

In una nota protocollata al Comune etneo a metà gennaio l'associazione di piazza Federico di Svevia chiede di gestire il bene del XII secolo, abbandonato, per garantirne «a titolo gratuito e senza scopo di lucro, la fruibilità». Adesso interrotta dal cambio del lucchetto del cancello da cui vi si accede e dalle divergenze con uno degli abitanti, che risponde: «C'era il rischio per la pubblica incolumità»

I processi a Raffaele Lombardo