Lampedusa, turisti accolti dai rifiuti in strada  Lavoratori in sciopero e albergatori preoccupati

Sciopero ad oltranza degli operatori ecologici a Lampedusa. E la perla del Mediterraneo si riempe di cumuli di immondizia, proprio nel clou della stagione estiva. Al quarto giorno di protesta da parte dei lavoratori, i disagi e i cattivi odori si diffondono lungo le strade dell’isola delle Pelagie. «Negli ultimi sette anni – segnala in una nota il Movimento 5 stelle – gli operatori ecologici di Lampedusa e Linosa hanno percepito lo stipendio con ritardi che vanno dai tre ai sei mesi, umiliazioni, offese, ricatti e minacce. I lavoratori adesso hanno deciso di alzare la testa in maniera definitiva e avviato una serie di azioni che possano portare al pagamento degli stipendi arretrati». 

Lampedusa come il resto della Sicilia, insomma. Se nella grande isola le vicende sulla gestione, la raccolta e lo smaltimento dell’immondizia sono complicate, nella piccola isola lo sono ancora di più. Ogni estate la questione rifiuti diventa emergenza. È il sunto della lunga e circostanziata denuncia che fa Giacomo Sferlazzo, delegato sindacale dell’Usb a Lampedusa. I Comuni per legge sono obbligati ad aderire agli Ato, gli Ambiti Territoriali Ottimali di competenza provinciale. Lampedusa sarebbe di pertinenza dell’Ato Ag2 di Agrigento. Dal 2010, però, il ciclo dei rifiuti viene affidato direttamente dal Comune a una società privata, l’Iseda, che a sua volta ha due società associate, la Sap e la Seap. 

«Da allora ad oggi il servizio è andato in deroga sempre alle stesse imprese – dice Sferlazzo -. Oltre a non garantire lo stipendio e altri diritti ai propri lavoratori, le aziende non hanno fatto neanche il servizio di raccolta differenziata. L’affidamento diretto per motivi di urgenza che ha scavalcato le norme anticorruzione è costato a questa amministrazione comunale, insieme ad altri 74 comuni siciliani, il segnalamento all’Autorità nazionale anticorruzione». Le proteste dei lavoratori e dell’Usb vanno avanti dallo scorso inverno, quando si erano formati cumuli di immondizia, ma solo per pochi giorni. Altre proteste si erano poi succedute a maggio, dopo l’infruttuoso incontro tra la sindaca Giusi Nicolini e il responsabile dell’Usb siciliana Aldo Mucci. È in questo clima di tensione che si arriva in piena estate. 

Lo scorso 30 giugno l’amministrazione comunale rinnova la proroga al raggruppamento di imprese costituto da Iseda, Sap e Seap. Mentre il 9 luglio i lavoratori della nettezza urbana, stanchi di promesse non mantenute e di quello che Sferlazzo definisce «un continuo rimpallo di responsabilità tra Comune, ditte e Regione siciliana», decidono di acuire le ragioni dello scontro. Avviando uno sciopero che al terzo giorno non gode neppure della copertura sindacale. 

Intanto i cumuli di immondizia fanno da maleodorante biglietto da visita per i tantissimi turisti che affollano Lampedusa. E il disagio si estende agli albergatori, che si attendono tantissimo dalla stagione principale per l’economia dell’isola. «Bisognerebbe essere più attenti verso chi viene da ogni parte d’Italia e del mondo – dicono dall’hotel Lampedusa -. Si dà l’immagine di un territorio non curato, che poi è la realtà». «Vero è che i rifiuti sono comunque concentrati in paese e a ridosso delle spiagge, nel resto dell’isola non ci sono», tentano di rassicurare dall’Hotel di Borgo Cala Creta. Ma per chi opera in determinate zone il disagio è maggiore, come per l’hotel Belvedere, a ridosso del porto vecchio. «Qui si sentono cattivi odori – dicono dalla reception -. Associato al forte caldo l’effetto è ancora più fastidioso e meno male che oggi c’è un forte vento. Qualcuno ha dato fuoco ai cumuli, anche sotto il santuario. Le strade sono piccole e si riempiono subito. Poi in questi giorni manca anche l’acqua del Comune». 

Infine un rammarico che è anche un’amara constatazione. «Le previsioni per la stagione erano buone, il riscontro c’è stato ma non c’è un adeguato biglietto da visita. Le spiagge rimangono bellissime ma con la presenza dei turisti i rifiuti raddoppierebbero immediatamente». Non è stato possibile avere una replica dalla sindaca Giusi Nicolini, contattata più volte da MeridioNews.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]