La strage di Ustica e i dubbi sulla morte di Marcucci Dopo 23 anni trovato materiale nel luogo dello schianto

Alessandro Marcucci, ex ufficiale dell’aeronautica militare italiana è morto il 2 febbraio del 1992. Era in missione per avvistamento incendi, insieme a Silvio Lorenzini, quando il velivolo si è schiantato nel territorio del Comune di Carrara. Lorenzini, avvistatore, morì un mese dopo per le ustioni riportate. La procura di Massa aprì un’inchiesta che fu archiviata. Il pm di allora si convinse che si trattò di un incidente dovuto al mancato rispetto delle quote minime di sicurezza. Per capire l’interesse attorno a questa morte, va ricordato chi era Alessandro Marcucci e perché il suo nome è legato alla strage di Ustica. Fu lui, insieme al capitano Mario Ciancarella a raccogliere la denuncia telefonica del maresciallo Mario Alberto Dettori, radarista la notte del 27 giugno del 1980, quando l’aereo DC9 Italia, diretto a Palermo, esplose e s’inabissò in mare con 81 morti. Dettori, trovato impiccato nel 1987, consegnò al capitano Ciancarella la sua verità: «Siamo stati noi a tirarlo giù». Da quel momento Ciancarella e Marcucci iniziarono una serie di verifiche che portarono Marcucci a sostenere una tesi precisa: diceva di avere le prove che il Mig, l’aereo militare libico, ritrovato sulle montagne della Sila il 18 luglio del 1980 non fosse partito dalla Libia, ma dall’Italia, in particolare dall’aeroporto Pratica di Mare. In quel presunto incidente fu rinvenuto il corpo del pilota senza vita, ma nel cosciale fu trovata la dichiarazione di abbattimento del DC9. Circostanza che viene giudicata oggi da alcuni un depistaggio. Ma Marcucci non fece in tempo a spiegare quali fossero le prove che diceva di aver trovato.

Nel settembre del 2012, vent’anni dopo la sua morte, l’indagine fu riaperta a seguito di un esposto presentato dell’associazione antimafie Rita Atria, creata da alcuni amici di Marcucci, attraverso il suo legale, l’avvocato catanese Goffredo D’Antona. Nel documento si avanzavano dubbi sulle dinamiche dell’incidente e si portavano nuovi elementi valutati importanti dalla stessa Procura. Oggi, a distanza di due anni, i pubblici ministeri hanno chiesto l’archiviazione, non perché non ritengano utili ulteriori approfondimenti, ma perché i tempi concessi sono scaduti. Secondo la Procura però sarebbe necessaria un’ispezione sui luoghi dove l’aereo precipitò. Può sembrare paradossale, ma in 23 anni, nessuno ha pensato di andare a vedere di persona. Gli unici a farlo sono stati i consulenti della famiglia Lorenzini che hanno depositato gli esiti dell’ispezione a novembre del 2014. A distanza di tanti anni, trovarono materiale che la Procura di Massa ha valutato di rilievo. 

I pubblici ministeri, dopo aver riaperto le indagini, affidarono una perizia sui corpi di Marcucci e Lorenzini a due importanti docenti, Costantino Cialella e Francesco Saverio Romolo. Il compito era effettuare un’autopsia sui resti delle vittime, anche con precise analisi di carattere chimico, per capire se vi fossero tracce di materiale esplosivo. Nelle ossa di Marcucci sono stati trovati viti e piccoli frammenti metallici. Secondo i periti sono il risultato dell’adesione al corpo durante l’incendio. Conclusione che lascia qualche dubbio agli stessi pubblici ministeri. «Il lavoro dei consulenti della Procura – sottolinea oggi l’associazione Rita Atria – pur confermando l’ipotesi dell’incidente, non ha fugato i dubbi e le perplessità evidenziate sin dall‘inizio della riapertura delle indagini, ed è apparso lacunoso e privo di fondamento scientifico. Interrogativi evidenziati dalla stessa Procura, la quale ha rappresentato l’assoluta necessità di nuove e specifiche indagini, anche alla luce delle consulenze di parte depositate dall’associazione. Indagini – aggiunge – allo stato impossibili da espletare, stante la scadenza dei termini processuali»

Tra qualche giorno, il 2 luglio, il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Massa dovrà esprimersi sull’opposizione all’archiviazione presentata dall’associazione antimafie. Sarebbe una finestra ancora aperta sulla ricerca della verità. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Alessandro Marcucci, ex ufficiale dell'aeronautica, è morto nel febbraio del 92, precipitando con il suo aereo. A lui il radarista in servizio la notte dell'esplosione del DC9 Italia aveva detto: «Siamo stati noi a tirarlo giù». Nel 2012 le indagini sulla sua morte sono state riaperte, dopo l'esposto dell'associazione Rita Atria. Adesso potrebbero nuovamente chiudersi, nonostante i pm abbiano sottolineato la necessità di nuovi approfondimenti

Alessandro Marcucci, ex ufficiale dell'aeronautica, è morto nel febbraio del 92, precipitando con il suo aereo. A lui il radarista in servizio la notte dell'esplosione del DC9 Italia aveva detto: «Siamo stati noi a tirarlo giù». Nel 2012 le indagini sulla sua morte sono state riaperte, dopo l'esposto dell'associazione Rita Atria. Adesso potrebbero nuovamente chiudersi, nonostante i pm abbiano sottolineato la necessità di nuovi approfondimenti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]