La Regione cerca immobili per le forze dell’ordine abusive Nessuna proposta dopo il paradosso del palazzo di Librino

Per le forze dell’ordine residenti, loro malgrado in modo abusivo, nel palazzo al civico 3 di viale Bummacarol’ordine di sfratto era stato congelato in attesa che la Regione trovasse per una nuova sistemazione. Adesso per mettere fine a quella che è stata definita «una delle pagine più scure della gestione del patrimonio pubblico regionale», l’assessorato alle Infrastrutture ha pubblicato una manifestazione di interesse. La Regione cerca soggetti interessati a vendere i propri immobili per destinarli non solo ad alloggi popolari ma anche alle forze dell’ordine. «Al momento, però, con il bando che scade il 30 marzo, non è ancora arrivata nemmeno una proposta. Il rischio è che per quelle famiglie si ripresenti l’incubo dello sfratto». A lanciare l’allarme è Dario Gulisano, il responsabile delle Politiche abitative della Cgil di Catania. 

Gli alloggi oggetto della ricerca della Regione, con il decreto del dirigente generale del dipartimento delle Infrastrutture Fulvio Bellomo, devono avere delle caratteristiche ben precise: innanzitutto l’importo di vendita non può essere superiore a centomila euro. Le case – esclusivamente nel territorio del Comune di Catania – non devono fare parte di edilizia residenziale pubblica o popolare oggetto di riscatto, questo per evitare che la Regione ricompri immobili che ha già venduto. Inoltre, non saranno prese in considerazione proposte di vendita da parte di soggetti che hanno in corso o hanno avuto in passato contenziosi con la Regione. Esclusi anche castelli, palazzi di pregio artistico o storico, abitazioni di tipo signorile e ville.

Il bando è rivolto, invece, a trilocali tra i 70 e gli 85 metri quadrati e quadrilocali tra gli 86 e i 95 metri quadrati con servizi e camera da letto di almeno 14 metri quadrati. Tutti gli alloggi, inoltre, dovranno avere un vano cucina di almeno 11 metri quadri. L’altezza minima deve essere di 2,70 metri. I locali devono essere dotati di impianti tecnologici previsti per civile abitazione (idrico-sanitario, smaltimento reflui, elettrico e termico) e anche dell’impianto di ascensore. Tra i requisiti anche il fatto che presentino un «accettabile stato di conservazione» e che siano immediatamente abitabili. Altra caratteristica fondamentale è che tutti i locali (eccetto bagni, disimpegni, corridoi, vani-scala e ripostigli) devono avere illuminazione naturale diretta e adeguata. A valutare le proposte di vendita sarà una commissione di esperti che procederà anche ai sopralluoghi. 

«Chiederemo alla Regione di prorogare il bando – anticipa a MeridioNews Gulisano – perché crediamo che la mancanza di proposte di vendita sia dovuta anche alla situazione di stallo generale dovuta alla pandemia». Tra le richieste che la Cgil sottoporrà all’assessorato alle Infrastrutture c’è anche quella di «estendere la ricerca anche dal punto di vista territoriale non solo al Comune di Catania ma anche all’area metropolitana». Una possibilità in più di trovare una soluzione abitativa per le 25 famiglie delle forze dell’ordine (ormai quasi tutte in pensione) che, da anni, sono finite invischiate in una vicenda paradossale fatta di ritardi e sentenze non applicate. 

La storia comincia con una controversia giudiziaria tra l’ente regionale e la ditta che ha costruito il palazzo in viale Bummacaro, la Fasano costruzioni Srl. È stata quest’ultima a citare in giudizio la Regione per non avere pagato l’ultima rata (di 450mila euro, il 15 per cento dell’importo totale) dei lavori. Con una sentenza del 2013, la Regione perde l’immobile e le famiglie diventano occupanti abusivi, perché non sanno più a chi pagare l’affitto. Dopo avere accettato, più di 30 anni fa, di andare a vivere a Librino dove il palazzo era stato costruito con un fondo di cento miliardi di lire (cinquecento milioni di euro) per la costruzione di immobili in luoghi strategici da assegnare alle forze dell’ordine impegnate nella lotta contro la mafia. Pochi giorni prima del Natale del 2019, gli inquilini avevano ricevuto una prima diffida ufficiale; circa nove mesi dopo era poi arrivata una sentenza del tribunale di Catania che disponeva il sequestro degli immobili. Poi l’intimazione alle forze dell’ordine di lasciare le abitazioni, fino alla rassicurazione arrivata dalla Regione in attesa di acquistare gli immobili dove trasferire gli inquilini. «A conclusione di una lunga vertenza durata quasi otto anni – auspica il responsabile della Cgil – è doveroso ridonare dignità a questi servitori dello Stato».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]