La malamovida del centro storico sul tavolo della prefettura Le richieste dei residenti e i «progetti concreti» di Pogliese

Schiamazzi notturni, inquinamento acustico, il mancato rispetto della zona pedonale e l’uso di sostanze stupefacenti. La vita notturna continua a essere un serio problema per la città e le istituzioni che, dopo le numerose segnalazioni dei residenti delle zone della movida, provano a trovare qualche soluzione. I comitati cittadini, però, non mollano la presa. Mercoledì, in occasione del tavolo tecnico convocato dalla prefetta Maria Carmela Librizzi per intensificare le misure di prevenzione e controllo nelle zone della movida del capoluogo etneo, i residenti hanno tenuto un sit-in davanti via della prefettura

Al centro della protesta, la mancata convocazione al tavolo degli stessi comitati. «Avevamo più volte chiesto alla prefetta di essere convocati – spiega a MeridioNews Irene Raineri del comitato Centro storico – ma il primo confronto è avvenuto solo ieri». In quello che è stato «un incontro in cui ci hanno esposto gli obiettivi raggiunti durante il tavolo tecnico», sintetizza Raneri. Stando a quanto riferisce il sindaco Salvo Pogliese, intercettato dal nostro giornale davanti alla prefettura, «si è parlato di progetti concreti». In primo luogo, nelle intenzioni dell’amministrazione ci sarebbe il ripristino e la messa in funzione delle Ztl, finora esistenti quasi solo sulla carta. «Attraverso la rimodulazione dei Pon metro – sostiene il primo cittadino – abbiamo stanziato tre milioni e mezzo di euro, che ci permetteranno di implementarne di nuove e, in un anno, riusciremo ad arrivare alla compiuta definizione». 

In attesa del completamento dei lavori, l’Amts «stanzierà 80mila euro per il controllo di alcuni varchi in via Etnea, piazza Università, Quattro canti, piazza Stesicoro e San Giovanni Licuti». Per il momento, però, le zone in cui si è alimentata la polemica destano solo un interesse residuale. «Entro un paio di mesi – prosegue Pogliese – individueremo una strada simbolica tra via Gemmellaro, via Pulvirenti e piazza Currò, per estendere la zona a traffico limitato». Inoltre, nei programmi c’è l’assunzione di 16 agenti di polizia locale che si aggiungono ai 30 assunti a dicembre 2020 e a cui a breve, almeno stando alle dichiarazioni del sindaco, dovrebbe essere prorogato il servizio. «Questo – dice Pogliese – ci permetterà di vigilare il territorio con almeno sei pattuglie. Al momento – ammette – ne abbiamo solo tre». 

Annunci che sembrano rispecchiare le richieste dei residenti, sebbene con qualche piccola deviazione di percorso che, per esempio, non prevede i controlli alle attività commerciali di via Gemmellaro, per verificare la regolarità delle emissioni acustiche e il possesso di tutta la documentazione valida a ottenere la Scia, ovvero la certificazione di inizio attività. «Perché molti locali non hanno nulla di tutto questo», sostiene Raineri. «Per quelli dobbiamo aspettare ancora, ma – assicura Pogliese – li faremo. Dobbiamo attendere l’Arpa per verificare se il volume delle onde sonore corrisponde a quello regolamentato». A fare una prima stima dei valori, intanto, sono stati i residenti della zona: «Il regolamento del Comune parla chiaro – sostiene Raineri – il limite è di 65 decibel, in via Gemmellaro si sfiorano i 95, quasi come in discoteca dove si raggiungono i 110 decibel».

I comitati cittadini – Gemmellaro-Sciuti, Bellini, Comitato dell’indirizzo e associazione Centro storico Catania – hanno richiesto presidi interforze efficaci nelle ore notturne e nei fine settimana in tutte le aree del centro storico più esposte al fenomeno della malamovida; la riduzione degli orari di somministrazione di alcolici e di chiusura degli esercizi per evitare comportamenti  trasgressivi della sicurezza e quiete pubblica; in ultimo, le interdizioni delle emissioni musicali all’esterno e all’interno dei locali che producono fenomeni di assembramento.


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]