Insulti razzisti al comizio di Matteo Salvini Un sostenitore: «Ho il diritto di ascoltarlo»

«Ho 66 anni e non sono razzista, ma ho il diritto di poter ascoltare Salvini, per questo ho chiesto alla ragazza di andare via e tornare tra i contestatori». Salvatore Pulvirenti era presente ieri in piazza Lucia Mangano a San Giovanni La Punta per il comizio del segretario della Lega Nord. «Avevo un’ora di tempo libero e sono andato ad ascoltarlo, non seguo di solito questi eventi, ma ero curioso», racconta. Mentre Matteo Salvini parlava di immigrazione e contadini del Sud, alcune persone avrebbero aggredito verbalmente una ragazza che inveiva contro il politico. Al punto da provocare la reazione di Alex Beraki, 34enne nato a Catania di origine eritrea, che si è messo in mezzo, ricevendo in risposta insulti razzisti. 

Pulvirenti ha contattato MeridioNews per raccontare la sua versione dei fatti. «Avevo il piacere di sentire Salvini – spiega – ma le urla della ragazza che gridava “Vergogna, sei una merda”, me lo impedivano, quindi mi sono avvicinato pregandola di allontanarsi e di andare a manifestare altrove. Ma subito due persone, il ragazzo di colore pseudocatanese e un altro che si è presentato come il fidanzato, sono intervenute con fare spocchioso, dicendomi “qual è u problema”?». 

[Video di Alessio Tricani]

Versione diversa – e, in base alle testimonianze raccolte, probabilmente riferita a un differente momento del comizio – rispetto a quanto hanno raccontato Beraki, la ragazza aggredita e un altro testimone. Che hanno parlato di più persone inveire e protendere le mani verso la giovane. «Non c’è stata nessuna aggressione fisica – ribadisce Beraki – ma il tono minaccioso e le braccia protese mi sono sembrati elementi sufficienti per intervenire in sua difesa». Gesto che gli sono costate offese come «Sporco negro, ora ti dugnu na manata». A lui oggi è giunta la solidarietà della Cgil di Catania, con cui il 34enne collabora. «Ciò che è avvenuto – scrive il sindacato in una nota – pone un interrogativo molto serio sull’imbarbarimento del linguaggio politico e su certi comportamenti razzisti ai danni di cittadini stranieri, migranti o di provenienza extracomunitaria ma comunque cittadini italiani».

«Non ho sentito gli insulti razzisti, altrimenti io stesso mi sarei indignato – commenta il sostenitore 66enne di Salvini – non sono mai stato razzista e ho anche qualche amico di colore, visto che ho lavorato per alcuni anni a Sigonella». Pulvirenti si definisce un uomo di destra, quella legata al Movimento sociale italiano. «Ma non pensi che sono un picchiatore fascista – si affretta a precisare – Ho votato per Berlusconi e me ne rammarico, ultimamente ho disertato le urne, adesso condivido alcune delle cose che dice Salvini: ad esempio quando parla del coinvolgimento dell’Europa nella gestione dell’immigrazione, non mi pare che ci sia razzismo nelle sue parole, sostiene solo che chi arriva in Italia deve avere un’autorizzazione. In questo settore c’è tanta speculazione». 

Il passato è passato. È stata una delle frasi più ricorrenti ieri in piazza a San Giovanni La Punta tra i sostenitori del segretario della Lega. «Non ho mai sentito Salvini parlare male del Meridione, quello era Bossi. Adesso l’appartenenza partitica non significa niente. Pensi che quando nacque la Lega, i miei genitori avevano l’opportunità di trasferirsi a Milano per lavoro, ma non andarono perché si spaventarono per le parole di Bossi, ma io ho sempre pensato che erano sciocchezze». Voterà Salvini alle prossime elezioni? «Non so ancora, non conosco nessuno dei politici siciliani che lo seguono, però – conclude – di quello che ha detto al comizio mi è piaciuto tutto».


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]