Indagini Ong, avrebbe imbarcato migranti non in pericolo Procura: «Per fini umanitari, non di lucro, ma è un reato»

Avrebbero imbarcato migranti direttamente dalle imbarcazioni dei trafficanti senza che fossero in condizioni di pericolo. È questa l’accusa rivolta ad alcuni esponenti, anche se non ci sono indagati, della ong tedesca Jugend Rettet. Sono arrivate a una svolta le indagini della Procura di Trapani, condotte dalla squadra mobile, dagli uomini del Servizio centrale operativo e dalla Guardia Costiera, che hanno portato questa mattina al sequestro preventivo della nave Iuventa, per evitare la reiterazione del reato.

«Abbiamo accertato – ha sottolineato il procuratore aggiunto di Trapani, Ambrogio Cartosio, nel corso della conferenza stampa che si è svolta questo pomeriggio nei locali della Questura del capoluogo – che questa imbarcazione, anche se interveniva per salvare vite umane nel Mediterraneo, in più occasioni ha agito senza trovarsi di fronte a situazioni di reale pericolo, facendo salire a bordo persone scortate dai trafficanti libici e spacciando le operazioni per interventi di salvataggio. Solo per scopi umanitari, non di lucro, ma a nostro avviso – ha proseguito Cartosio – queste condotte implicano un reato: quello del favoreggiamento dell’immigrazione clandestina».

Sono tre gli episodi contestati dalla Procura: due sono avvenuti lo scorso mese di giugno, il 18 e il 26, mentre un terzo risale al 10 settembre del 2016. «Al momento – ha precisato Cartosio – non vi sono indagati, ma non possiamo fornire altri particolari che sono coperti dal segreto investigativo. Siamo consapevoli che le informazioni che stiamo dando potrebbero prestare il fianco a critiche o a strumentalizzazioni che non possono, però, fermare e frenare l’attività della magistratura e della polizia giudiziaria che è volta esclusivamente a fare rispettare la legge». Negli episodi contestati la ong avrebbe comunque avvisato dell’intervento la centrale operativa della Guardia costiera italiana. 

«I fatti – ha proseguito il procuratore aggiunto – sono stati commessi da persone che hanno fatto parte degli equipaggi della Iuventa e sarà necessario approfondire le indagini per giungere ad individuare le singole responsabilità, ma in questa fase, per evitare il ripetersi del reato, abbiamo chiesto, come prevede la legge, il sequestro che non c’entra nulla con il fatto che la ong tedesca non abbia firmato, così come Medici Senza Frontiere, il codice di condotta messo a punto dal Viminale».

Secondo quanto emerso dalle indagini, alcuni membri dell’equipaggio della Iuventa avrebbero avuto degli incontri in mare con gli scafisti. Ma la Procura non ha precisato se sono avvenuti in acque libiche o internazionali. «Abbiamo diverse testimonianze – ha sottolineato Cartosio – che provano alcuni contatti avvenuti in mare tra operatori della ong tedesca e trafficanti. Ma in questo momento non posso aggiungere altro. Queste indagini sono coperte da segreto istruttorio».

La Iuventa è stata bloccata ieri notte dalla Guardia Costiera e scortata fino al porto di Lampedusa. A bordo c’erano anche due migranti siriani che erano stati salvati da una nave della Marina militare e trasbordati sulla nave della ong. I due sono stati accompagnati al centro di accoglienza dell’isola. In mattinata è arrivato il decreto di sequestro firmato dal gip Emanuele Cersosimo su richiesta del procuratore aggiunto Ambrogio Cartosio e il sostituto procuratore Andrea Tarondo che da mesi indagano sui rapporti tra le organizzazioni non governative e i trafficanti. Le indagini sarebbero partite in seguito alle dichiarazioni di alcuni migranti sbarcati al porto di Trapani che avrebbero confermato i rapporti tra la ong tedesca e alcuni scafisti.

Jugend Rettet, intanto, ha affidato a Twitter un primo commento sull’indagine. «Per noi il salvataggio di vite umane è e sarà la priorità e ci dispiace non poter operare nella zona di ricerca e salvataggio in questo momento – si legge -. Non vogliamo fare alcuna ipotesi, per questo stiamo raccogliendo informazioni a tutti i livelli e solo dopo potremmo valutare le accuse. Speriamo di incontrare le autorità italiane prestissimo».


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]