Inchiesta Montagna, contatti tra Cosa nostra e politica Le trattative per le elezioni a San Biagio e Cammarata

Sostegno a persona di fiducia, candidatura di propri uomini o trattative con tutti gli schieramenti raggiungibili. Un modo per mettere le mani nella pubblica amministrazione, la mafia, lo avrebbe comunque trovato. Nell’inchiesta Montagna, che ieri ha portato all’arresto di 56 persone, i rapporti tra la politica e i vertici delle famiglie di Cosa nostra attive nell’Agrigentino tornano a più riprese. Con l’apice raggiunto a San Biagio Platani, piccolo centro i cui abitanti ieri si sono svegliati con la notizia dell’arresto del sindaco Santo Sabella. Eletto nel 2014 alla guida della lista civica San Biagio nel cuore, avrebbe beneficiato del sostegno della cosca locale per riuscire a imporsi nella competizione elettorale. Un rapporto che Sabella avrebbe portato avanti nel tempo e che avrebbe riguardato soprattutto la gestione degli appalti. Principale interlocutore del primo cittadino sarebbe stato Giuseppe Nugara, 52enne ritenuto il reggente del clan di San Biagio Platani.

Nell’ordinanza che ha disposto gli arresti, si spiega come nei due mesi intercorsi tra le dimissioni dell’allora sindaco Filippo Bartolomeo e la vittoria di Sabella, la mafia si sarebbe mossa per cercare di ottenere una posizione di riguardo dal voto. Nugara e i propri sodali – su tutti Raffaele La Rosa, anche lui arrestato – in più occasioni avrebbero discusso di come fare eleggere persone fidate nel nuovo consiglio comunale: «Ci dobbiamo mettere le persone giuste se no niente», dice Nugara a La Rosa. I due commentano gli scenari futuri immaginando che si tratterà di un confronto tra due schieramenti. «Un partito solo non lo può fare, sempre due liste si faranno sicuramente. Però, ora c’è il però! Non è che si può andare di nuovo con queste persone, non possono essere le stesse persone», sottolinea Nugara. Per gli inquirenti, i colloqui con Sabella in un primo momento sarebbero stati di carattere generale: discussioni sul  candidato da appoggiare. In quella fase, infatti, Sabella non era sicuro di proporsi come sindaco. La questione nomi, tuttavia, non sarebbe stata un problema. «Quando si fa l’accordo devo essere presente io», avverte Nugara. Uno degli obiettivi condivisi dal presunto reggente e dal politico sarebbe stato evitare che a vincere fossero la sinistra o i cinquestelle. «Se no ci vanno i comunisti, non lo possiamo permettere. Se ci dividiamo sono i favoriti e noi queste cose non le possiamo permettere. Con i grillini abbiamo la caserma», avverte Sabella, sottolineando l’esigenza di fare fronte comune. Dal canto suo, Nugara avrebbe giocato una partita doppia: accanto alle trattative con Sabella, avrebbe portato avanti il sostegno nei confronti di una candidata consigliera – poi eletta – dello schieramento avversario. «Con Santino (Sabella, ndr) siamo in buoni rapporti, però siccome questa volta si è candidata dall’altra parte la consigliera nostra… però noi abbiamo vinto», commenta dopo gli scrutini.

Archiviato il capitolo elezioni, gli accordi si sarebbero manifestati sotto forma di ingerenze nella gestione degli appalti. Come nel caso dell’impresa Comil di Favara. Tra Sabella e Nugara ci sarebbero state pure divergenze d’opinione. Stando infatti alla ricostruzione degli inquirenti, il primo in campagna elettorale avrebbe fatto leva sui futuri cantieri da aprire per cercare consenso elettorale, assicurando assunzioni che però poi non si sarebbero concretizzate. O quantomeno non nella misura che il primo cittadino si sarebbe aspettato. A fermare il malumore di Sabella sarebbe stato Nugara. «Stiamo cercando di non dargli problemi, siccome sono amici tu non gli devi creare problemi», chiarisce il presunto capomafia. Storia diversa, invece, è quella riguardante la ditta Filippo Cipolla, fratello di uno degli arrestati. La società, grazie ai buoni uffici di Nugara e il beneplacito del sindaco, sarebbe riuscita a lavorare ai preparativi della festa degli archi pane, che a San Biagio Platani da tradizione si svolge nel periodo pasquale, ancora prima che la ditta Lvf si aggiudicasse la gara, per poi stipulare solo in un secondo momento un contratto di subappalto con l’impresa di Cipolla. L’intesa tra Sabella e Nugara si sarebbe manifestata anche i consigli dati dal primo per evitare di essere inquadrato dalle telecamere che si trovano in paese. Mentre entrambi si sarebbero trovati d’accordo sul tenere le distanze da un carabiniere: «È pericoloso che devi stare attento a parlarci», dice Sabella.

Ma gli ammiccamenti tra Cosa nostra e politica sarebbero avvenuti anche a Cammarata, paese che dista poco più di trenta chilometri. Qui, un anno dopo le amministrative a San Biagio Platani, si è andati al voto per l’elezione del nuovo sindaco. È il 2015 quando il pediatra Stefano Reina – arrestato con l’accusa di scambio di voti politico-mafioso – avrebbe contattato con Calogerino Giambrone, ritenuto dagli inquirenti esponente della locale famiglia mafiosa, per chiedere il sostegno elettorale nei confronti della moglie candidata. Moneta di scambio, in un primo tempo, sarebbe dovuta essere un contratto di fornitura di caffè per il bar gestito del cognato di Reina in un’area di servizio. Accordo che sarebbe saltato, ma che non avrebbe pregiudicato il rapporto tra i due. Con il medico che, festeggiata l’elezione della moglie, sarebbe andato a ringraziare Giambrone. Con tanto di rassicurazione: «Non pensare che adesso che sono finite tutte cose io non ti conosco più, perché non sono il tipo», dice Reina, senza sapere di essere intercettato.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]