Incendi, nell’elenco comunale non c’è quello a Cibali Se non viene censito, sì a cambio destinazione d’uso

La prossima seduta del Consiglio comunale non è ancora stata fissata ma, c’è da scommetterci, la discussione in aula sarà accesa. All’ordine del giorno, con due anni di ritardo, ci sarà anche «l’aggiornamento del catasto dei soprassuoli percorsi dal fuoco nel 2017». Vale a dire l’elenco delle aree dei territorio cittadino in cui si sono sviluppati roghi e su cui, di conseguenza, secondo la legge, non si può cambiare la destinazione d’uso per almeno 15 anni dopo l’incendio. Un adempimento burocratico che, per l’anno di cui si dovrà discutere, acquisisce un interesse ulteriore: a luglio 2017 bruciano i terreni del centro direzionale Cibali. I 17,4 ettari tra via dei Piccioni e via Sabato Martelli Castaldi su cui, in variante al piano regolatore generale, dovrebbero essere edificati centri congressi e palazzine. Ma proprio quest’ampia porzione di città nella delibera in discussione a Palazzo degli elefanti non c’è. Così come non si trova neanche nelle planimetrie del Sif, il servizio informativo forestale della Regione Siciliana da cui il Comune prende i dati.

«Quella zona non c’è perché non si tratta di un’area boschiva», sostiene l’assessore alla Protezione civile Alessandro Porto. In realtà, la legge in materia è molto chiara. E spiega che non si parla soltanto dei boschi così come intesi dall’immaginario collettivo. «Per incendio boschivo – si legge nella norma – si intende un fuoco con suscettività a espandersi su aree boscate, cespugliate o arborate, comprese eventuali strutture e infrastrutture antropizzate poste all’interno delle predette aree, oppure su terreni coltivati o incolti e pascoli limitrofi a dette aree». In altri termini, anche la scìara – in quanto terreno incolto – è sottoposta alla medesima regolamentazione. E alle prescrizioni che ne conseguono. Di più: la stessa legge dice che i dati si possono prendere «anche» dalle mappe del Corpo forestale. Il lavoro del dipartimento regionale, dunque, potrebbe non essere l’unica fonte di aggiornamento del catasto degli incendi.

A sottolinearlo è il gruppo consiliare del Movimento 5 stelle. La delegazione pentastellata al senato cittadino ha presentato, e firmato al gran completo, un’interrogazione a risposta scritta proprio su questa mancanza. I consiglieri chiedono al sindaco Salvo Pogliese e alla giunta comunale i perché del «mancato censimento nel catasto dei soprassuoli percorsi dal fuoco» delle particelle intestate al Comune, di quelle intestate al Centro direzionale Cibali e di quelle, infine, rimaste di proprietà di privati cittadini. «La legge prevede che il Comune possa avvalersi dei rilievi pubblicati dal sistema informativo forestale della Regione, ma non che quello sia l’unico strumento da usare – sottolinea Graziano Bonaccorsi, primo firmatario del documento – Evidentemente su quei dati non è stata fatta una verifica ulteriore e sono rimasti fuori i terreni dell’orto di Cibali: una dimenticanza enorme, visto che si tratta di oltre 17 ettari». 

«Sono a conoscenza dell’interrogazione – replica l’assessore Porto – Noi ci siamo attenuti alla mappa della Regione, che certifica gli incendi. Altrimenti come faremmo a dire che un’area è andata a fuoco? Ce ne sono a decine che bruciano, ogni giorno, anche molto vicine a edifici abitati». Ma l’incendio di Cibali, oltre a essere stato ampiamente documentato dalla stampa con foto e video, ha visto intervenire un dispiegamento enorme di mezzi dei vigili del fuoco. Che per ore si sono adoperati per spegnere le fiamme che hanno incenerito quasi interamente quei terreni. «Quell’area, inoltre, non è né un bosco né un pascolo – prosegue il componente della giunta Pogliese – Rimane il fatto che i consiglieri Cinquestelle possono presentare un emendamento e farla inserire. Il Consiglio comunale è sovrano in materia, finché il documento non viene approvato è suscettibile di modifiche: che le facciano. Da parte nostra, se ci sono le condizioni, non ci sono ostacoli a inserire anche quelle zone». Le conseguenze dell’inserimento del censimento, e la successiva inedificabilità, potrebbero riguardare le particelle catastali di cui sarà necessario modificare la destinazione d’uso. La legge prevede che, dove il prg lo prevedesse già, si possa comunque costruire. Lo stesso non vale per le variazioni di destinazione, che invece rimangono bloccate un quindicennio.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]