Incendi, Cgil: «Pensarci a gennaio, non a giugno» Prevenzione legata a tempi lunghi della finanziaria

Prima dell’incendio di Erice la Regione Sicilia, tramite l’assessorato all’Agricoltura, aveva dichiarato di essere pronta alla sistemazione del territorio alla stagione antincendi 2015. Era il 2 maggio. Con tre direttive assessoriali inviate al dipartimento dello Sviluppo Rurale, ai commissari dei Consorzi di Bonifica e al commissario dell’ESA, l’assessore all’Agricoltura Nino Caleca chiese di «attivare tutti gli atti di competenza per consentire l’immediato avvio delle attività di prevenzione». Cioè «la ripulitura del sottobosco, la creazione dei viali parafuoco, la messa a punto delle torrette di avvistamento». 

Troppo tardi per impedire che le fiamme lambissero la cittadina del Trapanese. Colpa della politica, secondo Nino Calandra, segretario di Cgil-Flai Sicilia che pone l’accento anche sul problema della cattiva gestione del personale della Regione. «I lavoratori dell’azienda forestali sono completamente lasciati andare – spiega -. Il problema è della politica. Approvare la finanziaria ad aprile e subire le lungaggini burocratiche della programmazione e d’utilizzo dei finanziamenti vuol dire avviare la attività a ridosso di giugno, con tutte le difficoltà del caso. Servirebbe una prevenzione costante. Bisognerebbe pensare al da farsi già da gennaio e mettere in sicurezza il patrimonio boschivo almeno entro maggio».

Anche il sindaco di Erice Giacomo Tranchida ha attaccato il governo regionale. «Crocetta non è roba di governare la Sicilia – ha detto – dobbiamo denunciare una gestione del territorio vergognosa. Questa è una catastrofe annunciata. Com’è possibile che a giugno ancora non sia stato fatto il viale antifuoco?». Tranchida ha dichiarato di voler procedere per le via legali nei confronti del Presidente della Regione.

Il lavori di prevenzione disposti dall’ente regionale cominciano ogni anno a ridosso dell’estate. Troppo tardi, anche secondo lo stesso assessore Caleca. «L’ho detto in questi giorni: lo scirocco non aspetta i tempi dell’Assemblea regionale – dichiara Caleca – Non c’è dubbio che i lavori debbano essere fatti in anticipo, ma in Sicilia esiste un meccanismo che vuole il loro avvio solo dopo l’approvazione del bilancio». L’assessore, consapevole dei meccanismi, ha dichiarato di essersi mosso in modo da anticipare i tempi tradizionali. «Come si ricorderà la finanziaria è stata approvata il 30 aprile. Il 4 maggio ho già diramato le direttive ai miei uffici, che hanno avuto autorizzazione a mettersi in moto per lavorare alla programmazione. Paradossalmente siamo in anticipo – evidenzia l’assessore – I lavori partiti in questi giorni lo scorso anno iniziarono a luglio». 

Nel caso in cui per l’incendio di Erice si scoprisse la natura dolosa, l’assessorato regionale all’Agricoltura si costituirà parte civile in un eventuale processo. «Siamo pronti a farne richiesta – conferma Caleca – Chiederò anche l’inasprimento delle pene per gli incendi dolosi, in modo che sia possibile confiscare i beni di chi si macchia di questo reato contro il patrimonio». L’assessore ha promesso, infine, un intervento che inverta il trend della burocrazia regionale. «Mi farò promotore di una norma che sleghi le attività di tutela antincendio all’approvazione del bilancio regionale»


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]