In Sicilia strade e piazze coi nomi dei gerarchi fascisti «Non basta solo rimuoverli, bisogna rinarrare la storia»

«Non semplicemente rimuovere o imbrattare i nomi dei gerarchi fascisti e coloniali dalle targhe delle vie e delle piazze, ma rinarrare questi personaggi per far conoscere la storia». È l’idea che sta alla base del progetto di guerriglia odonomastica – lo studio dei nomi delle strade dal punto di vista storico – della Rete anticoloniale siciliana. Il collettivo che unisce diverse realtà è nato nel 2021 prendendo le mosse da Viva Menilicchi!, il progetto anticoloniale realizzato nel 2018 durante la biennale d’arte contemporanea Manifesta e realizzato dal collettivo Fare Ala e Wu Ming 2. «Da allora – spiega a MeridioNews Luca Cinquemani – non abbiamo mai smesso di disturbare i fantasmi coloniali e fascisti che infestano ancora le nostre città». Il loro metodo è quello di aggiungere informazioni e descrizioni di fatti storici sotto i nomi incorniciati nelle targhe. «Per noi – aggiunge Cinquemani – è il modo migliore per combattere l’ignoranza, l’oblio e le narrazioni edulcorate di un passato che ha giustificato crimini in favore dell’autorappresentazione assolutoria degli Italiani brava gente». 

Da via Vincenzo Magliocco a Palermo e via Vittorio Bottego a Catania, passando per le via Rodi di varie città, fino ad arrivare al monumento della Batteria Masotto a Messina e a piazza Giorgio Almirante a Castellammare del Golfo, nel Trapanese. Sono alcuni dei luoghi simbolo scelti dalla Rete anticoloniale per portare avanti le attività di «rinominazione partecipata». In pieno centro nel capoluogo c’è via Vincenzo Magliocco: un generale della regia aeronautica che, durante la guerra in Etiopia, è stato uno dei maggiori responsabili dei bombardamenti terroristici al gas iprite. «Non abbiamo cancellato il nome della via – racconta l’attivista – ma abbiamo acquistato un banner pubblicitario e abbiamo pubblicato le foto di persone in cui erano evidenti gli effetti di quella sostanza sulla pelle». Un cartello con la scritta Vittime del colonialismo italiano in Africa è stato attaccato sul monumento ai caduti delle batterie siciliane nella battaglia di Adua. «Una statua conosciuta come Batteria Masotto per il capitano Umberto Masotto, volontario durante l’invasione italiana del Corno d’Africa», spiega Cinquemani. 

Ci sono poi luoghi che sembrano neutrali ma che, invece, non lo sono. È il caso di via Rodi che «fa riferimento alla colonia italiana che passa in mano ai nazisti, i quali chiedono la lista delle famiglie ebraiche – racconta l’attivista – Da quell’elenco scaturì poi una deportazione ad Auschwitz. In quel caso – aggiunge – per deneutralizzarla abbiamo scritto sotto Via comunità ebraica di Rodi». Un caso emblematico è quello di piazza Almirante a Castellammare del Golfo. Accanto al nome del funzionario del regime, appare una cornice con la scritta Segretario di redazione della rivista La difesa della razza. Coperta questa, gli attivisti riprendono la vernice in mano per scrivere Fascista, repubblichino e fucilatore di partigiani. L’immagine rimbalza sui social fino ad arrivare alla leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni che la condivide sui suoi profili Facebook Instagram dando dei «soliti imbecilli» agli autori della scritta e difendendo la memoria del «padre della Destra italiana». «È a quel punto – ricorda Cinquemani – che il vicesindaco rivendica di avere ordinato la cancellazione della scritta realizzata dagli attivisti perché ingiuriosa nei confronti di un grande statista italiano». Se la strada per un punto di vista diverso della storia è ancora lunga, le strade – da riprendersi – sono ancora tante.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]