Il saluto di Lagalla: «Lascio un ateneo competitivo» Da lunedì l’insegnamento. «La politica? Chissà»

«Abbiamo cercato di fare di Palermo un’università normale in un territorio che purtroppo normale non riesce ad essere, che ha condizionato e che continuerà a condizionare il livello di rendimento complessivo degli atenei della Sicilia». Si è congedato così Roberto Lagalla, rettore uscente dell’Università del capoluogo, dopo sette anni di mandato. Anni di profondo cambiamento, dalla drastica e «non indolore», per usare le parole dello stesso Lagalla, riduzione dei corsi di studio a un default più che sfiorato e a test d’ammissione obbligatori per tutti gli indirizzi di studio. Sette anni riassunti in un volume dal titolo Idee, fatti, con numeri e grafici a certificare la crescita dell’Università a dispetto di una forte riduzione delle spese.

«Questo territorio – ha continuato Lagalla – non è normale perché le spese di investimento vengono utilizzate per la spesa corrente, perché la tutela delle professionalità è per livelli di scolarizzazione medio bassa e non ho visto alcun intervento serio o responsabile per i profili high skilled. Non è normale perché il 40 per cento dei laureati va fuori, non è normale perché il mio collega di Catania per venire alla conferenza di fine mandato debba raccomandarsi prima a Dio».

Domani l’ultimo atto del mandato di Lagalla, che poco prima di passare ufficialmente le consegne al suo successore, Fabrizio Micari, firmerà insieme al sindaco Orlando due convenzioni con il Comune per l’estensione della concessione del collegio San Rocco, di cui l’ateneo si occuperà della ristrutturazione e manutenzione straordinaria, e per la cessione di un’area a monte dei dipartimenti, dove sorgerà la sede cittadina del Cnr in una sorta di «cittadella della scienza».

«Il rapporto con gli studenti, i docenti e il personale amministrativo è stato costante – ha raccontato il rettore uscente – abbiamo cercato di fare di questa università un’agenzia culturale del territorio, che potesse cogliere i fermenti di innovazione e connettere questi col lavoro dell’università. Abbiamo anche avuto il coraggio in questi anni di cambiare i criteri di selezione del personale accademico, prendendo anche esperienze esterne, valorizzando quelle interne e attribuendo ai dipartimenti una responsabilità di programmazione basata su criteri che gli organi di governo hanno determinato e fornito preventivamente, sia sugli standard della ricerca che su quelli della didattica e della carriera».

Un solo rimpianto. «Una cosa che mi rimprovero – ha continuato – ma che oggettivamente non sono riuscito a fare, perché ancora una volta le politiche di diritto allo studio sono divise tra l’università e la Regione, attraverso l’Ersu,  è una politica di potenziamento del sistema residenziale universitario».

E per quanto riguarda il futuro, Lagalla ha le idee chiare e non chiude la porta in faccia alla possibilità di un coinvolgimento in una nuova esperienza politica. «Rientro da domani nelle mie ordinarie funzioni da professore universitario, con la serena coscienza di aver fatto tutto quello che era nelle mie possibilità per rendere questo ateneo capace di affrontare le sfide del presente ma soprattutto quelle del futuro. Le stelle polari immateriali di questo accademico sono state l’ascolto di tutti, l’esigenza e la pratica di decidere con determinazione e sempre cercando di garantire la funzione super partes che ogni rettore deve avere».

«Mi diverte il fatto – ha concluso Lagalla – che ogni volta che c’è un’elezione, dal rinnovo del capo condomino a quella del presidente della Regione, venga ad essere tirato in ballo il mio nome, ma come ho già ribadito mi sento un uomo fortunato professionalmente per quello che ho fatto fino a questo momento. Quello che ha cercato di animare la mia esperienza, tanto da assessore, quanto da rettore, è stato l’impegno civile. Se e quando e non so in che forma, ricorreranno le condizioni per poter reiterare un impegno civile fatto di serietà e di proposta, certamente a quel punto non mi tirerò indietro, ma non sono qui ad ansimare perché questo avvenga».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]