Il racconto dei sopralluoghi di Vincenzo Scarantino «Io di quella carrozzeria Orofino non ricordo niente»

«Io Vincenzo Scarantino l’ho visto in tutto per quattro giorni nella mia vita, poi mai più». Giorni, i primi due almeno, particolarmente importanti. Sono quelli in cui il finto pentito della strage di via D’Amelio effettua i famosi sopralluoghi a Palermo nei posti fatidici nei quali si sarebbe attuato il piano stragista per eliminare Borsellino. Con Scarantino c’è Domenico Militello, oggi sostituto commissario coordinatore alla Dia di Palermo, all’epoca uno dei funzionari assoldati nel gruppo Falcone-Borsellino per indagare sulle stragi. Indagato per calunnia nel 2016, viene accusato insieme ad altri colleghi dell’epoca di aver contribuito a imbeccare e manipolare Scarantino. Accusa che successivamente, lo scorso febbraio, viene definitivamente archiviata dalla procura di Caltanissetta.

Entra a far parte di quel pool immediatamente, già «il giorno dopo la strage che uccide Giovanni Falcone». Prima di quel momento, è in servizio alla sezione omicidi ed è l’unico di quel settore che viene distaccato per essere coinvolto nel gruppo. A chiamarlo è direttamente Arnaldo La Barbera, che «aveva preso in maggioranza ispettori, e aveva quindi bisogno di agenti», pensa lui. Dopo il 19 luglio ‘92, verrà distaccata l’intera sezione. Inizia a lavorare al secondo attentato sin dalla sera stessa della strage di via D’Amelio. «Tutta la squadra mobile si presentò in ufficio senza che nessuno l’avesse chiamata», racconta oggi. Il giorno dopo va a identificare con alcuni colleghi i residenti dei palazzi adiacenti a quello di via D’Amelio. Si occupa delle indagini fino a fine ’95. Anche se già dall’anno precedente comincia ad allentare la presa, lavorando soprattutto in ufficio ed evitando trasferte, per occuparsi di gravi questioni familiari.

«Dopo quei sopralluoghi e avergli riportato moglie e figli, non l’ho mai più rivisto – torna a dire -. Gli Scarantino, in ogni caso, li conoscevano tutti, alla Guadagna erano dei pregiudicai. Un fratello aveva anche subito un tentato omicidio», è uno dei ricordi che gli è rimasto impresso. «Il giorno che Scarantino inizia a collaborare non sapevo assolutamente nulla. Mi chiamò Arnaldo La Barbera, cosa strana che il dirigente della mobile chiamasse direttamente, mi disse solamente “domani mattina alle 6 all’aeroporto”, chiudendo subito. Non avevo idea di cosa avrei dovuto fare». Con il collega Guttadauro, che sarà sentito anche lui a novembre, va all’aeroporto di Punta Raisi e da lì partono per Pratica di Mare. Lì trovano ad aspettarli La Barbera, tutti insieme con un elicottero arrivano a Pianosa, dove nel pomeriggio prelevano Scarantino. Da lì rifanno lo stesso tragitto: in elicottero fino a Pratica di Mare e poi in volo con un piper della polizia fino all’aeroporto di Boccadifalco.

«Non sapevo nulla di quello che stava succedendo. Ma non sono stupido, ho capito che forse aveva iniziato a collaborare – dice oggi Militello -. Molto dopo, leggendo le sentenze dei processi, ho saputo che in precedenza lui aveva dato delle indicazioni per la cattura di Giuseppe Calascibetta (il boss assassinato nel 2011, coinvolto nella strage di via D’Amelio da Scarantino e poi scagionato ndr), primaavevo saputo solo di colleghi inviati a Pianosa ma non sapevo che venissero considerati dei colloqui investigativi», spiega. La sera di quello stesso giorno in cui prelevano Scarantino, lui e altri colleghi lo portano a fare un sopralluogo. «Io e Guttadauro siamo rimasti con Scarantino a Boccadifalco, era un arrestato, stava in manette – spiega -. Lo portiamo a fare il sopralluogo quando ci raggiunge di nuovo La Barbera. Che era seduto davanti in una macchina, una Fiat Uno verde, alla guida si è messo Guttadauro, dietro invece ero seduto io insieme a Zerilli e a Scarantino». A seguirli, in coda, ci sono forse delle auto di scorta, ma non ne è certo. Quel servizio, nei suoi ricordi dura fino alle quattro-cinque circa del mattino. Per tutto il tempo Militello rimane ammanettato a Scarantino.

«Ricordo che abbiamo fatto di sicuro dei giri alla Guadagna, ci ha fatto vedere la porcilaia (dove all’inizio viene posteggiata l’auto della strage ndr) – racconta ancora -, ma a interloquire con lui era sempre e solo il dottore La Barbera, nessuno mi disse di prendere appunti su quello che stava accadendo, io non avrei nemmeno potuto collocare quei posti. Io e Zerilli stavamo solo attenti al detenuto, era La Barbera che aveva delle carte in mano, non so se andava appuntando qualcosa». Il suo ricordo sembra piuttosto nitido, mentre elenca un posto dopo l’altro. Fino a un improvviso vuoto di memoria per un solo luogo, forse il più fatidico, di cui sembra non avere alcun tipo di ricordo, suscitando lo scetticismo dei pm. «Ricordo che Scarantino ci ha anche fatto vedere la casa di Calascibetta. E poi una fabbrica, ho sentito parlare di bombole. Poi siamo andati in centro città, forse zona via Roma, ma non ricordo cosa ci ha fatto vedere lì – prosegue -. Non ricordo sinceramente se siamo passati dalla carrozzeria Orofino», ammette però. Non ha ricordi della via Messina Marine, cioè dell’unico posto importante. «Non lo escludo, molto probabilmente ci siamo passati, però io non lo ricordo».

Finiti quei giri, tonano a Boccadifalco, dove Militello si addormenta ammanettato a Scarantino. Successivamente, Militello sa di un altro sopralluogo, a cui però non partecipa, effettuato a bordo di un furgone dai vetri oscurati. «Non ricordo di aver sentito La Barbera alterato, tutto si è svolto abbastanza tranquillamente, non ricordo alterchi o discussioni particolari», riferisce ancora Militello. Ma nessuna sollecitazione e insistenza dei magistrati gli risvegli alcun ricordo sulla carrozzeria Orofino. «So che c’era andata la Scientifica lì. Orofino era stato notato da un collega mentre salutava Salvatore Giuliano, noto mafioso, ho questo ricordo – spiega -, ma non so se questa circostanza fu collegata in qualche modo alla strage e da lì quindi la decisione di quel sopralluogo». Ascoltato solo dopo quasi cinque ore di esame dell’ex collega Giampiero Valenti, Militello sarà risentito a novembre.


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]