Il Giardino Inglese intitolato a Piersanti Mattarella Nuovo nome per la villa, ma anche vecchi problemi

A circa 170 anni dalla sua apertura, il Giardino Inglese ha una sua intitolazione: Parco Piersanti Mattarella. La cerimonia di scopertura della targa si è svolta stamattina in via Libertà, in occasione delle commemorazioni per il 40esimo anniversario dell’omicidio dell’ex presidente della Regione (fratello del presidente della Repubblica), avvenuto il giorno dell’Epifania del 1980 a poche centinaia di metri in linea d’aria dallo spazio verde.

Alla presenza dei familiari di Mattarella, delle autorità civili, militari e religiose, oltre che a circa un migliaio di cittadini, il sindaco Leoluca Orlando ha spiegato la decisione sostenendo che «questo non è un gesto di freddo ricordo, ma serve per fare memoria. È un omaggio che l’amministrazione comunale fa con gratitudine, dedicandogli il giardino che sorge in via Libertà, dove abitava, di fronte al cippo che ricorda Falcone, e cinto dalla via dedicata al generale Dalla Chiesa». Un politico, un rappresentante delle istituzioni che, ricorda il sindaco, «è stato un resistente della Costituzione, un eversivo in un sistema criminale e non trasparente. Mattarella impartiva il rispetto per il primato della politica con una tensione etica, e ci insegna che è possibile essere liberi dalla paura parlando con chi è diverso da noi».

Il ministro per il Sud, Giuseppe Provenzano, osserva come l’omicidio Mattarella «fu una dichiarazione di guerra della mafia allo Stato, fino alle stragi del ’92-’93. Quella mafia la guerra non l’ha vinta, le istituzioni hanno reagito, hanno eretto la legislazione antimafia che il mondo ci invidia e che ha consentito di minare profondamente il braccio militare della mafia. Ma non ha nemmeno perso, perché la sua capacità di penetrazione e condizionamento inquina l’economia nazionale. Gli amministratori locali subiscono atti intimidatori e si sentono troppo soli. Se la mafia non ha vinto e non ha perso, è perché quel lavoro che Mattarella aveva iniziato, di rinnovamento profondo delle istituzioni, va ancora completato a tutti i livelli per formare una nuova classe dirigente che rompa una tradizione di connivenze e complicità coi poteri criminali».

Così, ora che la parte più estesa del giardino all’inglese ha un suo nome (la porzione più piccola, a monte di via Libertà, il cosiddetto parterre, invece è intitolata da più di un decennio ai magistrati Giovanni Falcone e Francesca Morvillo), si auspica che tale importante riconoscimento possa aiutare le sorti di una villa che – anche a causa della sua estensione – presenta delle note dolenti di lungo corso.

La lista comprende la serra liberty, struttura che si trova vicino alla casa del custode e che versa in stato di abbandono, con vetri mancanti o rotti, cestini divelti, scritte spray. Ambiente che ha perso la sua ragion d’essere, vista la totale assenza di vegetazione al suo interno. Situazione pressoché analoga per il padiglione nei pressi della grande fontana centrale (che è ancora ingabbiata per il restauro), tra scritte e vetri bersagliati. E ancora la pavimentazione dissestata in più punti, la malandata targa intitolata all’ambientalista brasiliano Francisco “Chico” Mendes, senza dimenticare l’impianto di illuminazione guasto da anni che impedisce la fruizione dell’area verde non appena tramonta il sole, e l’annosa diatriba sui vialetti interni asfaltati che alcuni ritengono poco adatti per un giardino pubblico.

Ricordiamo che nel Piano triennale delle opere pubbliche si trascinano da almeno un quinquennio (e figurano anche nell’ultimo) la previsione di opere di restauro e recupero di giardino e parterre (costo preventivato un milione di euro) e il rifacimento dell’impianto di illuminazione pubblica dal valore di poco meno di due milioni, sebbene sull’utilità di quest’ultimi lavori l’amministrazione comunale è stata quantomeno perplessa.


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]