Il filo che lega il consigliere Petrina all’Etna bar Fondatore nel 2011 della società ora sequestrata

Il filo che lega il consigliere comunale di Catania Francesco Petrina e l’Etna bar risale almeno al 2011. E forse, a ben guardare, anche al 2008, quando la sede del suo comitato elettorale era proprio lo storico bar di via Galermo. L’attività commerciale è stata di recente sequestrata dalla magistratura. E da quel momento le attenzioni si sono rivolte tutte sulla World games srl, società che aveva in gestione il bar, la pizzeria, la sala ricevimenti e la ludoteca. Un’azienda intestata ad altri ma, secondo la magistratura, riferibile direttamente a Cosimo Tudisco, pregiudicato e già in carcere, ritenuto vicino al clan Cappello-Bonaccorsi. Tra le teste di legno che Tudisco avrebbe usato per gestire occultamente l’attività commerciale, ci sarebbe anche Rosaria Lanzafame (classe 1990), compagna dell’uomo e, per un periodo, amministratrice della World games. A fondare la società, nel 2011, è proprio Francesco Petrina, componente del senato cittadino etneo, eletto tra le file della maggioranza. «Non indagato e mai sentito dalla magistratura», precisa il suo legale.

Con capitale sociale di diecimila euro, è Petrina a detenere il 99 per cento delle quote all’atto di costituzione della società. Lasciando il restante 1 per cento a una donna, che – nonostante la partecipazione minoritaria – ne diventerà amministratrice unica. Ma la vicenda societaria della ditta è ben più complicata di così e si dipana come una matassa tra compravendite di quote e affitti di rami d’azienda. Comincia tutto il 20 settembre 2011, quando Francesco Petrina e Donata Elena Zanghì – una privata cittadina che non aveva mai avuto altre partecipazioni – fondano la World games. Un’impresa che, secondo la procura, è nata con lo scopo di gestire l’Etna bar. Il 13 dicembre dello stesso anno, la World games acquista dalla Aleval car – una snc all’epoca in liquidazione – il ramo d’azienda che gestisce il locale. È il 6 aprile 2012 quando, in effetti, la società apre una sede in via Galermo 338, avviando la propria stagione nel palazzone di tre piani adesso al centro delle cronache.

A cambiare, dal 2012 al 2014, sono ben poche cose. Solo che, all’inizio del 2014, la società del consigliere Petrina e di Zanghì smette di gestire il locale e lo affitta a un’altra società, la Vittoria srl, di cui è amministratrice unica e legale rappresentante un’altra donna: Graziella Ninfo. L’accordo è semplice: la World games affitta l’intera attività alla Vittoria, che ha sede legale in via Galermo 338 (cioè all’Etna bar) per 120mila euro l’anno, per un anno rinnovabile. Invece che versare i soldi in un’unica soluzione, le due srl decidono per un canone d’affitto mensile di diecimila euro. Pochi mesi dopo, le cose cambiano di nuovo: il 27 giugno 2014 il consigliere Francesco Petrina acquista il restante 1 per cento della World games. Pagando i cento euro di capitale sociale che gli mancavano per acquisirne la totalità e concordando con la sua ex socia, Donata Elena Zanghì, che il valore effettivo di quella quota societaria sia proprio di cento euro, cioè uguale al valore nominale.

Tredici giorni dopo, il 10 luglio, Francesco Petrina è di nuovo dal notaio. Stavolta per vendere il 100 per cento della World games. In mezzo ci sono ancora due donne: Rosaria Lanzafame, secondo la questura attuale compagna del presunto mafioso Cosimo Tudisco, e Maria Grazia Marchese. È con loro che Petrina conclude l’affare: il 34 per cento delle quote viene venduto a Lanzafame al prezzo di 17.500 euro; il 66 per cento, invece, va a Marchese, che paga 37.500 euro.

Da questo momento in poi il consigliere Petrina esce di scena e rimangono solo le due donne. Finché, nel 2016, spunta Agostino Pacifico, che diventa proprietario del cento per cento dell’impresa. È al periodo che riguarda Lanzafame, Marchese e Pacifico che la magistratura guarda col sospetto che, dietro alle attività commerciali, ci sia in realtà il clan Cappello. «Il mio assistito in questa vicenda non c’entra assolutamente nulla», dice Marco Mazzeo Viante, avvocato del consigliere comunale. «Faccio un esempio: se io vendo una macchina e poi quella macchina viene usata per fare una rapina, sono colpevole della rapina? – domanda il legale – Petrina è un imprenditore, ha fatto il suo lavoro e la magistratura non ha ritenuto di indagare su di lui. Tanto basta».

Non è la prima volta, però, che quel bar costa al politico di maggioranza la citazione in vicende giudiziarie non certo piacevoli. È per via dell’Etna bar che viene menzionato nella relazione della commissione antimafia all’Ars perché, nel corso del processo per voto di scambio all’ex governatore Raffaele Lombardo, il pentito Vincenzo Pettinati parla di un tale «Retina, Etna bar» per «metodi di scambio denaro-voti» in relazione alle elezioni del 2008. A individuare in «Retina» il consigliere Francesco Petrina è direttamente Lombardo. Nel corso di un processo in cui il consigliere comunale non è mai stato coinvolto e che vedrà, alla fine, l’assoluzione dell’ex presidente della Regione Siciliana «perché il fatto non sussiste». «Ma alle volte il sospetto è peggio di una condanna», conclude l’avvocato Mazzeo Viante.


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]