Il cognato di Messina Denaro e l’impero di Patti Dall’incontro dal barbiere agli affari di famiglia

Galeotto fu un incontro dal barbiere, secondo i diretti interessati. Determinante è stata invece una parentela di notevole peso, secondo la magistratura. Una cosa è certa: gli affari di Carmelo Patti, nato operaio e morto cavaliere del lavoro, per decenni hanno avuto in Michele Alagna l’ingranaggio centrale. Patti, imprenditore di Castelvetrano, ha costruito le sue fortune sull’asse Sicilia-Lombardia-Campania, prima come fornitore di Alfa Romeo e Fiat, poi nel settore dei villaggi turistici acquisendo la Valtur. Alagna è il fratello della compagna di Matteo Messina Denaro. L’unica relazione di fatto riconosciuta dal superlatitante: la donna, Franca Anna Maria Alagna, oggi 57enne, vive ancora a Castelvetrano nella casa della mamma di Matteo Messina Denaro, la signora Lorenza Santangelo. E lo stesso nome della nonna, Lorenza, porta la figlia, oggi 22enne, nata dal rapporto tra Matteo Messina Denaro e Franca Anna Maria Alagna. «Sia l’età della donna (all’epoca del parto aveva 35 anni ndr) che la scelta della famiglia del boss di accoglierla in casa – si legge nel decreto di confisca – sono segni di una relazione che durava da tempo e la maternità una scelta consapevole, maturata con la stabilizzazione (nei termini in cui una relazione con un latitante può esserlo) del rapporto negli anni».

Secondo la magistratura palermitana e trapanese, è in nome di questo legame di parentela, che Michele Alagna avrebbe gestito gli interessi del superlatitante. Sia in ambito familiare, sia in quello degli affari. A cominciare dalle società di Patti, a cui il Tribunale ha confiscato un patrimonio di un miliardo e mezzo di euro, perché ritenuto funzionale agli interessi della famiglia mafiosa di Castelvetrano.

All’inizio degli anni Novanta Alagna insegna all’istituto tecnico Ferrigno di Castelvetrano. E muove i primi passi da commercialista. Nel 1991 ha un «illuminante e casuale incontro» dal barbiere. Conosce quel Carmelo Patti di cui diventerà nei decenni successivi inseparabile compagno di affari. A presentarglielo è il nipote, Giovanni Patti. E così il non ancora cavaliere ma già affermato imprenditore fornitore della Fiat, affida ad Alagna la contabilità delle sue aziende. Nonstante, per stessa ammissione del commercialista ai magistrati, in quel momento avesse un solo cliente, un locale commerciante di biancheria. «Patti aveva molta fiducia nei giovani», sottolinea ai pm Alagna. Che diventa così il dominus della Cable Sud srl, l’azienda che effettuava l’assemblaggio dei cavi elettrici per lo stabilimento Fiat di Termini Imerese e per altre fabbriche dove si produceva la Fiat Marea e alcuni modelli di Alfa Romeo. 

Per i giudici che hanno disposto la confisca, Alagna – assolto, così come Patti, nel procedimento penale – sarebbe il regista della complessa architettura societaria a forma piramidale finalizzata a una colossale evasione fiscale, per permettere la creazione di riserve di fondi neri con cui finanziare il clan. In pratica la Cable Sud avrebbe affidato a terzi il concreto assemblaggio dei cavi elettrici, limitandosi a operare un collaudo sul prodotto finito, ma queste imprese – tutte dislocate a Castelvetrano – sarebbero state solo cartiere, senza nessuna capacità imprenditoriale, costituite per emettere fatture per operazioni inesistenti, allo scopo di evadere l’Iva e l’Irpeg. È il pentito Angelo Siino, ministro degli appalti di Cosa Nostra palermitana per anni, a dare conferma che la falsa fatturazione era finalizzata ad aprire canali di finanziamento per la consorteria mafiosa. Ma Alagna ha continuato a curare gli interessi di Patti anche con l’affare Valtur e la costruzione di villaggi turistici in Sicilia. 

Perché un semplice commercialista è stato protagonista di questa inarrestabile ascesa? Secondo il Tribunale di Trapani è «facilmente spiegabile con la parentela con Matteo Messina Denaro». Un rapporto non solo di affari. Alagna infatti era diventato uno di famiglia tra i Messina Denaro. Al punto da rappresentare il superlatitante anche in vicende delicate, come quando si dovette discutere della nascente relazione tra Patrizia Messina Denaro, sorella di Matteo, e Gaspare Como (i due poi si sposarono e Como è accusato di aver sostenuto gli interessi della primula rossa). Un rapporto che, stando alle intercettazioni captate dai magistrati, avrebbe fatto storcere qualche bocca a casa Messina Denaro. In un incontro risolutore con i parenti al completo, Alagna sarebbe stato presente «per conto» del super latitante. Partecipando «con un certo distacco e umorismo», annota un testimone. Proprio come uno di famiglia.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]