«Ieri ero all’Ars, non c’erano i deputati» L’assessore Baccei al contrattacco

Sarà pure rinchiuso nella sua torre d’avorio, così come lo descrive la stampa regionale. Ma i giornali siciliani li legge. E non ha gradito quello che hanno riportato ieri. Parliamo di Alessandro Baccei, il commissario inviato dal Governo Renzi in Sicilia nelle vesti di assessore regionale all’Economia. E della notizia relativa alla sua assenza dalla Commissione Bilancio dell’Ars, dove avrebbe dovuto illustrare, almeno a grandi linee, la manovra economica per il 2015. 

Marco Falcone, capogruppo di Forza Italia, non si è lasciato sfuggire l’occasione per stigmatizzare l’atteggiamento dell’inviato romano: «La verità- ha detto a Meridionews- è che questo assessore Baccei non ha nessun titolo per svolgere il ruolo che gli è stato assegnato. Non è un tecnico, è solo un uomo del Governo Renzi, probabilmente in cerca di una occupazione, che è stato inviato qui per tacitare la Sicilia dinnanzi ai tagli imposti dal suo Governo. Non solo snobba il Parlamento, ma non ha neanche idea di come risolvere i problemi».

Solo che, per quanto mi riguarda, considero fondamentale il rispetto della puntualità per fare bene le cose e ottimizzare i tempi dei tanti incontri. Certo, mi si potrà criticare per non essere allineato coi tempi dei caffè della politica».

Critiche, quella di Falcone come di altri, che Baccei, evidentemente non ha digerito. Tanto che, per la prima volta dal suo insediamento, si è concesso alla stampa siciliana con un comunicato stampa. Nel quale afferma di essersi recato all’Ars «per un passaggio veloce» ma che ad attenderlo avrebbe trovato solo il Presidente della Commissione Bilancio, Nino Dina. 

Insomma, rigira la frittata. Anche se su un un punto ha sicuramente ragione: non c’erano i deputati della maggioranza di cui fa parte. Cosa che l’opposizione ieri ha denunciato puntualmente. 

«In merito al mio mancato rispetto del Parlamento che è stato fatto circolare dai mezzi di stampa,- dice Baccei- ad onore del vero, voglio precisare che ieri mattina (18 dicembre), avendo in contemporanea Commissione e Giunta avevo concordato con il Presidente Dina di fare un passaggio veloce per illustrare le linee guida del Bilancio per poi andare in Giunta quando il Presidente Crocetta mi avesse chiamato.  Il Presidente Dina – prosegue l’assessore- mi ha garantito che avrebbe chiamato tutti i deputati per raccomandare la massima puntualità. Nonostante una occupazione dei locali del mio ufficio da parte degli ex PIP, sono giunto in perfetto orario all’ARS e ho trovato il Presidente Dina, da solo, ad accogliermi». 

E ancora: «Sono stato in commissione fino alle 11,30 quando mi ha chiamato il Presidente Crocetta per la riunione di Giunta. In quella mezz’ora non è stato però possibile iniziare la discussione sul bilancio in quanto nel frattempo erano giunti solo due o tre deputati. Questi i fatti che attestano come da parte mia non vi sia stata nessuna mancanza di rispetto del Parlamento».

Baccei quindi, tira fuori il suo piglio snob: «Solo che, per quanto mi riguarda, considero fondamentale il rispetto della puntualità per fare bene le cose e ottimizzare i tempi dei tanti incontri. Certo, mi si potrà criticare per non essere allineato coi tempi dei caffè della politica».

Non sarà allineato con i tempi dei caffé, ma, forse, neanche con i tempi di un Parlamento, dove solitamente non basta un «un passaggio veloce» per illustrare le linee guida del bilancio. 

A proposito del bilancio, Baccei dichiara che «è bene precisare che ci troviamo di fronte ad un bilancio estremamente complesso e stiamo mettendo in atto tutte le azioni possibili per risparmiare spesa ed avviare un ciclo di riforme strutturali indispensabili per la Sicilia. In contemporanea stiamo cercando di verificare le verifiche preliminari con i diversi attori che saranno coinvolti nell’iter di approvazione».

Nessun accenno, almeno in questa nota per la stampa, alla madre dei problemi finanziari di quest’anno, alias i prelievi del Governo nazionale:  915 milioni di euro nel 2013 e un miliardo e 350 milioni di euro quest’anno. Questi accantonamenti, come si chiamano in gergo, hanno mandato completamente in tilt i conti della Regione. Per non parlare dello scippo di 500 milioni di Fondi Pac che sta prendendo forma in queste ore. 

L’assessore renziano, quindi, si celebra un pochino: «All’atto dell’insediamento, il 5 novembre ho fatto una promessa: che entro il 15 Dicembre avrei presentato alla Giunta il DEF, il Bilancio, la Legge di Stabilità e un Piano di Riforme Strutturali. E così è stato, grazie al lavoro incessante protratto anche fino a tardissima ora e di tutti i week-end dal mio staff e del personale dei Dipartimenti».

Sarà pure come dice lui. Ma non si era mai visto nessun Governo, come ha ricordato il numero uno di Sala d’Ercole, Giovanni Ardizzone, arrivare al 19 Dicembre senza avere presentato lo schema di manovra economica all’Ars. Senza il quale non è possibile procedere con l’esercizio provvisorio. 

«Capisco che ognuno deve stare al suo ruolo e fare il proprio lavoro. Però occorre un richiamo netto agli obblighi ed alle responsabilità di tutti gli attori, politici e sociali. Fa specie – chiosa Baccei- che in un momento di estrema criticità e forte tensione sociale quale quello che stiamo vivendo, si soffi strumentalmente sulla polemica solo per conquistare dalla stampa qualche rigo di attenzione».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]