Homo Faber, la mostra fotografica di Maria Di Miceli Città che parlano attraverso gli occhi dell’osservatore

Le città parlano. Anche (o soprattutto) a chi le visita per la prima volta. Ciò che comunicano però non è lo stesso messaggio per tutti. La cosa vista è insita nel modo di vedere dell’osservatore. Negli scatti di un artista/viaggiatore, ciò che diventa interessante è cosa il protagonista cerca spontaneamente là dove il viaggiatore trova accidentalmente. Nell’artista Maria Di Miceli, che inaugura domani 7 giugno – e visitabile fino al 19 dello stesso mese – alla Fabbrica 102 la propria mostra fotografica intitolata Homo Faber, è evidente la ricerca delle geometrie, l’ossessione e la ricerca di dettagli che decontestualizzano le cose dalla loro funzione abituale e scombinano le gerarchie. Sono spesso dettagli che non polarizzano abitualmente l’attenzione dell’osservatore comune ma l’artista li vuole al centro della composizione. 

La serie si presenta come una caccia al tesoro, durante la quale raccogliere gli indizi per ricomporre un luogo, le cose del luogo che l’artista ha cercato e il viaggiatore ha scoperto. Quando il viaggiatore si imbatte nella figura umana (a un certo punto addirittura nella propria, attraverso uno specchio), questa si imprime nello scatto. E l’artista viene colto impreparato, seppure sia ‘costretto’ a tenerne conto. Quindi solo ombre o riflessi o immagini finite per caso nella foto, come la donna al telefono di spalle. 

Eppure l’essere umano è costantemente presente nelle cose. Quello che l’artista/viaggiatore Maria Di Miceli ricostruisce è infatti un paesaggio strettamente connesso alle attività umane e per questo in continuo divenire. Già a partire dal titolo della serie, Homo Faber, la relazione dell’uomo con i luoghi è dichiarata, così come la possibilità che i luoghi offrono di un continuo atto creativo legato alla percezione. L’oggettività delle cose non esiste e se esistesse non sarebbe altrettanto interessante. Quella che osserviamo è la Sydney che il viaggiatore-artista Maria Di Miceli ha catturato nell’inverno del 2015 con la sua Nikon D5000.

Nota sull’artista

Maria Di Miceli nasce a Palermo nel 1979. Dal 1990 vive a Verona. Impiegata nel settore farmaceutico, da sempre subisce il fascino della fotografia e nel 2008 compra la sua prima Reflex, iniziando un percorso formativo con il maestro Fernando Zanetti. Con lui scopre il potenziale del mezzo e comincia una ricerca personale che, scatto dopo scatto, la spinge a decidere di portare la sua fotografia ad un livello maggiormente maturo e professionale. La visita al Vittoriale degli italiani, ultima dimora del celebre poeta Gabriele D’Annunzio, segna una svolta nella forma mentis di Maria e la nascita del suo primo progetto artistico organico, seguito da molti altri, in un work in progress di costante ricerca. Le sue fotografie si pongono come mezzo per trasmettere emozione e dialogo con lo spettatore. La stessa assenza di titolo mira a stimolare l’interpretazione personale, unica e soggettiva.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]