Grid open day: verso un unico archivio del sapere

Una potenza di calcolo e una capacità di archiviazione gigantesche al servizio della conoscenza scientifica come di quella umanistica. Sono le caratteristiche della piattaforma Grid, di cui lunedì, ai Benedettini, hanno discusso insoeme fisici, storici e letterati. La piattaforma interessa ormai tutti gli istituti di ricerca del globo, almeno limitatamente ai paesi sviluppati, in ambito scientifico-tecnologico, storico-archivistico, medico, musicale e non solo. Ma cos’è e da dove nasce tale piattaforma? A spiegarlo è Roberto Barbera, responsabile della Grid e dell’INFN (Istituto Nazionale di Fisica Nucleare).

«La piattaforma Grid nasce dalla necessità di fornire risorse di calcolo “federate”, che possano risolvere problemi scientifici attraverso la catalogazione comune di dati, in numero nettamente superiore rispetto a quelli raccolti in un singolo dipartimento. Il nome Grid è mutuato da “power grid”; così come non abbiamo coscienza della rete elettrica a cui facciamo riferimento quando utilizziamo una presa di corrente, allo stesso modo si accede alla rete per reperire dati di cui si disconosce la reale provenienza. L’obiettivo che si vuole raggiungere in Sicilia è quello di creare uno spazio di collaborazione tra i vari istituti di ricerca, in grado di fornire servizi e possibilità di sviluppo alle medie e piccole imprese».

Un ruolo importante nell’espansione di tale piattaforma è svolto dalla Facoltà di Lettere e Filosofia di Catania, che, come aggiunge Barbera, «ha recepito l’importanza di tale progetto, che in ambito umanistico può essere utilizzato come disco di archiviazione. Si parla dunque di una piattaforma di conoscenza per la fruizione di testi antichi».

Le operazioni di catalogazione infatti, sono indispensabili in qualsiasi contesto bibliotecario, tradizionale o innovativo, e la facoltà di Lettere ha già da tempo avviato progetti in tale ambito: pensiamo alla catalogazione informatizzata che da anni si fa nella Biblioteca di Facoltà, o al lavoro della prof.ssa Simona Inserra per il cdl di Scienze dei Beni Culturali a Siracusa; o ancora alla Biblioteca Digitale ideata e realizzata dal prof. Gino Longhitano.

Così come non va dimenticato il lavoro svolto dal laboratorio multimediale di sperimentazione audiovisiva (la.mu.s.a.) della Facoltà di Lettere e Filosofia di Catania da Alessandro De Filippo (e dai suoi collaboratori). «La collaborazione – spiega De Filippo – è nata su richiesta dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), che si occupa della dissemination, cioè di far conoscere il progetto Grid e contemporaneamente di coinvolgere al suo interno nuovi progetti di ricerca. Uno dei passi importanti per sviluppare la piattaforma Grid è condividerla con altre realtà, cioè mettere in rete tra loro contenuti di natura diversa e provenienti da ricerche differenti».

Il Grid è un’e-infrastruttura, che mette a disposizione fondamentalmente due elementi: la potenza di calcolo (2000 processori) e la capienza di archiviazione (300 TeraByte). «Aprendo alle Facoltà umanistiche – sottolinea De Filippo – il Grid ha compiuto un passo importante per il suo stesso sviluppo e ha offerto notevoli risorse alla nostra ricerca. Noi come laboratorio multimediale di sperimentazione audiovisiva (la.mu.s.a.) della Facoltà di Lettere abbiamo fatto da ponte tra ricerca umanistica e ricerca scientifica. Noi lavoriamo da sempre con il digitale: video, fotografia, grafica vettoriale, digitalizzazione di testi, editoria multimediale. Era naturale che in qualche modo rappresentassimo il “punto d’accesso” della Facoltà al Grid. Il ruolo che ci spetta ora sarà meno visibile, ma molto più delicato, perché faremo i facilitatori della comunicazione nello scambio di conoscenze tra la Facoltà e il Grid. La giornata di studi Open Grid day serve proprio a questo, perché dà la possibilità di conoscere cosa c’è e cosa si potrà costruire insieme».

Bisogna capire però se esista o meno una possibilità di “libero” accesso da parti di tutti gli utenti alla piattaforma. «Vorrei sciogliere un equivoco – aggiunge De Filippo –. Il Grid non è un sito internet. L’accessibilità dei dati viene vagliata e si differenzia di caso in caso. Il Grid offre una infrastruttura solida, ampia e sicura. I dati sono conservati, protetti, resi accessibili a chi ha le corrette autorizzazioni. Conservare i propri dati in Grid non significa condividerli. Significa solo conservarli e proteggerli. Il discorso della condivisione va pensato, deciso e attuato in un secondo momento. Possiamo decidere di rilasciare i permessi (rights) a tutti coloro che ne fanno richiesta oppure fare una selezione di dati e stabilire che alcuni sono accessibili con certi rights e altri no. Ogni volta che Grid “ospita” un progetto, sono i responsabili di quel progetto a stabilire l’accessibilità dei dati archiviati. Grid è un’infrastruttura, offre spazio, offre una stanza piena di scaffali perfetti, funzionanti e sicuri, dove gli ospiti possono archiviare i propri dati; poi sono gli ospiti che decidono a quanti utenti duplicare le chiavi della stanza. Ci vuole un certificato d’accesso, che vale solo per un singolo utente, solo per certi dati specifici e solo per un periodo di tempo stabilito».

Dal punto di vista tecnico, contare sulla potenza di calcolo offerta da questa e-infrastruttura vuol dire impiegare poco tempo per fare cose complicatissime che prima richiedevano elaborazioni di mesi se non di anni. «Quando nel ’95 ho cominciato a montare in digitale – racconta ancora De Filippo –, con una macchina che costava 60 milioni di lire per fare una semplice dissolvenza incrociata tra due clip ci volevano 5 minuti di rendering. Oggi un qualsiasi pc portatile da mille euro calcola la stessa dissolvenza in tempo reale. Pensate di avere 2000 processori che calcolano le vostre operazioni. Che cosa volete calcolare? Il difficile, per la mia generazione, è non desiderare in piccolo. Probabilmente per voi studenti sarà più semplice». Anche perché la tecnologia odierna non pone limiti ai desideri.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]