Gli ultimi pensieri di Messina Denaro: la deriva della mafia e il rapporto con la figlia Lorenza

Emergono alla spicciolata i dialoghi tra Matteo Messina Denaro e i pubblici ministeri che hanno provato a farlo parlare il 7 luglio, nel carcere de l’Aquila, un paio di mesi prima della sua morte. Il boss di cosa nostra parla di tutto, sembra avere raggiunto anche un buon livello di confidenza con i magistrati, ma non entra mai nello specifico, non concede niente se non opinioni personali, racconti, persino giudizi e una grande preoccupazione: quella relativa al destino e al suo rapporto con la figlia Lorenza, riconosciuta solo poco tempo prima di morire.

«Credo che di carte di identità false ce ne fossero 20 o 15. Io ne ho sempre avute a quantità» dice parlando dei documenti ritrovati nel covo di Campobello di Mazara, sembra voler dire qualcosa in più, ma quando i pm chiedono informazioni a riguardo svicola: «Li avete trovati? Ce ne erano tanti, pure bianchi». E ancora: «Tutti i miei documenti vengono da Roma perché a Roma ci sono documenti per chiunque, documenti seri, ovviamente pagando. C’è una strada in cui vanno tutti in Italia perchè sono gli stessi che li forniscono a tutti».

«Io non ho mai fatto problema di soldi e cose… – dice – se lei fa un certo tipo di mestiere e rischia la galera, è normale che se mi presento io, me li dà senza soldi, ma non è giusto da parte mia; allora io faccio presentare un’altra persona e glieli ho sempre pagati e strapagati». Una vita difficile quella del boss, che appare infastidito dai paragoni con i “colleghi” di una cosa nostra che pare proprio non essere quella di un tempo.

«Il mio mondo viene trasfigurato, non una metamorfosi normale, proprio una cosa indecente – Non potete mettere menomati mafiosi, senza voler offendere i menomati – spiega – quando cominciate a prendere basse canaglie, gente a cui non rivolgevo nemmeno il saluto e li arrestate per mafiosità, allora in quel momento il mio mondo è finito, raso al suolo». Tra i più detestati da Messina Denaro, Gino Abbate detto ‘u Mitra, capomafia del quartiere Kalsa di Palermo. «Fa più schifo di qualcuno che lo ha generato e lo fate passare per mafioso?. I veri mafiosi sono altri, sono in giro».

Il pensiero più insistente di Messina Denaro però è per la figlia Lorenza e per i diari che il boss ha scritto per lei, che ora sono in mano alla magistratura. «Erano per mia figlia – spiega – per cercare di farle capire chi ero io, quello che ho vissuto. Cosa si è concluso nel dare in pasto alla stampa discorsi privati?» chiede ai magistrati, che rispondono tuttavia che ne è stato fatto solo un uso processuale. «Stiamo cercando di chiarirlo (il rapporto ndr). Ora si metterà il mio nome. Un giorno le spetterà avere questi diari?». «Nella misura in cui non serviranno più per i processi, certo» la risposta. 


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]