Giarre, il porta a porta riparte. Per l’ennesima volta Rifiuti Zero: «Poca trasparenza sul nuovo bando»

Doveva partire a novembre secondo gli annunci dell’amministrazione. Ma ancora la raccolta porta a porta dei rifiuti a Giarre non ha avuto inizio. Adesso il sindaco Roberto Bonaccorsi e l’assessore all’Ecologia Salvo Patanè annunciano il nuovo start: «Tutto è pronto per l’attivazione, dal mese di marzo si comincia». Ma se è nota la data di avvio del nuovo servizio, non sono ancora chiari quali saranno le caratteristiche che contraddistingueranno il prossimo bando sui rifiuti che sarà valido per sette anni. Il porta a porta infatti da marzo sarà ancora effettuato dalle ditte che negli ultimi mesi – dopo il caos Aimeri – hanno gestito la raccolta. Solo successivamente – probabilmente entro l’anno – verrà aggiudicato ed entrerà a regime il nuovo bando. Attualmente bloccato all’Urega (l’ente regionale che si occupa dei grandi appalti). 

Poco trapela anche a proposito del Piano d’intervento, il documento su cui si basa il nuovo bando. Che riveste un’importanza cruciale per la città, soprattutto alla luce delle passate infiltrazioni della criminalità organizzata nella gestione dei rifiuti, al centro del processo Nuova Ionia, in svolgimento. Processo che non coinvolge in nessun modo l’attuale amministrazione. «Il metodo adottato per il nuovo bando è un esempio di scarsa trasparenza», secondo Danilo Pulvirenti, presidente dell’associazione Rifiuti Zero Sicilia, che, nonostante la richiesta, non è stata coinvolta nel percorso di progettazione del piano. 

L’assessore Patanè, tuttavia, spiega quali sono i punti fondamentali previsti nel piano d’intervento: un servizio misto di raccolta porta a porta e la collocazione di cinque punti ecologici (cioè la batteria di cassonetti differenziati), la realizzazione di un’isola ecologica nella frazione di Trepunti, una casa dell’acqua e l’installazione di telecamere per la video sorveglianza. «Siamo molto soddisfatti del lavoro fatto – spiega Patanè – e con la collaborazione dei cittadini siamo certi che il servizio si rivelerà funzionale. Da adesso fino a marzo lavoreremo per sensibilizzare la cittadinanza sul tema della raccolta differenziata, grazie a una serie d’incontri nelle scuole, nelle parrocchie e con le associazioni del territorio, in modo che tutte le componenti sociali siano perfettamente consapevoli dell’importanza del servizio. Meglio funzionerà, più gli utenti risparmieranno». Intanto da mesi il bando è ancora fermo negli uffici dell’Urega, l’Ufficio regionale per l’espletamento di gare per l’appalto di lavori pubblici. Sarà proprio l’ente regionale a gestire la gara. Dall’amministrazione di Giarre c’è ottimismo per i tempi di pubblicazione. Ma non ci sono date certe. 

Critiche sui ritardi e sui costi vengono da Angelo D’Anna, leader del movimento politico Città Viva. «Per un anno e mezzo – spiega – i cittadini hanno pagato una parte delle loro tasse per un servizio di raccolta differenziata che a conti fatti non è mai entrato in funzione, si poteva quindi continuare ad offrire il servizio nelle frazioni, dove in passato era già stata avviata con buoni risultati. Spero che non ci siano ulteriori slittamenti».

La legge prevede che il nuovo bando nasca a seguito della stesura di un Piano intervento, redatto dal Comune e approvato dall’assessorato regionale all’Ecologia. L’associazione Rifiuti Zero – che ha contribuito come consulente alla realizzazione dei piani d’intervento in Comuni virtuosi come Zafferana, Mascalucia e Ferla dove si sono raggiunte alte percentuali di raccolta differenziata – aveva proposto all’amministrazione giarrese di collaborare.

«Il nostro aiuto però è stato rifiutato – spiega il presidente regionale, Danilo Pulvirenti – Avevamo avanzato delle proposte che in altri Comuni hanno portato a ottimi risultati, ma nessuno si è mostrato interessato. Inoltre, nonostante esplicita richiesta, non ci è stato mostrato il Piano d’intervento, e questo è un esempio di scarsa trasparenza. Noi ci auguriamo il meglio, ma se il piano non è stato realizzato in maniera ineccepibile, il rischio è quello di cadere nel caos anche dinnanzi ad una cittadinanza virtuosa e ben responsabilizzata». 

Secondo Pulvirenti, nella stesura del piano d’intervento, non esiste un modus operandi universale. «La metodologia d’approccio alla differenziata varia a seconda delle caratteristiche del Comune, alla conformazione geografica del territorio, alla posizione, se a mare o in montagna, alla vocazione turistica, alla presenza di un unico agglomerato urbano o di tante frazioni. Spero – conclude Pulvirenti – che l’amministrazione giarrese abbia preso in considerazione tutte queste caratteristiche». 


Dalla stessa categoria

I più letti

L'amministrazione del Comune ionico ha annunciato che a marzo inizierà la raccolta differenziata porta a porta. Non ci sono tempi certi, invece, per la pubblicazione del bando per i prossimi sette anni. «Avevamo avanzato delle proposte e chiesto di vedere il piano d'intervento, ma il nostro aiuto è stato rifiutato», spiega il presidente regionale dell'associazione

L'amministrazione del Comune ionico ha annunciato che a marzo inizierà la raccolta differenziata porta a porta. Non ci sono tempi certi, invece, per la pubblicazione del bando per i prossimi sette anni. «Avevamo avanzato delle proposte e chiesto di vedere il piano d'intervento, ma il nostro aiuto è stato rifiutato», spiega il presidente regionale dell'associazione

L'amministrazione del Comune ionico ha annunciato che a marzo inizierà la raccolta differenziata porta a porta. Non ci sono tempi certi, invece, per la pubblicazione del bando per i prossimi sette anni. «Avevamo avanzato delle proposte e chiesto di vedere il piano d'intervento, ma il nostro aiuto è stato rifiutato», spiega il presidente regionale dell'associazione

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]