Gela, su area di crisi complessa ancora tutto fermo M5s: «In arrivo 600mila tonnellate di olio esausto»

Se a livello nazionale destra e 5stelle sembrano tenere l’alleanza, in Sicilia le due parti politiche continuano a punzecchiarsi. L’ultima occasione di scontro riguarda l’area di crisi complessa di Gela, che prevede un accordo di programma per la riqualificazione di una zona molto vasta della Sicilia – 23 Comuni distribuiti in quattro province – con un investimento promesso di 25 milioni di euro. Di questi, 15 milioni dovrebbero arrivare da Roma attraverso i fondi Pon e altri 10 dalla Regione con i fondi Pac. Ma su questi fondi il gruppo di Diventerà Bellissima punta il dito sul governo nazionale. 

«Dopo innumerevoli ritardi, i piani sono ripartiti da quando si è insediato il governo Musumeci – dice la presidente della quarta commissione dell’Ars Giusy Savarino – e siamo arrivati a un accordo di programma che aspetta soltanto la firma del governo nazionale per diventare esecutivo». Speculare è il commento di Giancarlo Cancelleri. «C’è una imbarazzante continuità con l’operato del governo Crocetta – afferma il deputato pentastellato – La Regione si è limitata a fare un compitino scialbo e senza prospettiva di sviluppo, l’area fra Caltanissetta e Gela non può ancora subire scelte miopi che affossano ancora di più un territorio spesso dimenticato e sempre martoriato».

Sono passati più di quattro anni dalla chiusura dell’ex raffineria di Gela e, già nei mesi successivi, si cominciò a parlare di accordo di programma per far uscire dalle secche economiche un territorio già segnato dalla presenza industriale. Per questo motivo c’era molta attesa per l’incontro di ieri all’Assemblea Regione Siciliana, dove le commissioni Ambiente e Attività produttive hanno tenuto un’audizione congiunta, invitando l’amministratore delegato di Invitalia Domenico Arcuri. È proprio l’agenzia nazionale per lo sviluppo d’impresa che sta coordinando le procedure che dovrebbero condurre all’avvio delle attività nei territori che insistono lungo il perimetro dell’ex raffineria, in gran parte inutilizzati. 

A subentrare a Eni dovrebbero essere aziende locali, regionali e nazionali. Nel suo intervento Arcuri ha spiegato che sono sono state finora 432 le manifestazioni di interesse da parte di imprese che potrebbero diventare dei progetti di rilancio per la città di Gela. Anche se si è registrata una parziale delusione perché non è stato menzionato neanche il nome di un’azienda né un progetto concreto, dopo la recente call varata per individuare le proposte migliori. E così rimane ancora sconosciuto l’elenco delle aziende selezionate per insediarsi nell’area. 

Dopo la polemica sulla mancata convocazione dei sindacati – mentre nell’elenco diffuso dall’Ars risultavano anche i manager Eni, gli imprenditori di Sicindustria e numerosi sindaci dei Comuni compresi nell’area di crisi – ha destato qualche sorpresa la presenza, in veste di uditore, dell’ex vicesindaco di Gela Simone Siciliano. Perché se da una parte è vero che è colui che più di tutti ha spinto per l’accordo di programma nei suoi tre anni e mezzo di giunta Messinese, dall’altra è altrettanto vero che da poco meno di un mese Siciliano è decaduto dal suo ruolo a seguito della sfiducia dell’intero consiglio comunale. 

Così all’incontro di ieri si è appreso che sono in arrivo nel territorio gelese circa 600mila tonnellate di olio esausto, sia via mare (tramite navi) che via terra (tramite gommato). E che serviranno per l’avvio della cosiddetta
green refinery, che partirà nel 2019, con oltre un anno e mezzo di ritardo rispetto al cronoprogramma sancito nel 2014. «Non vorremmo – dice il deputato pentastellato Nuccio di Paola – che la toppa fosse peggiore del buco, e si passasse dalla padella alla brace. Tutti e quattro i progetti di cui abbiamo notizia sono relativi a trattamento dei rifiuti. Per la rinascita del comprensorio ci aspettiamo ben altro. E con noi lo aspettano 24 Comuni e 400mila abitanti».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]